di Nicolas Patrini - 03 febbraio 2020

Lorenzo c'è, Pedrosa guida l'armata KTM

Day 2 chiuso con Pedrosa ancora al top. Lo spagnolo e il compagno di squadra Pol Espargarò sono gli unici a scendere sotto al muro del 2 minuti. Jorge Lorenzo presente ai box e appare una M1 con il numero 99

1/37

Test MotoGP 2020, Sepang

Finalmente nel box Yamaha si vede la M1 numero 99 e un Jorge Lorenzo sorridente e pronto all'azione. Il nuovo tester della Casa di Iwata è in circuito, ma girerà da domani. Non c'è alcun trasponder sulle moto della Casa dei Tre Diapason e, di conseguenza, non conosciamo i tempi siglati dal prototipo 2020. A darci un riferimento è invece KTM, al gran completo con tutti i tester e i piloti ufficiali. Il più veloce sulla RC 16 è, come accaduto nel day 1, Dani Pedrosa, che si migliora e scende sotto al muro dei 2 minuti e prosegue lo sviluppo facendo 50 giri in pista. Fa lo stesso Pol Espargarò, seguito dal rookie Alex Marquez, al suo ultimo giorno di lavoro prima di volare a Jakarta per svelare la moto 2020 insieme al fratello. Continuano anche lo sviluppo gli uomini Aprilia, con Savadori e Smith in sella alla nuova RS-GP. Ducati è in pista con Michele Pirro: il numero 51 ha provato un nuovo aero-pack, con ali decisamente diverse rispetto a quelle viste nel 2019 (le vedete scorrendo in basso, nella gallery sotto ai tempi trovate una carrellata di foto). Infine Suzuki, con Guintoli che ha messo in serie il maggior numero di tornare, ben 61.

Ricordiamo che i tempi che vedete qui sotto non sono ufficiali, poiché durante lo shakedown di Sepang le squadre non hanno alcun obbligo di usare i transponder.

1/2

Jorge Lorenzo sulla Yamaha M1 2020

1/8

Test MotoGP 2020, Sepang

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli