Anche i motociclisti tra i soccorritori nelle zone colpite dal sisma

Grazie alla collaborazione tra FMI e Corpo Forestale dello Stato è stata approntata una prima squadra di soccorritori motociclisti, in grado di raggiungere zone ancora isolate e portare aiuti in tempi minori. Ecco le informazioni utili per partecipare alle operazioni di soccorso

Gli angeli sono anche in moto

La Federazione Motociclistica Italiana non ha perso tempo nel fornire il proprio contributo alle operazioni di soccorso che si stanno svolgendo nelle aree colpite dal terremoto.
I primi ad essere coinvolti sono stati i membri del Moto Club Comunanza, dell'omonimo centro in provincia di Ascoli Piceno, che, nel giro di un'ora, hanno raccolto l'adesione di dieci fuoristradisti dotati di moto e quad. Altri Moto Club laziali, coinvolti dalla Prefettura di Rieti, hanno dato poi la propria piena disponibilità e sono pronti ad entrare in azione. 
  
A tal proposito, il Presidente FMI Paolo Sesti ha dichiarato: ”In queste ore drammatiche siamo vicini alle tante famiglie colpite dal sisma. A nome della FMI tutta esprimo il cordoglio per tutte le vittime e un ringraziamento a tutti i soccorritori che in queste ore febbrili continuano eroicamente a cercare sopravvissuti. Vorremmo contribuire in modo concreto e siamo riusciti a mobilitare tanti motociclisti pronti a partire per le zone colpite. Un segnale di solidarietà e di partecipazione del quale vado particolarmente orgoglioso. Restiamo a disposizione della Prefettura e delle Autorità per un eventuale e coordinato impiego sul territorio, ma ringrazio tutti i motociclisti che hanno dato la loro disponibilità ed in particolare Toni Mori che si è prodigato fin da subito nelle operazioni di coordinamento”.

Per chi intende dare il proprio contributo

​Purtroppo i soccorsi dureranno ancora a lungo e le squadre impegnate avranno necessità di essere alternate. Per questo, chiunque volesse mettersi a disposizione per dare il proprio contributo può contattare il Nucleo Enduristi della Protezione civile per avere maggiori informazioni (qui sotto i contatti). Vi ricordiamo però che per rendere efficaci gli aiuti c'è assoluta necessità di coordinamento; in caso contrario, o con iniziative personali, infatti, si rischia di intralciare o creare ulteriori problemi.

La stessa F.M.I. raccomanda a quei motociclisti che vorranno dare una mano nei soccorsi di rivolgersi esclusivamente al Nucleo Enduristi di Protezione Civile del Gruppo Comunale di Cerveteri, di cui riportiamo i contatti:
  • Mario Menicocci: 3286818957
  • Damiano IncainiI: 3701308680 / 3803629505

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA