di Chiara Toffolo
25 September 2016

KTM RC16 MotoGP: conclusi tre giorni di test a Brno

KTM continua i test in vista della wild card a Valencia a metà novembre. Mika Kallio e Karel Abraham sono scesi in pista per portare avanti lo sviluppo dell'RC16. Ecco com’è andata: report, dichiarazioni e foto
 

Lo sviluppo prosegue

Il tempo stringe e manca poco alla wild card del KTM Factory Racing Team per il Gran Premio di Valencia. Intanto prosegue lo sviluppo della RC16: si sono conclusi tre giorni di test in Repubblica Ceca, a Brno per la precisione. Rispetto al test precedente su questo stesso circuito fatto ad aprile in cui il lavoro era stato rallentato dal mal tempo, questa volta è andata meglio, nonostante le condizioni già autunnali e la pioggia il martedì che ha causato la partenza ritardata il mercoledì. Fortunatamente, durante la giornata di mercoledì il meteo è migliorato e ci sono state temperature da fine estate che hanno reso la pista ottimale. Si pensa che queste condizioni siano le stesse che ci saranno a Valencia, dove KTM svolgerà ancora tre giorni di test prima della gara. 
 

La parola a...

Mika Kallio: "Al momento è abbastanza difficile valutare il nostro livello. Adesso abbiamo bisogno di avere altri piloti intorno a noi per essere capaci di confrontare il livello a cui siamo. Abbiamo provato un sacco di cose qui, e abbiamo deciso di concentrarci maggiormente sul set-up della moto per il prossimo test a Valencia. Questo sarà interessante perché ci mostrerà come possiamo migliorarci in quella direzione. Recentemente non abbiamo avuto nessun problema tecnico significante, il che è davvero positivo per tre simulazioni di gara. Sento che continueremo a migliorare passo dopo passo. Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere. Ma c’è davvero una buona cooperazione e motivazione nel team, e abbiamo un sacco di idee che speriamo ci aiutino nello sviluppo.”

Karel Abraham: "Vivo quasi accanto al circuito, ma le condizioni erano difficili da prevedere perché non sono regolarmente in sella a una MotoGP qui, ma senza dubbio non erano ideali. Siamo stati capaci di lavorare su un sacco di cose il primo giorno, anche se abbiamo perso del tempo questa mattina dopo un incidente senza conseguenze quando le condizioni erano le migliori. Nel mio ultimo turno, ho guidato fino a che il serbatoio non si è svuotato, ma c’era una motivazione tecnica per questo. Spero di aver contribuito allo sviluppo dell’RC16 nei test a cui ho partecipato. Mi sono divertito in sella alla moto e anche molto col team. Di nuovo voglio dire un grande grazie a KTM e all’intera truppa per avermi offerto questa possibilità, e per la buona cooperazione durante il tempo che abbiamo passato in circuito.”

Mike Leitner (Vice Presidente Onroad): “Un aspetto davvero positivo degli ultimi tre testè che ogni volta abbiamo avuto condizioni molto diverse nelle quali siamo stati capaci di completare l’intera distanza di gara in ognuno di questi circuiti. All’inizio dell’anno, eravamo molto soddisfatti di avere un circuito tutto per noi e portare avanti il nostro lavoro indisturbati. Ma dal test a Spielberg abbiamo sperato sempre di più di avere più competizione in pista, come a Misano ad esempio. All’ultimo test ad Aragon e anche qui a Brno, dove c’era un punto di domanda sulle condizioni e il grip, avere concorrenza può essere molto positivo e fornire più punti di riferimento. Fortunatamente il prossimo test sarà insieme con altri team MotoGP, prima della nostra wild card con Mika Kallio, e sarà un test con condizioni di gara reali.

Sebastian Risse (Direttore Tecnico Onroad): "Abbiamo sviluppato e testato molte cose quest'anno, e non c'è carenza di idee provenienti dal team e la fabbrica. Nel frattempo, quando corriamo con o contro gli altri, è più facile notare ciò che abbiamo ancora da fare e in quali aree vediamo un grande potenziale. Adesso siamo in attesa dei test su alcune parti finali, e che -tra virgolette - sono ora pronti per la produzione in serie. Inoltre, la moto è stata fatta per mettere a proprio agio il pilota, anche con la meccanica,. in particolare nel settore dell'elettronica e dei sensori montati per i test. Ma queste sono cose che non si riflettono molto sui tempi sul giro. Esternamente la moto non cambia molto tra oggi e Valencia. Ci aspettiamo che i prossimi cambiamenti ci saranno dopo l’arrivo di Pol Espargaro e Bradley Smith che sono autorizzati a guidare la moto per la prima volta durante i test IRTA subito dopo la fine della stagione."
 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA