Statistiche web
29 April 2009

Tecnica: riconoscere il lubrificante giusto in base alle sigle

Per non sbagliare olio bisogna conoscere le sigle che sono riportate sulle etichette dei lubrificanti. A cominciare dalla sigla API costituita da due lettere tipo SL o SM. Indicano il livello prestazionale del lubrificante. La prima lettera della sigla è l’abbreviazione di Service, mentre la seconda indica la famiglia di appartenenza del lubrificante.

Attenzione



Milano 29 aprile 2009
ATTENZIONE Per non sbagliare olio bisogna conoscere le sigle che sono riportate sulle etichette dei lubrificanti. A cominciare dalla sigla API costituita da due lettere tipo SL o SM. Indicano il livello prestazionale del lubrificante. La prima lettera della sigla è l’abbreviazione di Service e la seconda indica la famiglia di appartenenza del lubrificante.

Lubrificanti d'epoca



LUBRIFICANTI D’EPOCA
American Petroleum Institute ha iniziato la classificazione dei lubrificanti negli anni Trenta e ha stilato una sorta di protocollo di impiego che dipende dall’anno di costruzione del motore. La prima sigla utilizzata è la SA, che identifica oli formulati dopo il 1930 e assolutamente privi di additivi. La sigla SB fa riferimento a lubrificanti inadatti all’impiego su motori costruiti dopo il 1963; la SC si può per propulsori realizzati fino al 1967; per la sigla SD l’anno di riferimento è il 1971; SE fino al 1979; SF fino al 1988; SH fino al 1996. Tutti questi lubrificanti sono considerati obsoleti, anzi per la precisione dal tipo SA al tipo SE è sconsigliato l’impiego su propulsori moderni.

Lubrificanti moderni


LUBRIFICANTI MODERNI I lubrificanti correnti sono quelli con sigle SJ, consigliatI per motori costruiti fino al 2001; SL, per motori realizzati fino al 2004, e SM, sigla introdotta il 30 novembre 2004 e che indica lubrificanti dell’ultima generazione che contengono additivi antiossidanti e in grado di evitare la formazione di depositi dovuti ai residui di combustione. Le sigle SI e SK sono state saltate. Va da se che i lubrificanti con sigle più moderne vanno benissimo anche per i vecchi propulsori.
© RIPRODUZIONE RISERVATA