24 January 2015

Pata Honda presenta a Verona i team SBK e SS 2015

Presente al Motor Bike Expo tutta la line up dei team SBK e Supersport. In prima fila i due piloti delle CBR1000RR, entrambi campioni del Mondo 2014: Michael VD Mark della Supersport, Guintoli della SBK. La CBR, a detta dei piloti, va decisamente meglio. In Supersport arriva Kyle Smith

Pata honda presenta a verona i team sbk e ss 2015

Iniziano le presentazioni ufficiali dei vari team e, come di consueto, al Motor Bike Expo è la Honda SBK ad aprire le danze. In quel di Verona è stata svelata la livrea 2015 del team Pata Honda Ten Kate, con Sylvain Guintoli e Michael VD Mark che hanno raccontato com'è stato il loro primo approccio alla CBR1000RR SBK. Vediamo cosa hanno detto, mentre qui trovate il video dell'evento e nella gallery le foto delle moto e dei piloti "vestiti per il 2015".

 

 

Un team di campioni del mondo

Prima di dare la parola ai diretti interessati facciamo un riassunto della situazione. Il team Pata perde per il 2015 Jonathan Rea, che passa alla Kawasaki (anche se non è chiaro il suo potenziale visti i risultati dei test di Aragon...), ma guadagna due campioni del mondo, ossia Sylvain Guintoli e Michael Van Der Mark, rispettivamente iridati Superbike e Supersport 2014. Per avere un idea del potenziale delle CBR bisognerà attendere Jerez (qui il calendario dei test), dove tutte le squadre si incontreranno prima della trasferta di Phillip Island, con la speranza di trovare bel tempo per provare (a differenza dei test di Portimão). Vediamo adesso i commenti dei personaggi chiave del team Pata.

 

Sylvain guintoli: "sento la forza della honda"

"Portare il numero uno sulla piastra per un nuovo produttore è un grosso problema, in realtà, perché non capita molto spesso. E 'simbolico anche per me, perché punterò al titolo di nuovo su una moto diversa, la Honda CBR. Sarò sicuramente orgoglioso di portare il numero 1 quest'anno. Ma io sono motivato dalla sfida e ho trovato una squadra che vuole altrettanto vincere. La moto è cambiata un po' durante l'inverno e abbiamo nuovi regolamenti. Il team ha lavorato duramente e sappiamo che sarà una grande sfida, ma questo è ciò che rende il tutto più interessante! Il motore 2015 è molto vicino alle specifiche dello scorso anno e, semmai, è un po 'più fluido, che è una buona notizia per noi perché, anche se costruito di serie, si adatta alle nuove regole. Stiamo ancora lavorando su alcune cose come la distribuzione del peso e la geometria, ma la moto è già molto diversa rispetto allo scorso anno. Sono molto soddisfatto del lavoro che è stato fatto durante l'inverno. C'è ancora molto lavoro da fare, ma la squadra è una grande risorsa; si può sentire la forza della Honda, ed è una bella sensazione".
 

Michael van der mark: "dopo il titolo in supersport, ora devo imparare moltissimo"

"Sono nella stessa squadra dello scorso anno, ma, dopo aver vinto il titolo mondiale Supersport, ho dovuto fare un altro passo, ossia il Mondiale Superbike. É forse un po' più facile per me, perché ho mantenuto la stessa squadra, ma devo ancora abituarmi al CBR più grande e la sua elettronica più sofisticata, oltre a dover trovare un buon set-up. Penso che la più grande sfida per me e per tutti sono le nuove regolee. Al momento la moto va davvero bene, ma dovremo vedere dove ci troviamo dopo le prime gare. Devo imparare molto, naturalmente, ma non metto nessuna pressione su me stesso. Voglio solo fare del mio meglio, fare avanti passi e vedere dove possiamo arrivare. Il tempo non è stato di grande aiuto durante i due test che abbiamo avuto quest'anno, ma il mio feeling con la CBR è migliorato molto rispetto alla mia prima uscita a Jerez. Per il fatto di essere con Sylvain, penso che abbiamo una grande squadra. Egli porta un sacco di esperienza da campione del mondo dell'anno scorso, ma penso che possiamo imparare gli uni dagli altri e questo è quello che abbiamo fatto nelle prove".
 

Ronald ten kate (team manager): "qualcosa di grande sta arrivando"

"La nostra line-up è molto buono sulla carta, con due campioni del mondo sulla Honda CBR Fireblade. Penso che sarebbe una cosa unica per qualsiasi squadra. C'è un sacco di conoscenza e di esperienza che Syvlain sta portando alla squadra - lui è stato in un sacco di moto diverse in diversi paddock. D'altra parte, Michael ha fatto il salto in Superbike e lui è il giovane del team. A parte un paio di uscite a Suzuka, non ha esperienza sulle moto di grossa cilindrata, e nel momento in cui riusciremo ad amalgamare i ragazzi penso che avremo la squadra perfetta. Si può già sentire l'odore, sentire, percepire che qualcosa di grande sta arrivando."
 

Carlo fiorani (responsabile racing honda europe): "nel 2016 lotteremo per il titolo"

"La stagione 2015 è già iniziata molto bene visto che siamo l'unica squadra con due campioni del mondo nel nostro garage - uno dalla Superbike e l'altro da Supersport. Naturalmente, il nostro piano era quello di avere un pilota molto esperto e un giovane pilota con ottime prospettive. La nostra aspettativa è di avere buoni risultati con Sylvain e, dopo un paio di gare, di vedere Michael lotta tra i primi sei. Vogliamo farlo crescere con la squadra ed essere pronti a lottare per il titolo nel 2016. Il team ha lavorato molto duramente con le nuove regole, ma la CBR era già abbastanza orientata verso la produzione. Dopo i primi test siamo abbastanza soddisfatti e ci aspettiamo che la Honda possa lottare per il podio ancora una volta."

 

Con kyle smith in supersport

Aprilia docet, non è semplice abbandonare un campionato vinto. Cosi Ten Kate ha deciso che il team Pata continuerà anche in Supersport, per la precisione con Kyle Smith. Il pilota di Huddersfield, classe 199, è nel mondo delle competizioni da quando aveva dieci anni. Il suo miglior risultato su pista è il secondo posto nel CEV Formula Extreme, obiettivo raggiunto nel 2012. Smith ha poi partecipato in contemporanea al campionato europeo Stock600 e al CEV, per poi concentrarsi sulle competizioni internazionali, facendo nel 2013 tre gare da wild card nell’Europeo Stock600, con tanto di vittoria a Jerez. Nel 2014 è passato alla STK1000, dove ha guadagnato due podi in 8 gare e l'8° posto finale. Adesso Kyle è chiamato a difendere il titolo conquistato da Van Der Mark, e non sarà un lavoro facile. Smith guiderà per la prima volta la Honda CBR600RR del team Pata in occasione dei test di Phillip Island, pochi giorni prima del debutto in gara sulla stessa pista, il 22 febbraio. Vediamo il commento del pilota.

 

Kyle smith: corro per vincere

"Questa è un opportunità fantastica per me, ho un ottima moto, un grande team e il supporto di Honda, quindi penso che questo sia l'anno buono per far vedere chi sono. Mi piacciono nel CBR e nonostante ci saranno un po' di nuovi circuiti da imparare quest'anno non credo che avrò grandi problemi. Si parte da Phillip Island, circuito che sembra piacere a tutti e per l'occasione sto guardando una marea di vide delle gare che si corrono in Australia, quindi non vedo l'ora di iniziare. Il problema maggiore sarà il setup, ma, con l'esperienza del team Pata Honda dietro di me, non potrei trovarmi in una posizione miglire. Mi tengo sempre sotto pressione e corro sempre per vincere. Sono questi i miei obiettivi per la stagione".

 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA