a cura della redazione - 10 agosto 2018

Rossi: "Honda e Ducati hanno investito di più, sono migliori di noi!"

Valentino Rossi ha rilasciato interessanti dichiarazioni sui problemi che attualmente affliggono la Yamaha e su quali potrebbero essere le possibili soluzioni
  • Salva
  • Condividi
  • 1/18 MotoGP 2018, Red Bull Ring: Valentino Rossi - Yamaha

    "Così vivacchiamo!"

    Al termine della conferenza stampa del GP di Austria al Red Bull Ring (qui gli orari TV) Valentino Rossi ha continuato a parlare con i giornalisti rilasciando interessanti dichiarazioni sui problemi che attualmente affliggono la Yamaha e su quali potrebbero essere le possibili soluzioni. Ecco le parole di Valentino.

    "Io spero vivamente che la situazione migliori già entro quest’anno. La Yamaha ha un modo di lavorare per piccoli passi, quindi non mi aspetto delle novità incredibili alla svelta. Bisogna vedere più che altro quanto la Yamaha ha voglia di vincere, quanto impegno ci vuole mettere per tornare alla vittoria e soprattutto quanti soldi vuole spendere, perché mi sembra che Honda e Ducati negli ultimi tempi abbiano anche investito di più; come test team, come elettronici, come gente che arriva alle gare. E infatti sono migliori di noi. A me piacerebbe tanto che si impegnassero al cento per cento, perchè secondo me alla Yamaha non manca niente, anche come budget disponibile e come competenza delle persone. Dopo Furosawa (ex leader tecnico e strategico Yamaha) bisogna andare avanti, bisogna avere della gente che si assuma la responsabilità di prendere delle decisioni perché altrimenti così vivacchiamo".

    Valentino continua poi parlando del GP al Red Bull Ring: "Qui in Austria sulla carta secondo me è una delle due o tre piste peggiori dell’anno. Però non dobbiamo buttarci giù. In teoria è così, poi magari in gara cambia tutto. L'anno scorso ho fatto un gran fatica, ma due anni fa era andata bene, io e Lorenzo eravamo vicini alle Ducati, anche se non era bastato per il podio. Però non siamo in un momento tecnico indimenticabile. Dobbiamo essere bravi a tenere duro. Siamo secondi nel Mondiale, che è una posizione importante. Con la squadra stiamo facendo bene, ma serve qualche aiuto. Nei test di Brno abbiamo lavorato un po’ nei punti giusti, ma non è facile migliorare. Peccato perché la nostra moto è bella da guidare, è precisa, riesco a entrare in curva forte, fa tutto bene. Dobbiamo solo migliorare in accelerazione e poi siamo competitivi. Spero nell’asciutto per la gara perché per me sul bagnato i nostri limiti di elettronica rispetto alla Honda e alla Ducati diventano anche peggio. Non posso sperare che l’acqua ci salvi. E nemmeno nel flag to flag, che non è esattamente il mio campo".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA