Statistiche web

WSBK 2016 Thailandia: prima Superpole di VD Mark, poi Rea e Sykes

L'olandese del Team Ten Kate conferma la performance delle prove libere, conquistando la superpole grazie al suo ottimo 1'33"452, seguito da Jonathan Rea e Sykes, che hanno un tempo fotocopia (1'33"671). Seconda fila per Davies, Guintoli e Giugliano. Baiocco, che è riuscito ad entrare nella SP2, conclude 12°. Info e tempi

SP1: Abraham il più veloce, zampata finale di Baiocco

Al via del primo turno di Superpole, Camier è l’unico a girare al di sotto del muro dell’ 1’36”, precedendo Brookes, Barrier e Abraham. È proprio quest’ultimo che, però, riesce a girare in 1’35”242 e si porta in testa alla classifica provvisoria. Intanto arriva la caduta, senza conseguenze, della wild card Kaewjaturaporn. A 8 minuti dal termine, Xavi Forès supera Camier di appena 16 millesimi e si porta in seconda posizione, mentre Baiocco è quarto; nel giro successivo Forès riesce a migliorare la sua prestazione di circa 40 millesimi. Si segnala che le RSV4 di Savadori e De Angelis sono le uniche a superare il muro dei 300 km/h (304 e 303 per la precisione). A 5 minuti dalla fine della SP1, i piloti rientrano ai box per montare le gomme nuove e tentare l’accesso alla SP2. Karel Abraham, a 3 minuti dalla bandiera a scacchi, si migliora ancora girando in 1’34”9, così come Savadori che gira più veloce di Baiocco e si porta a ridosso di Xavi Forès (attualmente secondo) che non ancora uscito dai box. Josh Brookes, con una zampata improvvisa, riesce a girare nell’ordine dell’1’35”2. Sotto la bandiera a scacchi, Baiocco riesce nell’impresa: con un vantaggio di appena 2 millesimi rispetto all’australiano del Team Milwaukee BMW, l’italiano del team VFT si prende la seconda posizione e l’accesso in SP2! Rimane così escluso per un soffio il campione 2015 della BSB, seguito da Camier, Ramos, Forès, Barrier, Savadori e De Angelis. 

SP2: Van Der Mark è imprendibile

I piloti iniziano il secondo turno di Superpole con gomme da gara. Dopo il primo giro veloce, Rea gira subito in 1’34”870, ma Lowes e VD Mark nel giro successivo migliorano il tempo del campione in carica, fermando il cronometro in 1’34” e 3. Sempre Van Der Mark, ad 8 minuti dalla fine, conferma la sua prima posizione provvisoria girando in in 1’34”2, con Guintoli secondo che, grazie al suo 1’34”306, precede il compagno di squadra Lowes. Quarto tempo provvisorio per Giugliano, che si mette davanti al duo Rea – Sykes. A 7 minuti dalla bandiera a scacchi i piloti rientrano ai box per il consueto cambio gomme, montando le coperture supersoft da qualifica. Fino ad ora, la velocità di punta (303 km/h) è stata toccata dalla ZX-10R di Rea, dalle BMW S 1000 RR di Abraham e dalla CBR 1000 RR SP di Nicky Hayden. I piloti iniziano ad uscire dalla pit lane a 4 minuti dal termine. Strategia differente per i due piloti KRT: Rea monta il treno di gomme da tempo, mentre Sykes opta solo per il pneumatico posteriore. Chaz Davies, a 2 minuti dal termine, gira in 1’34”025, un tempo che sarebbe potuto essere migliore se Giugliano non lo avesse involontariamente ostacolato  al terzo settore; Hayden si migliora ed è 5°. Lo fa anche Davies, che segna un 1’33”844, ma Sykes brucia il tempo del gallese e gira in 1’33”6. Van Der Mark fa un super giro, e conquista la pole provvisoria a 37 secondi dal termine: 1’33”5. Con la bandiera a scacchi che sventola sul traguardo, il numero 60 del Team Ten Kate Honda conferma la sua posizione con uno straordinario 1’33”452 e ottiene la prima pole in carriera! L’ultima pole position di casa Honda risale al 2014, ottenuta da Jonathan Rea a Imola. Tempo fotocopia per Jonathan Rea (2°) e Tom Sykes (3°): 1’33”671, che precedono Chaz Davies e Sylvain Guintoli. Davide Giugliano partirà 6° grazie al suo 1’33”983, precedendo Alex Lowes e Hayden. Chiudono la top 10 i piloti del Team Althea BMW Retierberger e Torres. Baiocco conclude 12°.

Da segnalare che la pole di Van Der Mark è stata più lenta di circa 70 millesimi rispetto a quella ottenuta da Rea l’anno scorso e di 60 rispetto al secondo posto ottenuto da Haslam sulla RSV4 ufficiale. Lowes, che nel 2015 ottenne il terzo tempo in 1’33”738, mentre quest’anno ha girato ben 6 decimi più lento. 

Ora mettiamoci in modalità gara: qui gli orari TV di Gara 1, e non dimenticate che fino a 5 minuti prima della partenza potete giocare a FANTAMOTOCICLISMO.

SCOPRITE QUI IL REGOLAMENTO E CLICCATE QUI PER PARTECIPARE.

Superpole 1: la classifica

Superpole 2: la classifica

© RIPRODUZIONE RISERVATA