di Beppe Cucco - 03 gennaio 2019

La Triumph Thruxton si fa cattiva, ecco la R TFC

Realizzata in serie limitata dal reparto Triumph Factory Customs è arricchita da un vestito in carbonio, un motore potenziato, sospensioni riviste… Dovrebbe arrivare a breve
1/11 Triumph Thruxton R TFC 2019

Alla conferenza annuale dei dealer Triumph, dove i nuovi modelli vengono mostrati per la prima volta ai rivenditori, affianco alla Scrambler 1200 (qui le prime impressioni di guida), alla Speed Twin e alla nuova Rocket III ha fatto la sua comparsa una versione incattivita della Thruxton, la R TFC.

Iniziamo dal nome, la sigla TFC sta a significare che questo modello sarà realizzato dal reparto Triumph Factory Customs, che si occupa di produrre "special di serie". Analizzando le foto notiamo subito che questa nuova Thruxton R TFC è vestita con una semicarenatura realizzata in fibra di carbonio; di questo pregiato materiale sono ad esempio il cupolino, l'unghia monoposto, il parafango anteriore, i paratacchi… La livrea è bicolore: con il serbatoio in grigio scuro e tutto il resto lasciato carbonio a vista, che dona alla moto un look racing. La sella è di tipo monoposto e prevede la rimozione delle pedane passeggero.

Per quanto riguarda la dotazione di serie notiamo che la forcella Showa della Thruxton R lascia il posto ad una più raffinata Öhlins NiX30; anche gli ammortizzatori posteriori sono realizzati dalla Casa svedese. Troviamo poi pinze radiali monoblocco Brembo con pompa radiale e leva regolabile (idem quella della frizione). Il motore, il bicilindrico parallelo 1.200 High Power raffreddato a liquido, cresce in potenza e passa dai 97 CV della versione R "base" ai 105 di questa TFC; questo grazie all'adozione di una differente mappatura e al nuovo scarico in titanio Vance & Hines. Per offrire al pilota maggior feeling nella guida sportiva, come pneumatici di primo equipaggiamento sono stati scelti i Metzeler Racetec RR. Il peso a secco passa da 203 a 198 kg.

Prodotta in serie limitata in soli 750 esemplari (con tanto di targhetta numerata sulla piastra di sterzo) dovrebbe arrivare nei prossimi mesi; ancora non si conosce il suo prezzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultime notizie news