MXGP 2015: Tony Cairoli torna in gara per il gran finale in USA (orari TV e info)

Tonino torna dall’infortunio. Non punta a vincere a Glen Helen, ma vuole confrontarsi con le tante wild card d’eccezione americane (in MXGP vedremo, ad esempio, Millsaps, Musquin, Webb, Wilson e Anderson, mentre in MX2 ci saranno alcuni top riders dell’AMA 250)

Mxgp 2015: tony cairoli torna in gara per il gran finale in usa (orari tv e info)

L’ultimo GP dell’anno si corre negli USA, sul velocissimo, famoso e spettacolare tracciato di Glen Helen. La pista viene solitamente utilizzata dai piloti statunitensi in occasione dell’ AMA Pro Motocross, ma non è la prima volta che assistiamo ad un round del Mondiale in questa località (San Bernardino, California). Molti piloti hanno approfittato della doppia trasferta oltre Oceano (la scorsa settimana il Mondiale è andato in scena in Messico) per fare visita a musei storici del Marchio per il quale corrono (è il caso dei piloti Honda HRC, per esempio, che hanno visitato, insieme a Trey Canard, il museo Honda USA, ricco di moto che hanno fatto la storia nello scorso secolo. Potete ammirare le foto della gallery cliccando qui, nella quale trovate anche la sensazionale entry list delle due categorie). Anche per questa volta dovete prestare molta attenzione agli orari TV, dato che si corre in America. Il commento su Italia 2 è affidato ad Alberto Porta e Marco Gualdani, redattore di Motociclismo FUORIstrada.

 

ORARI TV

Mediaset Italia 2

  • 23,00 Gara1 MXGP
  • 0,00 Gara2 MX2
  • 1,00 Gara2 MXGP  

 

Eurosport 2

  • 21,00 Gara1 MX2
  • 22,00 Gara1 MXGP
  • 23,00 speciale Six Days Enduro 2015
  • 0,00 Gara2 MX2
  • 1,00 Gara2 MXGP

 

Mxgp: cairoli contro gli americani. esame per febvre

Tantissime le novità da citare per questo GP degli Stati Uniti. Partiamo dal rientro di Tony Cairoli (Red Bull KTM), non ancora in forma ma comunque in grado di schierarsi al cancelletto di partenza per confrontare i suoi tempi con quelli degli avversari e capire se la guarigione al braccio è quasi completata. Difficilmente l’8 volte iridato sarà in lotta per la vittoria del GP, ma conoscendolo non è mai detta l’ultima parola. Diciamo che per lui si tratterà più di un super allenamento che di una gara vera e propria. Restando tra i piloti europei, sarà battaglia serrata per la seconda posizione in Campionato, ambita sia da Gautier Paulin che da Evgeny Bobryshev. Quale dei due piloti Honda HRC avrà la meglio non lo sapremo fino a domenica notte, ma Paulin è il favorito. Il titolo di questo paragrafo cita “esame per Febvre”. Proprio così, il francese della Yamaha, dopo aver dominato il Mondiale 2015 contro gli europei più forti al mondo, è chiamato ad una grande prestazione anche contro i talenti statunitensi di maggior spicco, per dimostrare, una volta per tutte, che questo titolo iridato non l’ha vinto per caso. Occhi puntati anche su Shaun Simpson (Hitachi KTM), vero mattatore dell’ultima parte di Campionato. Per quanto riguarda i piloti statunitensi, appunto, potremo ammirare sul tracciato di Glen Helen riders del calibro di Josh Grant (Monster Energy Kawasaki), Davy Millsaps (KTM BTO Motorsport), Marvin Musquin (Red Bull KTM), Cooper Webb (Yamalube Star Racing Yamaha), Dean Wilson (Red Bull KTM), Brett Metcalfe (Kawasaki) e Jason Anderson (Rockstar Energy Husqvarna), mentre Christophe Pourcel (Rockstar Energy Husqvarna) ha dovuto dare forfait all’ultimo a causa di un infortunio rimediato nel National ad Unadilla (rottura di una costola).

Abbiamo tenuto una brutta notizia per ultima: si tratta dell’addio del Team Ricci Racing dal circus del Motocross. È Ilario Ricci stesso a comunicarlo sui social: non si sanno le ragioni esatte della scelta, ma speriamo che sia solo un “arrivederci”.

 

Mx2: titolo in ballo

In MX2 ci si gioca tutto in una gara. Secondo la matematica, i contendenti al titolo sono rimasti tre, ma difficilmente uno (Max Anstie, Monster Energy Kawasaki DRT) riuscirà a impensierire gli altri due (Tim Gajser, Honda Gariboldi e Pauls Jonass, Red Bull KTM). Affinché il britannico della Kawasaki si laurei Campione del Mondo, serve un doppio “zero” di Gajser e Jonass non deve conquistare più di 18 punti. Gajser conduce con appunto 18 punti di vantaggio sul rivale della KTM: sarà una sfida stellare!

Tra i nomi delle wild card spiccano quelli di Joey Savatgy (Monster Energy Pro Circuit Kawasaki), Chris Alldredge (Monster Energy Pro Circuit Kawasaki), Shane McElrath (TLD KTM) e Jessy Nelson (TLD KTM). Novità in casa Yamaha Standing Construct: contratto biennale per Aleksandr Tonkov (nel 2016 in MX2 con Julien Lieber, nel 2017 in MXGP con Valentin Guillod).

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA