Rea vince anche Gara 2 in Australia. 2° VD Mark, 3° Giugliano

Il campione in carica centra la doppietta nel primo appuntamento del 2016, seguito da un VD Mark in splendida forma con la pur "anziana" Honda. Giugliano chiude il podio, dopo aver superato all'ultima curva Nicky Hayden. Un indiavolato Davies cade all'ultimo giro quando lotta per la vittoria, conclude comunque10°. Solo 6° Sykes dietro a Guintoli (5°)

SBK 2016, PHILLIP ISLAND: il reporti di GARA 2 giro per giro

Sulla griglia di partenza è assente Xavi Forès: lo spagnolo dovrà farsi operare nei prossimi giorni all’indice della mano destra, fratturato nella caduta di Gara 1. Inoltre, la preoccupazione per la pioggia è sparita dal momento che il cielo sopra Phillip Island si è schiarito.
Partenza: partono alla grande Sykes e Giugliano che superano Rea, ma questi si riprende una posizione nei confronti di Giugliano, precedendo Lowes e VD Mark. VD Mark cerca subito di mettersi alle spalle Lowes, riuscendoci sfruttando un errore da parte dell’inglese di casa Yamaha
1/22: Inizio molto più tranquillo rispetto a Gara 1, con Sykes ancora al comando davanti a Rea, Giugliano e VD Mark. Seguono Davies e Guintoli. Giugliano nel terzo settore è stato superato dall’olandese in sella alla Honda CBR1000RR che si porta in terza posizione. Savadori rallenta, sembra avere qualche problema
2/22: in fondo al rettilineo VD Mark cerca di attaccare Rea ma senza successo. Sykes cerca già la fuga, accumulando 4 decimi di vantaggio. Nel frattempo anche Camier rientra ai box, forse per problemi tecnici. I due erano in bagarre.
3/22: Rea guadagna 2 decimi su Sykes, girando in 1’31”670. Hayden (6°) cerca di riallacciarsi alle Ducati, che nel frattempo si sorpassano a vicenda (Davies su Giugliano)
4/22: Davies stacca il giro record: 1’31”321. Intanto Lowes cerca di rimontare, ora è 16°. Arrivano notizie su Savadori: ha avuto problemi alla spalla destra, pare lussazione
5/22: Posizioni di testa sempre uguali, con Rea che ha ridotto il gap con Sykes. Hayden, ora in sesta posizione, è alle calcagna di Davies. Intanto Camier ritorna in pista e gira con tempi da top 10 (1’32”5)
6 - 7/22: Hayden gira 2 decimi più veloce dei piloti di testa, e sempre lo statunitense si mette in bagarre con Davide Giugliano. Intanto Josh Brookes supera Reiterberger e si porta in ottava posizione
8/22: Hayden cerca la scia di Giugliano, così come Reiterberger con Brookes. De Angelis, ora 12°, è in lotta con Karel Abraham, il quale riesce poi a superare il sanmarinese. Ramos beffa entrambi e si porta 11°
9-10/22: Lowes scivola dal 15° posto al 19°. Sykes va largo e perde due posizioni, dando la possibilità a Rea e VD Mark di guidare la gara. Davies ne approfitta anche lui superando Sykes
11/22: Grande staccata di VD Mark che si avvicina pericolosamente a Rea, fino a completare il sorpasso nei confronti del campione in carica. Leon Camier torna ancora ai box, ma stavolta si ritira. Cade Mike Jones: che sfortuna per il giovane pupillo di Troy Bayliss che in Gara 1 era riuscito a prendere punti!
12/22: la bagarre tra le prime posizioni inizia a farsi serrata, con Sykes che cerca di attaccare Davies (3°). Più indietro, Reiterberger supera Brookes e agguanta l’ottava posizione.
13/22: Staccata formidabile di Davies che recupera un notevole margine da Rea, cercando di sferrare l’attacco giusto al nordirlandese. In 12esima posizione bagarre tra De Angelis e Ramos, mentre più avanti Reiterberger perde due posizioni e scivola 10°
14 - 15/22: ancora battaglia tra le prime posizioni, con Rea che cerca di attaccare VD Mark, e a sua volta Davies attacca Rea ma senza successo. Contatto tra Giugliano e Sykes mentre il romano cerca di passare il britannico in frenata: entrambi finiscono larghi e vengono infilati da Hayden e Guintoli: è stato Giugliano a toccare la gomma posteriore di Sykes dal lato interno sinistro
16/22: Davies stacca ancora molto forte, e per non rischiare di tamponare Rea allarga la traiettoria, perdendo un po’ di terreno. Intanto De Angelis si riprende la dodicesima posizione. I piloti di testa alzano il ritmo, girando sotto il 1’32”
17/22: Davies frena da paura ma rischia ancora di andare largo alla prima staccata! Hayden, che ora è quarto, cerca di agguantare il terzo posto. E Giugliano conclude il sorpasso su Sykes, 6° posto per il ducatista.
18/22: Rea e Davies sverniciano VD Mark sul traguardo, con il pilota Kawasaki che prende il comando della corsa. A 4 giri dal termine Davies non demorde e continua ad attaccare. Sembra quasi un dejà vu di gara 1!
19/22: Il 4 cilindri in linea di Akashi è più veloce del bicilindrico di Borgo Panigale, con Giugliano che nel frattempo sfila Guintoli senza problemi: ora l’italiano è 5°.
20/22: Davies si accoda a Rea sul rettilineo, ma Rea mantiene la posizione. Con una staccata prepotente, il gallese chiude la porta al nordirlandese alla curva 4; ora è Davies a comandare la gara! Rea sta perdendo un po’ di terreno.
21/22: nell’ultimo giro Rea supera Davies alla fine del rettilineo, con VD Mark che non vuole essere da meno. Dopo la curva Stoner, Davies cerca di fare una delle sue staccate per riprendersi la testa, ma cade! Peccato per il gallese, che stava facendo una gara formidabile. Giugliano cerca di sorpassare Hayden senza riuscirci, ma poi ci riesce proprio all’ultima curva, che grinta!
Bandiera a scacchi: Doppietta di Joanthan Rea! VD Mark passa secondo al traguardo davanti a Giugliano che beffa all’ultima curva Nicky Hayden. Quinto Sylvain Guintoli, che precede Sykes. Chiudono la Top 10 Torres, Reiterberger, Brookes e Davies, che è comunque riuscito a ripartire,

impeccabile Rea, Davies ci prova ma sbaglia, Giugliano beffa Hayden (e attenti a VD Mark)

Jonathan Rea replica l’impresa di Gara 1, vincendo Gara 2 e siglando un’importantissima doppietta. Secondo posto per il giovane talento del Team Ten Kate, Michael Van Der Mark; a chiudere il podio l’italiano Davide Giugliano, che proprio all’ultima curva beffa Nicky Hayden il quale si aggiudica la “medaglia di legno” e fa capire a tutti che appena si sarà abituato alle gomme si farà vedere ancor di più. Per lo statunitense si tratta di un ottimo risultato, se si considera che questa è la sua prima apparizione in SBK, per di più con una moto a lui completamente nuova e sicuramente più datata delle rivali. Quinto Guintoli, che precede il secondo pilota del KRT Tom Sykes; a seguire i piloti del Team Althea Jordi Torres e Markus Reiterberger. Chiudono la top 10 Josh Brookes e Chaz Davies, il quale è caduto nel corso dell’ultimo giro mentre tentava il sorpasso su Rea per portarsi in testa alla corsa. De Angelis chiude 13° alle spalle di Karel Abraham (11°) e Romàn Ramos (12°) e davanti ad Alex Lowes (14°): l’inglese nel corso del primo giro lottava per la quinta posizione, ma a causa di un problema tecnico occorso alla sua Yamaha ha perso molte posizioni. Leon Camier non conclude la gara a causa di una gomma difettosa; si ritira anche Savadori, ma per problemi alla spalla destra, mentre una caduta costringe la wild card Mike Jones a non completare Gara 2.

Se vi siete persi la diretta della gara, potete vederla in differita oggi pomeriggio su Italia 1, per maggiori informazioni sull’orario basta cliccare qui. Il prossimo appuntamento è per l’11 marzo prossimo in occasione del Gran Premio di Thailandia.

SBK 2016, PHILLIP ISLAND: RISULTATI GARA 2

SBK 2016: LA CLASSIFICA PILOTI

Posizione Pilota Moto Punti
1 J. REA KAWASAKI 50
2 M. VAN DER MARK HONDA 36
3 D. GIUGLIANO DUCATI 29
4 C. DAVIES DUCATI 26
5 S. GUINTOLI YAMAHA 21
6 T. SYKES KAWASAKI 21
7 N. HAYDEN HONDA 20
8 J. TORRES BMW 17
9 J. BROOKES BMW 13
10 L. CAMIER MV AGUSTA 9
11 R. RAMOS KAWASAKI 9
12 M. REITERBERGER BMW 8
13 K. ABRAHAM BMW 8
14 L. SAVADORI APRILIA 4
15 A. DE ANGELIS APRILIA 3
16 A. LOWES YAMAHA 2
17 M. JONES DUCATI 2
18 S. BARRIER KAWASAKI 2

SBK 2016: LA CLASSIFICA COSTRUTTORI

Posizione Casa Costruttrice Punti
1 KAWASAKI 50
2 HONDA 36
3 DUCATI 36
4 YAMAHA 21
5 BMW 17
6 MV AGUSTA 9
7 APRILIA 7

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA