Test Moto Guzzi Griso 8V

Testata la Griso 1200 8V, due cilindri a V trasversale che non mentono: sotto il vestito ci sono 110 purosangue.

Test moto guzzi griso 8v




Se non ti cade l’occhio sulle teste e lo scarico potresti scambiarla per una Griso 1100, quella a 2 valvole. Ma quei due cilindri a V trasversale non mentono: sotto questa Griso 8V battono 110 purosangue, mentre la due valvole si ferma a 86 CV. I corpi farfallati sono cresciuti da 45 a 50 mm e vengono sempre forniti dalla Magneti Marelli. La ciclistica è identica alla 1100: telaio e sospensioni replicano fedelmente il “pacchetto” presente sulla sorellina, ma i freni sono diversi: i dischi da 320 mm qui sono a margherita e abbinati a pregiate pinze freno radiali Brembo. Un leggero ritocco all’imbottitura della sella e il manubrio un filo più stretto e vicino alla seduta sono le uniche differenze che si possono sentire salendoci. Almeno finché non si avvia il nuovo 1200: il suono proveniente dal nuovo scarico non è molto gutturale (ci piace di più quello della 2 valvole) e la meccanica fa sentire la sua presenza con qualche dB di troppo. Rilasciata la tenace frizione idraulica, la Griso 8V inizia a muoversi con disinvoltura, confermando la valida maneggevolezza della 1100. Il motore spinge in modo molto fluido fino a 4.000 giri, poi la progressione si irrobustisce per raggiungere i 5.500 giri, regime dal quale la spinta si fa davvero decisa e porta in un attimo al limitatore, a quota 8.500. Il cambio è preciso, ma piuttosto rumoroso negli innesti, in pura “tradizione” Guzzi. La Griso 8V sarà dai concessionari Moto Guzzi da ottobre a 12.950 euro nei colori nero e bianco perla.

Il test completo sul numero di Motociclismo di ottobre

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA