20 May 2013

Valentino Rossi: non siamo pronti per la vittoria

Le gioie di Pedrosa, Crutchlow, Marquez e Dovizioso; i dolori di Rossi e Lorenzo. Nelle dichiarazioni dei piloti dopo la gara della MotoGP a Le Mans, tutta la forza della Honda e i problemi delle Yamaha (ufficiali)

Valentino rossi: non siamo pronti per la vittoria

Daniel Pedrosa

È stata una gara incredibile per me, sul bagnato, dopo che nel warm up non avevo trovato un buon feeling, mentre in gara, dopo che nel 1° giro sono riuscito a scaldare bene le gomme, sono riuscito a rimanere vicino a Dovizioso. Poi, man mano che il feeling migliorava, sono passato al primo posto e nonostante abbia commesso degli errori sono riuscito a tenere la moto in pista, tornando a fare un buon ritmo, sufficiente a vincere questa gara. Sono molto contento di aver vinto questa gara, dopo anni di lavoro ed è finalmente arrivato il giorno che aspettavo, quello della vittoria a Le Mans.

 

Cal Crutchlow

Sono davvero felice per il mio miglior risultato di sempre in MotoGP: io e il team ci siamo meritati il risultato. Siamo stati veloci sul bagnato e sull’asciutto, credo che tutti possano rendersi conto che non siamo qui solo per pura fortuna. Doppia soddisfazione per il fatto che per il tea era la gara di casa. E poi volete mettere? Essere la miglior Yamaha e l’unica sul podio… Certo, all’inizio non sono partito bene, ci ho messo un po’ a far entrare in temperatura le gomme ma poi, una volta superato questo momento, il feeling è aumentato. Ho visto Andrea e Dani allontanarsi da Valentino, quindi ho deciso di darmi una mossa per evitare che andassero via troppo per poterli riprendere più tardi nella corsa. Poi c’era Marquez che guadagnava terreno, quindi ho passato Dovizioso, per evitare che Marc ci raggiungesse e superasse negli ultimi giri. Sono felice, soprattutto visto l’incidente. Chiaramente la pista bagnata ha limitato lo stress per il mio fisico, ma guidare infortunato è stato duro comunque. Ora spero di essere a posto per il Mugello, così posso offrire lo stesso spettacolo.

 

Marc Marquez

È stata durissima, soprattutto nei primi giri con la pista molto bagnata. All’inizio ho fatto un grave errore con le gomme che scivolavano, ma ho imparato in fretta. Forse ho sbagliato nel cercare di spingere troppo e così ho fatto molti errori. Poi poco a poco il feeling che avevo nel warm up è tornato, ma non mi aspettavo di essere sul podio. Alla fine ho anche visto Cal nell’ultimo giro ma ho pensato che oggi fosse sufficiente la terza posizione.

 

Andrea Dovizioso

È sempre una bella sensazione essere primi davanti a tutto il gruppo! Nella prima parte della gara ero molto contento del feeling con la mia moto e finché le gomme non sono calate in modo deciso ho potuto gestire bene la situazione. Pedrosa ne aveva di più di me, però potevo comunque continuare a fare un buon passo. Avevamo una buona trazione e questo ci ha aiutato molto ma poi, quando la pista a iniziato ad asciugarsi, le gomme sono calate davvero tanto. Purtroppo non sono più riuscito a tenere il passo negli ultimi sei/sette giri e quindi ho perso l'occasione di salire sul podio. Mi dispiace molto per il team, perché ci tenevo tanto a dar loro questa soddisfazione, ma per il resto abbiamo fatto un weekend positivo in tutti gli aspetti, anche sull’asciutto.

 

Nicky Hayden

Le gare sul bagnato sono sempre difficili, soprattutto quando hai poco tempo per definire il set-up giusto! Ho fatto un’ottima partenza, recuperando diverse posizioni nelle prime curve. Nei primi giri il mio feeling con la GP13 non era il massimo, ma poi è migliorato durante la gara e sono riuscito ad agganciarmi al gruppetto di testa. Le cose sono diventate più complicate man mano che la pista si asciugava, e stavo cercando di superare Rossi quando mi è caduto davanti, e sono stato costretto ad andare largo per evitarlo, perdendo tempo prezioso. Questo quinto posto è il mio miglior risultato della stagione, e per qualche giro ho sperato di arrivare ancora più in alto in classifica. In ogni caso questo weekend è stato positivo per noi ed abbiamo dimostrato una maggiore competitività e quindi non vedo l’ora di arrivare al Mugello!

 

Alvaro Bautista

Gara particolarmente difficile con condizioni della pista completamente diverse da quelle delle prove. Inoltre non sono partito benissimo ed è stato un vero peccato perché poi ho iniziato a girare con i tempi dei primi e sicuramente partendo meglio avrei potuto lottare per una posizione migliore. Quando la pista ha iniziato ad asciugarsi la moto mi tagliava potenza in rettilineo e non riuscivo a girare più forte. Alla fine un sesto posto non è un gran risultato ma è sicuramente più che accettabile anche perché l’anno scorso su questa pista siamo andati decisamente peggio. Concludendo, abbiamo fatto un passo in avanti, con l’elettronica abbiamo lavorato bene ed anche con le sospensioni mi trovo meglio sul bagnato.

 

Jorge Lorenzo

All’inizio non avevo le sensazioni del warm up ma non andava così male e tenevo il passo di Dovizioso e Pedrosa. Perdevo in qualche punto ma recuperavo in altri. Poi dopo tre o quattro giri la moto è peggiorata e ho cominciato ad avere problemi ovunque: in frenata perché nel mezzo della curva non avevo feeling con la gomma posteriore e in accelerazione a causa della gomma che pattinava. Perdevo quasi mezzo secondo rispetto agli altri. Ma le gare a volte vanno così, lo scorso anno ho vinto con 20 secondi di vantaggio e una buona moto, quest’anno è andata al contrario. Non ho potuto fare molto di più senza rischiare di cadere.

 

 

Michele Pirro
Sono contento di quanto ottenuto fino a metà gara, non c’era una grande differenza dai primi ma dobbiamo capire come migliorare ancora. Con la pista bagnata giravo bene e dopo un po’ di giri stavo guadagnando abbastanza. Avevo quasi pensato di passare il gruppo che mi precedeva, ma poi la pista ha iniziato ad asciugarsi ed ho cominciato a perdere trazione. Ho provato a capire se potevo migliorare ma alla fine, dato che nel frattempo il distacco era aumentato, ho solo cercato di gestire il vantaggio sul pilota alle mie spalle. Nel warm up avevamo più difficoltà mentre in gara siamo andati decisamente molto meglio. Ho faticato durante questi pochi giorni a trovare il feeling con la moto, ma è normale, e posso dire che è sicuramente meno confortevole rispetto a quanto sono abituato. Abbiamo raccolto informazioni e portato a casa un ottavo posto, sono abbastanza soddisfatto.

 

Bradley Smith

Ho imparato davvero molto, guidando la Yamaha per 28 giri in condizioni così difficili. Sono riuscito a guidare in maniera più morbida in gara e spero che questo mi possa servire anche sull’asciutto. Sono contrariato per la partenza: nel warm up ho avuto un problema con la frizione, che credevamo imputabile al fatto che fosse la mia prima partenza col bagnato. Ma la causa non era quella. Ma dopo 10 giri ho trovato un ottimo passo e alla fine sono contento dei miglioramenti fatti durante il week end, culminate col mio miglior risultato in MotoGP. Questo mi dà confidenza e mi stimola, quindi non vedo l’ora che arrivi il Mugello.

 

Stefan Bradl

Sono partito bene e credo che il nostro passo non fosse così male visto che potevamo tranquillamente stare lì davanti. Poi, durante la gara, non riuscivo a vedere bene e ho dovuto aprire la visiera diverse volte. A quel punto la mia visuale non era chiara e ho toccato la linea bianca scivolando fuori pista. Fortunatamente sono riuscito a ripartire e ho finito la mia gara con un buon ritmo. Questo dimostra che siamo tornati "in forma" ma il momento è un po’ nero per noi. In ogni caso abbiamo dimostrato che siamo veloci sull’asciutto e anche sul bagnato e non vedo l’ora di provarlo al Mugello, che è una delle mie piste preferite.

 

Andrea Iannone
Questa gara è stata molto difficile, ho fatto molta fatica. Ho provato a non perdere terreno dai primi, ero partito bene, ma poi ho commesso un po’ di errori, sono andato lungo nella curva sei tre o quattro volte ed ho perso tempo. Ho capito che avrei rischiato a continuare a mantenere quel passo ed ho rallentato un po’. Il lato positivo è che il braccio non mi fa più male e dobbiamo solo aspettare di togliere i punti, pensando poi che non eravamo sicuri di correre oggi, tutto sommato non è andata malissimo. In previsione del Mugello dovrò recuperare un po’ di allenamento per arrivare in forma e fare una buona gara. Infine ho potuto fare esperienza sul bagnato, che non mi era ancora capitato dall’inizio del Campionato, ed abbiamo raccolto altri dati utili per il futuro.

 

Valentino Rossi

Sfortunatamente abbiamo gettato via una buona occasione per fare un buon risultato, magari il podio. In gara ero veloce, avevo buone sensazioni e un buon passo, potevo correre con i migliori. Purtroppo ho avuto problemi di visibilità col casco, che mi hanno impedito di stare attaccato agli altri. È un problema che ho già avuto a Sepang l’anno scorso, la situazione è un po’ migliorata ma ancora non ci siamo. curva in cui sono caduto, la 6, non sono entrato troppo forte o commettendo un errore, semplicemente ho preso una piccola buca e mi si è chiuso l’anteriore. È andata così e sono dispiaciuto perché il podio era alla nostra portata, mi sarei potuto giocare il 2° posto con Cal, che quando sono caduto non era lontano. Io andavo forte in quel momento e Hayden, che mi seguiva spingendo, sarebbe calato nel finale, come le altre Ducati. Ora un buon risultato al Mugello sarebbe importante, più importante che in altre piste, anche se ritengo che io e la Yamaha ancora non siamo pronti per la vittoria. Invece la Honda va forte e noi non dobbiamo pensare a dover vincere il mondiale, ma ad andar forte come loro. I piloti Honda fanno tanti errori ma alla fine riescono sempre a tornare a lottare per la vittoria… Speriamo per noi arrivi presto il nuovo cambio. Parlando di piloti: Marquez è impressionante, con questo asfalto era facile sbagliare e invece ha fatto una grande gara. Faccio poi i complimenti al Dovi e a Hayden per la bella gara, specialmente il Dovi. Mi congratulo con lui, ha fatto un buon lavoro sin dalle prove.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA