23 April 2014

SBK 2014: la Superpole di Assen è di Loris Baz

Dopo le libere, dove era stato Tom Sykes a portarsi in testa alla classifica, seguito dal compagno di squadra Baz nelle FP3 e da Giugliano nelle FP4, passano la SP1 Melandri e Davies ma la Superpole va a Baz, anche perché la pioggia arriva a rovinare il finale della SP2

Sbk 2014: la superpole di assen è di loris baz

Dopo i turni della mattina, che hanno visto come protagonista Tom Sykes, arriva il momento della Superpole. La "fase 1" viene passata da Davies e Melandri con due ottimi tempi che però non sono sufficenti per ottenere la Superpole, che va al francese Loris Baz (aiutato da uno scroscio provvidenziale). Qui sotto la cronaca completa, mentre qui trovate gli orari TV e qui i risultati delle libere di ieri.

 

Non dimenticate di partecipare al nostro Fantamotociclismo: coloro che a fine campionato avranno totalizzato più punti potranno svolgere il ruolo di tester per Motociclismo per un giorno! Per saperne di più cliccate qui, altrimenti partecipate (sia per la MotoGP che per la SBK) cliccando il pulsante qui sotto.

 

 

LA MATTINATA: TORNA TOM SYKES

Non porta il numero uno sul cupolino per caso, Tom Sykes. Il campione del mondo 2014, nonché l'autore di ben otto pole position nel 2013 e nove nel 2012, si è portato in testa nei turni delle Libere 3 e Libere 4. Durante le FP3 a seguirlo c'è il compagno di squadra Loris Baz a soli quattro centesimi e l'altro francese, Sylvain Guintoli, che con la sua Aprilia riesce a rimanere a meno di 2 decimi dal leader. Il primo turno della mattinata è caratterizzato da alcune interruzioni a causa della perdita di olio da parte di Peter Sebestyen e la sua BMW. Nelle FP4 la situazione cambia, tranne che per la testa della classifica, sempre ad appannaggio di Sykes. Ritorna all'inseguimento Davide Giugliano con un distacco di 2 decimi tondi dal pilota Kawasaki e sfilando la seconda posizione a Guintoli per soli 4 centesimi di secondo. Qui potete vedere la classifica completa della FP3 e qui quella della FP4.

 

SUPERPOLE 1: DAVIES E MELANDRI SOTTO IL 36

Il tempo grigio del pomeriggio non promette pioggia, almeno secondo i professionisti del meteo. Durante la prima parte della Superpole Davies rimane fermamente in testa con l'unico tempo sotto l'1'36, mentre Melandri si porta in seconda posizione con molto ritardo. Sembra che la RSV4 di Macio non sia poi cosi apposto come quella del compagno di squadra, che passa direttamente alla Superpole 2, ma il ravennate non si dà per vinto e alla fine del turno stampa un 1'35"7 che gli garantisce il passaggio alla SP2 ma non la testa della SP1, che porta a casa Davies in 1'35"5.

 

SUPERPOLE 2: BAZ AIUTATO DALLA PIOGGIA PRENDE LA SUA PRIMA POLE

La SP2 viene aperta da Guintoli con un 1'34'9 che potenzialmente potrebbe essere anche un tempo migliore. Complice un pò di traffico (Elias) il francese si accontenta mentre Melandri torna quasi subito ai box per mettere la gomma da qualifica. A otto minuti dal termine i box si riempiono e tutti i piloti scendono con la "super soft", il che fa presupporre che le gomme utilizzate fino a quel momento siano le morbide da gara. Considerando i tempi che sono stati fatti (fino a Melandri che è ottavo tutti sotto il 36) si nota che la pista si è "velocizzata". Dopo il pit stop apre le danze Loris Baz, che nel T4 guadagna più di quattro decimi e si pone in testa con un fantastico 1'34"3, un vero tempone che, grazie anche alla pioggia (che a 3 minuti dalla fine ha iniziato a scendere copiosa), gli concede la prima Superpole della carriera. Secondo Guintoli, seguito da Sykes, Melandri, Rea e Giugliano. Gran parte dei piloti non sono riusciti a terminare il giro del "time attack" per colpa della pioggia., la sessione si conclude lasciandoci un po' delusi per il finale mancato. La migliore delle EVO è quella di Niccolo Canepa, che riesce a mettersi dietro anche le Suzuki ufficiali di Laverty e Lowes. La classifica finale è qui sotto.

 

SBK ASSEN 2014, SUPERPOLE

Pos

Pilota

Moto

Best Lap

Distacco

1

L. Baz

Kawasaki ZX-10R

1'34”357

 

2

S. Guintoli

Aprilia RSV4 Factory

1'34”845

0.488

3

T. Sykes

Kawasaki ZX-10R

1'35”311

0.954

4

M. Melandri

Aprilia RSV4 Factory

1'35”333

0.976

5

J. Rea

Honda CBR1000RR

1'35”361

1.004

6

D. Giugliano

Ducati 1199 Panigale R

1'35”476

1.119

7

N. Canepa

Ducati 1199 Panigale R EVO

1'35”500

1.143

8

E. Laverty

Suzuki GSX-R1000

1'35”646

1.289

9

A. Lowes

Suzuki GSX-R1000

1'35”684

1.327

10

T. Elias

Aprilia RSV4 Factory

1'36”203

1.846

11

L. Haslam

Honda CBR1000RR

1'36”284

1.927

12

C. Davies

Ducati 1199 Panigale R

1'36”288

1.931

13

L. Camier

BMW S1000 RR EVO

1’36”434

 

14

A. Badovini

Bimota BB3 EVO

1’36”547

 

15

D. Salom

Kawasaki ZX-10R EVO

1’36”749

 

16

C. Iddon

Bimota BB3 EVO

1’36”772

 

17

C. Corti

MV Agusta F4 RR

1’36”888

 

18

J. Guarnoni

Kawasaki ZX-10R EVO

1’37”141

 

19

S. Morais

Kawasaki ZX-10R EVO

1’37”280

 

20

L. Scassa

Kawasaki ZX-10R EVO

1’37”343

 

21

M. Fabrizio

Kawasaki ZX-10R EVO

1’37”648

 

22

F. Foret

Kawasaki ZX-10R EVO

1’38”038

 

23

A. Andreozzi

Kawasaki ZX-10R EVO

1’38”771

 

24

K. Bos

Honda CBR 1000 RR EVO

1’38”860

 

25

I. Toth

BMW S1000RR

1’39”464

 

26

A. Yates

EBR 1190 RX

1’40”502

 

27

G. May

EBR 1190 RX

1’40”889

 

28

P. Sebestyen

BMW S1000 RR EVO

1’42”580

 

 

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA