Sicurezza: alla conferenza ESV quattro nuove proposte BMW

Continua l’impegno della Divisione moto di BMW per rendere più efficienti i veicoli in termini di sicurezza. Parallelamente ai progetti di cui vi abbiamo già parlato che la Casa Bavarese ha sviluppato con il Politecnico di Milano per rendere le strade più sicure, BMW sta studiando nuovi sistemi in grado di assistere la guida del motociclista. In occasione dell’ESV, “Enhanced Safety of Vehicles”, la più importante conferenza internazionale che si occupa di sicurezza dei mezzi, ha presentato nuovi

Sicurezza: alla conferenza esv quattro nuove proposte bmw



Milano 29 luglio 2009
- Continua l’impegno della Divisione moto di BMW per rendere più efficienti i veicoli in termini di sicurezza. Parallelamente ai progetti che la Casa Bavarese ha sviluppato in collaborazione con la Facoltà di design del Politecnico di Milano per rendere le nostre strade più sicure, di cui vi abbiamo già parlato, BMW sta studiando nuovi sistemi in grado di assistere la guida del motociclista. In occasione dell’ESV,  “Enhanced Safety of Vehicles”, la più importante conferenza internazionale che si occupa di sicurezza dei mezzi, ha presentato nuovi dispositivi che avvertono il pilota in caso di condizioni di guida pericolosa.

La prima proposta prevede una segnalazione visiva ed eventualmente anche acustica in caso di nebbia, pioggia, neve o ghiaccio. Particolari sensori segnaleranno quando queste si verificheranno e potranno innescare, per esempio, i fari fendinebbia.

La seconda avvisa, sempre tramite segnalazione sul cruscotto, della presenza di un ostacolo sulla strada (veicolo in panne ai margini della carreggiata, la coda di un ingorgo, un incidente, un tratto di strada scivoloso).

Il terzo dispositivo funziona da deterrente avvertendo il motociclista quando è in avvicinamento un veicolo d’emergenza, come una macchina della polizia, in modo che possa correggere la sua guida.

L’ultimo sistema consiste in uno stop elettronico in caso di frenate ripetute, dovute, per esempio, a code e studiato per avvertire visivamente e acusticamente i veicoli che seguono.

Tutte queste proposte rientrano nel programma ConnectRide di BMW cui appartengono anche i sistemi di sicurezza per il traffico agli incroci (in caso di rischio di collisione, la luce del faro della moto viene modulata e intensificata e vengono attivate luci a LED sui lati della moto; in caso di forte rischio di collisione, viene attivato anche il clacson) e ai semafori (se c’è il rosso e la velocità del motociclista non è variata, questi viene informato in modo che possa frenare in maniera soft).

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA