“Idea! Piazzare lo scarico nel forcellone”

Il design della Ducati Scrambler cambiando lo scarico migliorerebbe molto, secondo un lettore. Anzi, metterlo dentro il forcellone sarebbe il top! Un’interessante lettera ci illustra il concetto tecnico e ci mostra il risultato. Che però non è un’idea nuova…

Land Of Joy ai massimi livelli

Al Salone di Milano, Ducati ha presentato moltissime novità, oltre a quelle già lanciate a Colonia. Non poteva mancare ovviamente la Scrambler, declinata nelle due nuove versioni Desert Sled e Café Racer.
Sono due reinterpretazioni che giocano con la fascinazione che sapienti tocchi riescono a suscitare, cambiando notevolmente il look con relativamente poche modifiche. Ma la Scrambler di serie - che comunque piace parecchio, visti i numeri di vendita - esprime al 100% le proprie potenzialità estetiche? Secondo un nostro lettore no. Ecco la sua ricetta per migliorare la best seller bolognese.

Che ne pensate della mia idea?

Caro direttore, lettore da anni, appassionato di moto e designer di altro, analizzando la Ducati Scrambler ho pensato a una sua evoluzione. Data l’interferenza fra catalizzatore-scarico e forcellone si è scelto in varie moto recenti d’incurvare quest’ultimo per far uscire lo scarico, che comunque sporge. Essendo la “marmitta” elemento fondamentale per definire la linea di una moto ho pensato di creare un forcellone con i due scarichi  inseriti all’interno. I problemi maggiori sono dati dal forte calore e possono essere così risolti: tubo freno in treccia e filo luce targa sarebbero appesi con mollette ad un bordo sotto la marmitta per ridurre il contatto con questa.
La pinza freno sarebbe fissata con distanziatori isolanti per far passare lame d’aria. il perno ruota dovrebbe essere con diametro maggiore e forato per raffreddarlo. Questa integrazione di due elementi con funzioni totalmente diverse, anche se mai realizzata, mi sembra molto “Ducati”, che ha costruito un telaio con un airbox strutturale per la Panigale, risolvendo problemi di rigidità ben maggiori. Questi disegni - che ho tutelato registrandoli - sono i primi prodotti, ma sto completando una versione con scarichi “base” che possono essere rivestiti con varie “cover” protettive. Mentre è più difficile per me valutare a fondo il risultato tecnico, credo che la moto sia più leggera, non solo esteticamente nella parte posteriore, e la linea più filante, con gli scarichi che puntano verso l’alto. Chiedo un parere a voi e ai visitatori dei social. Antonello Bellucci – email

Ingegnoso, ma già visto

Caro Antonello, l'idea è interessante, ma è già stata attuata. Le prime che ci vengono in mente sono la tedesca Imme R 100 del 1949, il nostro scooter Aermacchi Cigno del 1951 e, più recentemente, la statunitense Confederate F113 Hellcat del 2005 (cliccate qui per qualche foto).

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA