Test Sepang MotoGP 2014: Marquez mette già tutti in riga

Conclusa la prima giornata di test, Marquez è al comando e Valentino Rossi lo segue in seconda posizione. Il terzo e il quarto tempo sono rispettivamente di Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo. Andrea Iannone è stato il più veloce delle Ducati, 8°

Test sepang motogp 2014: marquez mette già tutti in riga

Sono iniziati i primi test della stagione 2014 MotoGP e i piloti sono finalmente risaliti in sella dopo il fermo della pausa invernale (cliccate qui per scoprire come guardare le prove in diretta). Come ci si poteva aspetta, a dominare la classifica sono i fantastici 4: Marc Marquez, sempre il più veloce, è seguito dal nostro 9 volte campione del mondo, Valentino Rossi, che è riuscito a mettersi alle spalle Dani Pedrosa e il compagno di squadra Jorge Lorenzo. Buon risultato per Alvaro Bautista e Stefan Bradl, staccati di pochi decimi dai “top 4”. Grande prestazione di Aleix Espargarò con la FTR Open motorizzata Yamaha del Team Forward: lo spagnolo ha chiusto i test in settima pozione, davanti ad Andrea Iannone (il migliore delle Ducati) e a suo fratello Pol.

 

SAETTA MARQUEZ

Visti risultati di questa prima sessione di test, il giovane numero 93 ha dato prova ai suoi avversari che quest’anno sarà ancora più difficile batterlo. Marquez ha cominciato a dominare la classifica già dai primi giri e solo prima della pausa pranzo è stato sorpassato da Valentino Rossi. Nel pomeriggio il “Cabroncito” ha lavorato duramente e ha chiuso le sue 62 tornate con un vantaggio di 0,518 secondi dal pilota di Tavullia. Il tempo di 2’00”286 è ancora un po’ lontano da quello segnato in qualifica lo scorso anno (2’00”011), ma bisogna sottolineare che questa è la prima sessione di test della stagione e tutti i piloti stanno lavorando sulle nuove moto per migliorarne l’assetto e l’elettronica.

Dietro la Honda Repsol 93, si trova la Yamaha M1 di Rossi: il nove volte campione del mondo sta studiando a fondo la sua nuova compagna di avventure in versione 2014 e l’obiettivo è anche di prendere confidenza con il suo nuovo capo-tecnico, Silvano Galbusera. Al terzo posto troviamo Dani Pedrosa, che insieme a Marquez e Rossi, è l’unico pilota ad essere sceso sotto il muro del 2’01. Rimane fuori invece Jorge Lorenzo: sicuramente il maiorchino ha preferito lavorare su diversi dettagli della moto e macinare chilometri con un passo più “tranquillo”.

 

LAVORI IN CORSO

Da quando l’ing. Luigi Dall’Igna è entrato nella squadra Ducati Corse, ci si aspetta grandi miglioramenti dalle rosse di Borgo Panigale, ma purtroppo il loro momento non è ancora arrivato. Quest’oggi le due Ducati ufficiali hanno chiuso con un grosso distacco dalla testa della classifica, rispettivamente 2,211 secondi per Dovizioso (12°) e 2,574 secondi per Crutchlow (14°). Cosa bollirà in pentola? Tra i compagni di squadra si è piazzato Michele Pirro, che ha lavorato con il Test Team sulla Desmosedici GP14. Lascia a bocca aperta invece la prestazione di Andrea Iannone: il pilota del Team Pramac ha stabilito girato in 2’01”538. L’italiano numero 29 sembra essere tornato in forma dopo la stagione passata, ricca di cadute e infortuni che hanno sempre compromesso le sue prestazioni.

I lavori sulla moto continuano ininterrottamente anche sulla Suzuki che, ricordiamo, tornerà a correre in MotoGP solo nel 2015: quest’oggi Randy De Puniet è il pilota che ha macinato più giri (75 giri come Pedrosa), chiudendo la giornata in 19esima posizione a 3,607 secondi da Marquez.

 

ATTENZIONE ALLE OPEN

Se Aleix Espargarò era capace di mettere in crisi alcune MotoGP con la ART del Team Aspar, ora che ha in mano una Open, il gioco si è fatto ancora più semplice. Oggi, in sella alla FTR del Team Forward, lo spagnolo ha girato in 2’01”419, tempo che gli ha permesso di conquistare la settima posizione al termine di questa prima giornata di test. Dobbiamo scendere all’11° posto per trovare la seconda Open, si tratta di quella di Colin Edwards, staccato di 1 secondo dal compagno di squadra. Le altre moto della nuova categoria si trovano tutte al di sotto della 15esima posizione, quest'ultima occupata da Yonny Hernandez.

 

Domani i test continueranno e noi vi terremo aggiornati sui tempi, i lavori dei Team e tutte le novità del mondo della MotoGP. Intanto, ecco la classifica ufficiale della prima giornata di prove e la gallery con tutte le foto dei piloti in azione a Sepang.

 

Test MotoGP Sepang 2014 - Classifica prima giornata

Pos

 

Pilota

Team

Giro veloce

Distacco

1

 

MARQUEZ, Marc

Repsol Honda Team

2:00.286

 

2

 

ROSSI, Valentino

Yamaha Factory Racing

2:00.804

0.518

3

 

PEDROSA, Dani

Repsol Honda Team

2:00.906

0.620

4

 

LORENZO, Jorge

Yamaha Factory Racing

2:01.082

0.796

5

 

BAUTISTA, Alvaro

GO&FUN Honda Gresini

2:01.240

0.954

6

 

BRADL, Stefan

LCR Honda MotoGP

2:01.320

1.034

7

 

ESPARGARO, Aleix

NGM Mobile Forward Racing

2:01.419

1.133

8

 

IANNONE, Andrea

Pramac Racing

2:01.538

1.252

9

 

ESPARGARO, Pol

Monster Yamaha Tech 3

2:01.634

1.348

10

 

SMITH, Bradley

Monster Yamaha Tech 3

2:01.876

1.590

11

 

EDWARDS, Colin

NGM Mobile Forward Racing

2:02.483

2.197

12

 

DOVIZIOSO, Andrea

Ducati Team

2:02.497

2.211

13

 

PIRRO, Michele

Ducati Test Team

2:02.552

2.266

14

 

CRUTCHLOW, Cal

Ducati Team

2:02.860

2.574

15

 

HERNANDEZ, Yonny

Energy T.I. Pramac Racing

2:02.891

2.605

16

 

NAKASUGA, Katsuyuki

Yamaha Factory Test Team

2:03.126

2.840

17

 

HAYDEN, Nicky

Drive M7 Aspar

2:03.319

3.033

18

 

AOYAMA, Hiroshi

Drive M7 Aspar

2:03.328

3.042

19

 

DE PUNIET, Randy

Suzuki Test Team

2:03.893

3.607

20

 

AKIYOSHI, Kosuke

HRC Test Team

2:04.267

3.981

21

 

REDDING, Scott

GO&FUN Honda Gresini

2:04.431

4.145

22

 

BARBERA, Hector

Avintia Racing

2:04.922

4.636

23

 

DI MEGLIO, Mike

Avintia Racing

2:05.825

5.539

24

 

PARKES, Broc

Paul Bird Motorport

2:05.889

5.603

25

 

LAVERTY, Michael

Paul Bird Motorsport

2:06.070

5.784

26

 

ABRAHAM, Karel

Cardion AB Motoracing

2:06.755

6.469

 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA