Test Peugeot Geopolis 400

Nuovo propulsore Piaggio generoso per coppia e potenza

Test peugeot geopolis 400




CHIAVARI 6 settembre 2007 La Casa del leone ha presentato il nuovo Geopolis nell’inedita cilindrata di 400 cc. Nato negli ultimi mesi del 2006 con propulsore da 250 cc è stato affiancato successivamente dal 125 cc, e ora, con il robusto propulsore Piaggio, alza lo sguardo all’orizzonte. Coppia e potenza molto generose, unite ad una trasmissione sempre a punto, invitano ad uscire dalla città, senza snaturarne l’animo da commuter (le dimensioni generali contenute aiutano nel classico tragitto casa-ufficio). Lo spazio in sella è abbondante, anche per il passeggero che però si trova “al secondo piano”, e la capacità di carico discreta. Sulle ben asfaltate strade panoramiche della Liguri abbiamo apprezzato la ciclistica sana e precisa (telaio, ammortizzatori e impianto frenante sono stati adeguati al rinnovato vigore), rimpiangendo, sulle asperità, un po’ di morbidezza nella taratura delle sospensioni. Peccato per l’assenza del freno di stazionamento e la corsa eccessiva del comando dell’acceleratore. Disponibile in 3 allestimenti è già in vendita nei concessionari con prezzi da 4900 a 5500 euro.

Il servizio completo sul prossimo numero di Motociclismo

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA