Test Piaggio MP3 Hys, dalla fusione di due motori un unico vantaggio: l’efficienza del veicolo

Abbiamo testato il nuovo Piaggio MP3 Hys, sinonimo di Hybrid scooter, caratterizzato dall’innovativo propulsore a combustione interna, abbinato due motori elettrici, alimentati da batterie al litio ricaricabili con la comune presa di corrente. Prevede quattro modailità di funzionamento (Hybrid Charge, Hybrid Power, Electric o Electric R), che consentono di utilizzare solo il motore elettrico o di utilizzarlo in abbinato a quello a scoppio. Siamo rimasti sorpresi dai vantaggi dell’ibrido.

DUE IN UNO




Abbiamo testato il nuovo Piaggio MP3 Hys, sinonimo di Hybrid scooter, caratterizzato dall’innovativo propulsore a combustione interna, abbinato due motori elettrici, alimentati da batterie al litio ricaricabili con la comune presa di corrente. La prima cosa da fare una volta in sella è selezionare una delle quattro modalità di utilizzo: Hybrid Charge, Hybrid Power, Electric o Electric R. Nelle prime due il motore a scoppio e quello elettrico funzionano insieme. “Charge” sfrutta di più il motore tradizionale per ricaricare la batteria, mentre “Power” usa maggiormente la batteria per ottenere il massimo del rendimento. Electric, come ovvio, utilizza solo il motore elettrico, a cui le batterie assicurano oltre 20 km di autonomia a una velocità massima di poco superiore a 30 km/h. Electric R è la retromarcia: motore a scoppio spento, quadrilatero anteriore bloccato per mantenere l’equilibrio e velocità massima di 3 km/h.

Electric




Partiamo con la modalità Electric: lo spunto risulta paragonabile a quello di un 50 4T, la velocità massima è invece ben inferiore. Selezioniamo la modalità Hybrid Charge in movimento, e il motore “vero” prende vita facendoci accelerare prontamente. Ci aspettavamo che la ricarica della batteria fosse “castrante” per le prestazioni del motore a scoppio, ma la realtà dice il contrario. L’MP3 HyS nelle partenza al semaforo e bassa velocità ha uno spunto maggiore di quello che ricordavamo sull’MP3 125 tradizionale, e allunga poi con la stessa forza.

HYBRID POWER




Con la Hybrid Power innestata in movimento, a gas chiuso, soprattutto a bassa velocità, è avvertibile un “freno motore” superiore a quello di un altro scooter: è l’inverter, il dispositivo di ricarica delle batterie, che recupera energia cinetica ogniqualvolta il tre ruote rallenta, in qualsiasi modalità. Accelerando da fermo, con la Hybrid Power inserita, l’MP3 si muove, ma ci vuole un istante perché si possa avvertire la spinta maggiorata: un “effetto turbo” in piccolo. Insomma, la differenza rispetto alla modalità Charge, e soprattutto rispetto alle prestazioni che ricordavamo sul 125 tradizionale, è avvertibile: con l’Hybrid Power si ha più spinta e si lascia indietro un MP3 che stia utilizzando la Charge.

EFFICIENZA




EFFICIENZA
L’ibrido parallelo di Piaggio è un modo per aumentare l’efficienza del veicolo: i due propulsori sopperiscono l’uno alle debolezze dell’altro, sommando in modo indipendente i loro contributi di coppia. L’elettrico ha coppia massima da fermo e cala agli alti, dove funziona bene il motore a scoppio, che ha il miglior rendimento (minor consumo) al regime di coppia massima. Sull’MP3 HyS, essendo aiutato in accelerazione dal “collega” elettrico, il 125 4T funziona sempre magro, limitando così il consumo, il tutto gestito dall’elettronica che gestisce il dialogo tra pilota e motori, attraverso il Ride-by-Wire.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA