Statistiche web
27 February 2016

Davide Giugliano: “Il podio era alla mia portata!”

Il primo round dell’anno della stagione Superbike 2016 ci conferma la grande forza di Jonathan Rea, che domina la gara dall’inizio alla fine. Tutti i piloti non vedono l’ora di tornare in pista domani per Gara 2, per poter dimostrare il loro potenziale. Le parole dei protagonisti 

REA SI AGGIUDICA GARA1 A PHILLIP ISLAND

La stagione Superbike 2016 è iniziata alla grande. Sul tracciato australiano di Phillip Island, gara 1 è stata combattuta dall’inizio alla fine: Jonathan Rea si è portato in testa fin dai primi chilometri e, nonostante il tentativo di sorpasso all’ultimo giro da parte di Chaz Davies, è riuscito ad aggiudicarsi la prima gara dell’anno! Dietro di lui ha chiuso l’inglese numero 7 del team Aruba.it Ducati, seguito da Michael Van Der Mark, il giovane olandese del Team Honda. Quarto posto per davide Giugliano (autore del giro più veloce in gara all'ultimo passaggio), che ha chiuso davanti a Tom Sykespartito in pole. Se volete leggere il report della gara e la classifica completa cliccate qui; nella gallery trovate le foto.
Ora, in attesa di gara 2 (qui gli orari TV), vi lasciamo con le parole dei protagonisti di questa prima gara dell’anno.  
1/75 WSBK 2016, Phillip Island: Camier in FP2

KAWASAKI RACING TEAM

Jonathan Rea:Mi aspettavo di poter essere molto competitivo, ho la fortuna di poter contare sul Team e su tutti i ragazzi. Ho sempre creduto in loro, e insieme a loro abbiamo deciso la strategia per i test invernali: ora possiamo dire che ha funzionato. Essere veloci e controllare la gara dalla leadership è molto difficile qui a Phillip Island. Ad ogni giro controllavo il maxischermo e vedevo che dietro di me c’era un piccolo gruppetto di piloti, ma verso la fine mi sono reso conto che eravamo rimasti in tre o quattro. Quindi, a sei giri dalla fine, ho abbassato la testa nel cupolino e ho iniziato a spingere, ma notavo che la mia tabella segnava sempre un vantaggio prossimo allo zero. A quel punto ho provato a forzare ancora di più, ma Chaz era sempre lì incollato dietro di me. Sapevo che l’unico modo di vincere era quello di chiudergli tutte le porte, ma lui alla fine se l’è aperta da solo! Non ho fatto un ultimo settore perfetto ma l’importante è che sono riuscito a rispondere al suo attacco e vincere la gara, portando a casa 25 punti.”

Tom Sykes: “Io penso che nessuno voleva stare in testa all’inizio, ma Jonathan e io avevamo un buon ritmo. Poi io sfortunatamente ho perso alcune posizioni e ciò ha disturbato il mio passo. Nonostante questo ho tenuto un buon ritmo per metà, tre quarti, della gara. In realtà c’erano solo due curve dove perdevo terreno, negli altri punti del tracciato riuscivo a riportarmi sotto, ma quando poi tornavo in quelle due curve perdevo molto. Ho dovuto dunque fare i conti con questa situazione. Alla fine il lato positivo è dato dal fatto che negli anni passati ho sempre perso più terreno dal vincitore e inoltre oggi ho avuto buone sensazioni. Di certo non mi sento sconfitto. La stagione e ancora lunga, vedremo domani.”

ARUBA.IT DUCATI RACING

Chaz Davies:È stata una battaglia divertente, con tanti sorpassi duri ma corretti. Avevo pianificato il sorpasso su Rea alla curva 10, ma lui ha allargato la sua traiettoria leggermente e sono stato costretto a stringere un po’ troppo in ingresso, senza riuscire a chiudere perfettamente la curva. Ero già al limite con la gomma anteriore ed ho dovuto mollare i freni, così è riuscito a sorpassarmi nuovamente. Sono comunque molto contento, rispetto allo scorso anno abbiamo fatto grandi passi avanti dal punto di vista dell’elettronica e nelle fasi finali di gara ero molto più a mio agio. Il duello con Rea avrebbe potuto tranquillamente avere un esito opposto, ed ora penserò ad una nuova strategia insieme alla mia squadra. L’obiettivo per domani è la vittoria”.
 
Davide Giugliano:È stata una gara molto bella, sia per noi piloti che per il pubblico. Questa pista non era associata a dei bei ricordi per me, visto che un anno fa mi ero infortunato proprio qui nei test pre-stagione. Oggi invece ho mancato di un soffio la pole position ed ho lottato per il podio fino all’ultimo. Per me si è trattato innanzitutto di un buon rientro a sette mesi da un grave infortunio. Il podio era alla portata, peccato solo per un errore alla curva 4 che mi ha distanziato leggermente dal gruppo a pochi giri dalla fine. Insieme alla squadra, abbiamo lavorato duramente in questi mesi per trovare un assetto che mi permettesse di essere veloce per tutta la gara, e fare il giro veloce all’ultimo passaggio rappresenta una bella conferma. Abbiamo fatto un passo avanti, dobbiamo continuare in questa direzione e migliorare ancora per essere più competitivi domani”.

HONDA WORLD SUPERBIKE TEAM

Michael Van Der Mark: "Sono davvero contento di questo podio! Questa mattina siamo stati costantemente veloci e mi sono sentito molto bene sulla moto. Ho avuto davvero un buon inizio di gara, sono riuscito a stare con i migliori e tenere il loro passo abbastanza facilmente. Fondamentalmente, stavo cercando di risparmiare la gomma posteriore. È stata una bella lotta con i piloti Ducati, una gran bella gara. Io ero più veloce in alcune curve ma loro erano meglio in altre, e questo ha portato a un gran numero di sorpassi. Alla fine avrei voluto spingere di più ma mi mancava il grip sull’anteriore, o per lo meno non ne avevo tanto quanto mi sarebbe piaciuto. Ho faticato un po', ma ho fatto del mio meglio per stare con Johnny e Chaz mentre il divario con la quarta posizione è rimasto lo stesso, quindi sono riuscito a portare a casa questo podio. Per domani dobbiamo migliorare solo un po' di più, poi vedremo come andrà."

Nicky Hayden: "La Superpole non è andata troppo male, abbiamo fatto un buon tempo sul giro e speravo di arrivare almeno in seconda fila. Ho avuto un ottimo inizio di gara e ho cercato di rimanere tranquillo per capire bene la situazione: dove ero veloce, dove non lo ero, e come guidavano i miei avversari. Purtroppo, a metà gara ho iniziato a perdere aderenza all’ anteriore e da quel momento in poi tutto quello che ho potuto fare era cercare di rimanere in sella e finire la gara. Abbiamo bisogno di capire se è successo per via della gomma, del set-up o del mio stile di guida. È stato frustrante perché all'inizio della gara mi sentivo bene e mi stavo divertendo. Congratulazioni a Michael e alla squadra, hanno fatto una grande gara. Speriamo di poter migliorare domani mattina per fare una gara più consistente."

YAMAHA TEAM PATA

Sylvain Guintoli: “Il sesto posto è un’ottima posizione per il via della stagione, ma ad essere onesti è stata una gara frustante per me. Potevo tenere un ritmo maggiore di quello che sono riuscito a fare, ma sono rimasto intrappolato dietro ad alcuni piloti nelle fasi iniziali della gara. In ogni caso è stato un ottimo risultato per noi e ora dobbiamo lavorare per migliorarci in vista della gara di domani. Giudico positiva la mia prima gara con la Yamaha, la mia R1 si è comportata bene e dobbiamo fare solo delle piccole modifiche per migliorarci, vedremo che succederà domani.”

Alex Lowes:Mi dispiace aver aperto la stagione con una caduta qui a Phillip Island. Mi sentivo bene in sella alla mia YZF-R1 dopo il lavoro svolto nei test e nelle qualifiche. Abbiamo fatto degli ottimi progressi e dobbiamo continuare a lavorare passo per passo questa notte. Non vedo l’ora di domani, per avere una seconda possibilità per far bene”.

MV AGUSTA REPARTO CORSE

Leon Camier:Sono grato alla squadra per l’ottimo lavoro svolto in questa prima gara. La moto sta rispondendo bene e sono molto soddisfatto anche del telaio e dell’elettronica. Ci manca giusto un pizzico di potenza in più ed è su questo che dobbiamo ancora lavorare. La partenza in gara è stata pessima ma appena sono riuscito a trovare il giusto ritmo, ho stabilito un buon passo gara e sono risalito dalla 17esima alla settima posizione; è stata una vera battaglia, con tanti piloti lungo la strada e tanti bei sorpassi. Ad ogni modo sono molto felice di come abbiamo lavorato e domani cercheremo di essere ancora più forti per gara 2”.

BARNI RACING TEAM

Xavi Forés: "Sono molto dispiaciuto per come si sia evoluto il weekend. Insieme alla squadra abbiamo fatto un gran lavoro e sapevamo di poter essere competitivi, ma la caduta di ieri ci ha fermati e ha complicato tutto. Ora vediamo cosa dicono i medici per domani. La mia intenzione è quella di correre per prendere ancora più confidenza con la moto! Faremo sicuramente meglio nei prossimi round".
© RIPRODUZIONE RISERVATA