Tony Cairoli si ritira!

Con una conferenza stampa dedicata, Tony Cairoli annuncia il ritiro dalla MXGP a fine stagione. Dal 2022 si dedicherà a correre eventi spot, tra cui alcune gare del National USA!

1/2

Già la settimana scorsa c’era stata un’inconsueta fuga di notizie. Oggi la conferma ufficiale da parte di Cairoli, attraverso una conferenza stampa dedicata tenuta a Roma, riservata a pochi giornalisti. Tony ha deciso: questa sarà la sua ultima stagione in MXGP. Comunque vada. Dopo nove titoli iridati conquistati tra il 2005 e il 2017, Cairoli non sarà più al via del Mondiale dal 2022. Tony è ancora in lotta per il titolo 2021, trovandosi in terza posizione a 29 punti dal leader Tim Gajser, con ancora nove GP da disputare e 450 punti in palio. Chiudere con un decimo alloro sarebbe la ciliegina sulla torta. Ma se non dovesse riuscire c’è una seconda opportunità per fare qualcosa di grande: il prossimo Motocross delle Nazioni previsto a Mantova per il 25/26 settembre. Cairoli non ha mai vinto un titolo a squadre, è l’unico trofeo che gli manca in bacheca. E con Guadagnini e Lupino come compagni (e tante defezioni da parte di molti top rider stranieri), Tony ha in mano l’occasione giusta. Oltre al Nazioni ci sono ancora tante opportunità per i tifosi italiani di vedere all’opera Tony: l’aggiornamento al calendario del Mondiale, infatti, prevede un filotto di gare in Italia.

Ecco le date:

  • 19 settembre: Riola Sardo (OR)
  • 24, 27 e 31 ottobre: Arco di Trento (TN), tre GP consecutivi in una settimana
  • 07 e 10 novembre Mantova, ultimi due GP di stagione.

Il futuro di Cairoli non sarà comunque lontano dalle gare. Lui stesso ha dichiarato che continuerà a fare sviluppo sulle KTM e che potrebbe partecipare a gare spot durante gli anni a venire. Che siano dei GP o gare del National in USA, o quello che avrà voglia di fare.

Tony Cairoli: “Non è stata una decisione facile. Ho sempre detto di tenere poco a numeri e statistiche. Per me e per la mia famiglia sarebbe stato già un successo vincere un solo titolo mondiale in carriera, e quanto ho ottenuto è qualcosa di veramente speciale. Sento che è arrivato il momento per fermarsi e tutto intorno a me conferma che è la decisione giusta; nonostante questo, siamo ancora in corsa per il titolo e come sempre siamo motivati e concentrati. Voglio ringraziare tutti quelli che mi hanno aiutato e mi sono stati vicini da quando ho iniziato a correre il Mondiale e lungo tutto il mio percorso, e naturalmente voglio ringraziare i tifosi per l'entusiasmo e il supporto che mi hanno dato in questi anni. Mi sono sentito parte integrante della famiglia KTM fin dal primissimo giorno e continueremo il nostro rapporto, lavorando insieme, solo in una maniera diversa. Terminata la stagione 2021 ci saranno ancora tantissime sfide da affrontare, ma al momento il nostro obiettivo è chiaro”.

1/11

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA