Posso montare specchi non omologati?

Un lettore ci scrive per sapere se per gli specchietti aftermarket basta il marchio CE oppure devono rispettare la “fiche” di omologazione e quindi devono essere ricambi originali. Ecco la nostra risposta

1/12

1 di 2

Caro direttore, volevo un chiarimento sulla legge vigente sugli specchietti. Basta abbiano il marchio CE oppure devono rispettare la “fiche” di omologazione e quindi devono essere ricambi originali? Capisco le interpretazioni, ma nessuno è in grado di darmi una risposta esaustiva.

Mauro Nalotto – email

Caro Mauro, le Case produttrici di accessori aftermarket (per esempio Barracuda e Rizoma, due leader nel settore) ti dicono che sono omologati (con marchio CE). Vero, ma non ti dicono che l’universalità del prodotto non è garanzia di affinità alla moto su cui è montato. Se BMW, per esempio, propone in catalogo degli specchietti after market per un suo modello, è perché li ha testati su quella moto e li pone come alternativa specifica. Per quanto riguarda l’aftermarket, il Codice della Strada consente di sostituire il silenziatore con uno omologato per quel veicolo e dotato di libretto da allegare alla documentazione della moto. Si può modificare anche l’impianto frenante, purché si utilizzi materiale certificato, montato da officina specializzata (i lavori devono essere documentati) e con aggiornamento della carta di circolazione. Idem dicasi per le misure degli pneumatici, previo nulla osta della Casa costruttrice.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA