Viaggi in moto: la rivoluzione in 5 accessori

Il mototurismo sta cambiando. Non solo perché è diventato più facile e più sicuro spostarsi, ma anche perché riusciamo a godercelo meglio. Anche grazie a ciò che portiamo con noi per aumentare comfort, funzionalità e piacere
Viaggi in moto: la rivoluzione in 5 accessori

5 accessori per viaggiare meglio

Il comfort e la funzionalità raggiunti oggi da abbigliamento e accessori erano impensabili fino a solo pochi anni fa. Si spazia dalle membrane performanti, che ci consentono di non sudare in estate e di non morire di freddo in inverno alle valigie stagne in grado di salvare il nostro bagaglio dai climi più estremi, dai navigatori che permettono di tagliarti l'itinerario su misura alle telecamere che ti consentono di registrare i momenti migliori delle nostre vacanze tenendo le mani sul manubrio. E poi, ancora, cuscini da sella a cui è possibile regolare la pressione e quindi anche la comodità della seduta (test su Motociclismo di maggio). Sono queste, a parer nostro, le nuove frontiere del piacere del viaggio in moto. Certo, nel nostro settore regna ancora tanta approssimazione. Basta confrontare come si equipaggi uno sciatore rispetto a un motociclista: il primo ha raggiunto un livello di tecnicismo che il secondo non conosce.  Ma vediamo più da vicino gli accessori che ci intrigano di più (cliccate sui link sotto o andate direttamente nelle pagine successive).

Paola Verani

Cuscini pneumatici

CUSCINI PNEUMATICI
Non sono ancora diffusissimi perché si sono appena affacciati sul mercato. Parliamo dei cuscini da viaggio: si fissano alla sella di maxienduro, tourer, scooter attutendo i dolori provocati da una lunga seduta. Per ora ce ne sono due in commercio: Softseat è prodotto da Amphibious e proposto in una versione universale, che si adatta ai vari tipi di moto, è dotata di una valvola attraverso cui gonfiarlo o sgonfiarlo a seconda delle situazioni (53 euro). Cruiser e AH2, invece, sono prodotti dall’americana Airhawk e distribuito da Faster96, consiste in celle d’aria che si adattano alle varie corporature inserite in una tasca in neoprene o in poliuretano. La versione “Cruiser”, con fodera in neoprene, è proposta in 6 taglie (da 170 a 178 euro). La AH2 , in poliuretano, in 3 misure (93 euro).

Per vedere come sono fatti rimandiamo alla gallery (cliccate qui) 

Qui un video sul funzionamento e il montaggio dei cuscini Airhawk

 

Per il test vero e proprio, il numero di Motociclismo di maggio.

Borse stagne

BORSE STAGNE
Fino a poco tempo fa distinguevano il viaggiatore di lungo corso tedesco. Da qualche anno a questa parte abbiamo imparato ad usarle anche noi. Parliamo di quei cilindri in plastica morbida che vengono fissati sulla sella della moto con cinghie dedicate o con semplici elastici e che proteggono dalla pioggia, anche quella battente, non solo abbigliamento ma anche i kit da campeggio e l'attrezzatura fotografica. Se prima il mercato offriva solo prodotti di ampio litraggio oggi se ne trovano di varie capacità e versioni: dal "tubo" semplice a quello trasformabile in zaino, dalla borsa da serbatoio alle valigie laterali. Fra le aziende specializzate che le producono ci sono l'italiana Amphibious, che viene dalla nautica, e la tedesca Ortlieb che viene dal mondo bici. Solo l'americana Wolfman nasce come produttrice di borse per motociclisti, perché i suoi fondatori sono motociclisti essi stessi, che testano i loro articoli mentre fanno mototurismo sulle strade (belle e sterrate) del Colorado. Poi, ci sono gli specialisti delle borse, in generale (soprattutto bauletti), che hanno creato nuove linee di borse stagne come GIVI e Kappa e, infine, aziende di moto/abbigliamento come BMW e di abbigliamento/accessori da moto come Tucano Urbano che ne propongono di interessanti.

Cliccate qui per la gallery
Cliccate qui per un intervista a Davide Biga, viaggiatore che usa le borse Amphibious
Cliccate qui per un'intervista su Amphibious a Eicma 2012

 

Membrana impermeabile e traspirannte

MEMBRANE
Il problema più grosso, per chi si muove in moto e raggiunge varie latitudini/altitudini è sintonizzare il clima del nostro corpo con quello esterno. Le escursioni termiche sono quelle che scombussolano di più il nostro comfort e mettono alla prova i capi. Ci vengono in aiuto le membrane che possono essere laminate al tessuto esterno oppure semplicemente abbinate ad esse e rese estraibili. Sono praticamente dei filtri che regolano il passaggio di calore e di umidità dall’interno verso l’esterno e viceversa. Ce ne sono tantissime e ogni anno ne nascono delle nuove, alcune con nomi e contenuti incomprensibili. La regina di tutte le membrane è il Gore-Tex, una vera istituzione, che offre totale impermeabilità, traspirazione e protezione dal vento e pure una garanzia a vita per queste sue doti. L’azienda americana che la produce ne permette l’utilizzo solo a quelle aziende che accettano di sottoporre i propri capi a controlli di qualità continui che, fra l’altro, hanno costi ingenti per cui spesso si sceglie di inserire il Gore-Tex solo in pochi capi, i top di gamma della collezione, e di equipaggiare gli altri con nuove membrane, brevettate ex novo. Dainese, Alpinestars, Rev’it!, per citare alcune fra le più importanti Case di abbigliamento da moto, hanno sia il Gore-Tex che loro membrane (D-Dry, Drystar, Hydratex). Spidi e BMW utilizzano solo la loro (rispettivamente H2Out e CARE Climate).

Cliccate qui per la gallery

Action Cam

ACTION CAM
Si chiamano così quelle telecamere che ti permettono di registrare i momenti più belli dei tuoi giri  senza usare le mani. Sono dotate infatti di agganci e bracci per il fissaggio sul casco o sulla moto.  Il loro bello consiste nel fatto che, una volta installate, quasi te ne dimentichi, a tutto vantaggio per  l'autenticità dei video che realizzi. Ha aperto il mercato quella che, per ora, ne ha il monopolio: la GoPro Hero, arrivata alla terza generazione. Permette di realizzare filmati in Full HD (1080 pixel) a 60 Fps e di scattare foto a 12 Megapixel alla velocità di 30 scatti al secondo ed è fornita di telecomando Wi-Fi, ma può essere controllata in remoto anche con smartphone e tablet tramite una app gratuita (449 euro). Ma, in commercio, se ne trovano tante altre, fra le quali,  la nuovissima Contour 2  con GPS e wifi integrati (400 euro); la Impact Series Offroad Goggle cam della Liquid è integrata negli occhiali da fuoristrada (460 euro); Sony HDR-AS15 Action Cam è resistente all’immersione fino a 60 metri (300 euro); la ATC Chamaleon è prima action cam al mondo con due obiettivi e consente di riprendere in HD il percorso davanti e dietro di voi (200 euro); l’Action Camera JVC Adixxion assicura una protezione totale: impermeabilità fino a 5 metri, anti-urto da 2 metri, anti-polvere e anti-congelamento; la Nilox Foolish, griffata Ducati, può registrare video Full HD a 60 fps e foto con risoluzione fino a 8 Megapixel (350 euro).

Cliccate qui per la gallery
Cliccate qui per un'intervista sui prodotti presentati a Eicma dall'italiana Sportcamera

Navigatori

NAVIGATORI
Gli apparecchi che sfruttano i satelliti per aiutare nell'orientamento si dividono in due grandi categorie: i navigatori veri e propri, che sono in grado di guidarti e di indicarti la strada che devi seguire e quelli che noi chiamiamo "esploratori", che sfruttano lo stesso principio, ma si usano in maniera completamente diversa: ti geolocalizzano su una mappa, così tu sai dove sei e dove stai andando. Con i navigatori si seguono gli ordini senza rendersi conto di come ci si sta muovendo lungo il territorio, mentre gli "esploratori" si possono considerare la versione evoluta delle mappe cartacee. Con questi è possibile disegnare un itinerario al computer e poi caricarlo nello strumento; ma è possibile anche registrare la traccia mentre si viaggia (funzione comune anche ad alcuni navigatori). Entrambi i tipi di strumenti possono anche marcare waypoint, cioè memorizzare luoghi che si ritengono interessanti. Uno dei più sofisticati navigatori per motociclisti è il nuovo Tom Tom Rider (da 399 a 499 euro), che aggiunge la funzione “strade tortuose”. Mentre tra gli "esploratori" spicca il Garmin Montana (da 500 a 750 euro) per le funzioni avanzate e il grosso schermo touch screen.

Cliccate qui per la gallery

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime news
Le ultime prove

MV Agusta: la frizione automatica assistita dall'elettronica

MV Agusta: la frizione automatica assistita dall'elettronica

28 August 2018

Qual è la miglior naked "media" del 2018?

Qual è la miglior naked

27 August 2018

KTM Enduro 2019: il nostro test

KTM Enduro 2019: il nostro test

05 September 2018

Harley-Davidson FXDR 114 2019: la "power-slider"

Harley-Davidson FXDR 114 2019: la

04 September 2018

V85TT: attraente come una scrambler, pratica come una crossover

V85TT: attraente come una scrambler, pratica come una crossover

04 September 2018

Sfida a 3 fra le Sport-Tourer: Ducati vs Kawasaki vs KTM

Sfida a 3 fra le Sport-Tourer: Ducati vs Kawasaki vs KTM

21 June 2018

Comparativa SuperEnduro: il film della sfida svela la vincitrice

Comparativa SuperEnduro: il film della sfida svela la vincitrice

10 August 2018

SWM Aces of Spades, l'abito inganna

SWM Aces of Spades, l'abito inganna

12 July 2018

Aprilia RSV4 Factory Works: sulle ali della velocità

Aprilia RSV4 Factory Works: sulle ali della velocità

24 July 2018

Honda Forza 125 e Forza 300, agili e raffinati

Honda Forza 125 e Forza 300, agili e raffinati

19 July 2018

Comparativa MaxiEnduro in Australia: il film della sfida

Comparativa MaxiEnduro in Australia: il film della sfida

27 June 2018

Long Test Kawasaki Versys 650 GT: SOS motore

Long Test Kawasaki Versys 650 GT: SOS motore

28 June 2018

Ultime tag "MotoGP"