Stoner velocissimo nei test a Misano e... torna l'ipotesi "gara"

I test di Casey Stoner con la Ducati MotoGP a Misano come sono andati? Pare che al "Simoncelli" l'australiano sia stato così veloce da far tornare le voci di un suo ritorno in gara. Al di là dei tempi (ufficiosi) eccezionali, il lavoro con Michelin ha portato informazioni preziose per lo sviluppo della GP16. Ora c'è il WDW, ma ora dell'11 settembre Stoner ha tutto il tempo di preparare un GP... Foto e dichiarazioni

Il Canguro Mannaro torna a seminare il panico!

Casey Stoner ha completato due giorni di test (29 e 30 giugno scorsi) al Misano World Circuit, per un totale di quasi 100 giri. Il collaudatore di Ducati era entusiasta: “È bello tornare a guidare nel Vecchio Continente, non lo facevo dal 2012 e qui a Misano non guidavo dal 2011”. A poco più di 3 mesi dai test di Losail, l’australiano è tornato in sella alla Desmosedici GP16 (proprio mentre Sam Lowes testava per la prima volta la Aprilia RS-GP del Team Gresini, con cui correrà nel 2017 e 2018 al fianco di Aleix Espargaro), il tutto senza grandi problemi, anzi: i tempi non sono stati divulgati ufficialmente, ma fonti all’interno del team dicono che il miglior tempo dei due giorni di prove è più lento di solo 1 decimo rispetto record della pista registrato lo scorso anno da Jorge Lorenzo (1’33”273), quindi parecchio più veloce rispetto al best lap in gara dei ducatisti ufficiali.

I test sono andati molto bene, abbiamo completato il 95% del lavoro lungo i due giorni andando a testare nuove strategie elettroniche, nuove soluzioni di ciclistica e nuovi bilanciamenti” ha continuato Stoner “ora sono veramente curioso di vedere come andrà la moto nei prossimi appuntamenti con i piloti ufficiali”. Il lavoro svolto nei testi è stato fatto sotto le indicazioni degli uomini Michelin, in moto da avere indicazioni ben precise per effettuare modifiche a due componenti chiave della moto, quali l’elettronica e il telaio. Dunque, una bella esperienza per Stoner, che proprio in questi giorni deve immergersi ancora di più nel mondo di Borgo Panigale: infatti sarà ospite del WDW 2016. “Non vado al World Ducati Week da molto tempo” ha affermato “è difficile ricordarsi com’era, ma ora aspetto con impazienza questo fine settimana per vedere così tanti tifosi, tutti quelli che arriveranno e le moto. Il 90° anniversario di Ducati è una grande celebrazione e non vedo l’ora di farne parte”

CORRE O NON CORRE? QUESTO è IL DILEMMA

Che Casey Stoner sia un pilota veloce è ormai chiaro e non è più necessario dimostrarlo. Ma quello che stupisce è che, a distanza di 4 anni dal suo ritiro, il “Canguro Mannaro” riesce ad adattarsi in maniera quasi istantanea alla moto e a girare veloce: i test di Misano ne sono un esempio. L’ipotesi gara per Stoner è stata smentita più e più volte, sia dal team (tra cui anche dall’ingegner Dall’Igna) che dal pilota stesso, ma stavolta sembra essere cambiato qualcosa: rumors dei paddock, provenienti dai box Ducati, affermerebbero infatti che Stoner potrebbe correre una gara in questa stagione, se non addirittura due. Di speculazioni su questa faccenda ne sono state fatte già a sufficienza negli ultimi tempi, ma adesso, più che mai, queste voci sembrano fondate: con un pilota così veloce ma “ai box”, e con i due Andrea (Dovizioso e Iannone) autori di performance non completamente soddisfacenti, i presupposti per un ritorno in pista ci sono tutti, anche per collaudare ancor più concretamente la moto che per i prossimi due anni sarà guidata da Jorge Lorenzo

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA