di Beppe Cucco - 07 ottobre 2018

Royal Enfield Himalayan Sleed, pronta all'avventura

Sviluppata sulla base tencica della Himalayan, la Sleed è allestita con un kit di accessori pensati per i viaggi più avventurosi. Inedita la livrea. Verrà realizzata in serie limitata
  • Salva
  • Condividi
  • 1/12 Royal Enfield Himalayan Sleed

    Royal Enfield mostra ad Intermot 2018 la nuova Himalayan Sleed, caratterizzata da una livrea mimetica invernale ispirata ai ghiacciai indiani da cui la moto prende il nome. La Sleed è equipaggiata di serie con il "kit explorer", che comprende valigie laterali impermeabili in alluminio da 26 litri con relativi telaietti di montaggio, manubrio in alluminio da fuoristrada con contrappesi e barre di protezione del motore con rivestimento a polvere.

    La Sleet era stata presentata qualche mese fa, ma inizialmente era destinata solo al mercato indiano, ad Intermot Royal Enfield comunica invece che questo modello arriverà anche in Europa. Royal Enfield Himalayan Sleed verrà prodotta in serie limitata, in soli 500 esemplari; la Casa non ha ancora comunicato il prezzo della moto.

    Non cambia la base tecnica

    Tecnicamente, la Sleet non cambia rispetto all'Himalayan che già conoscevamo. Vale a dire motore monocilindrico da 411 cc, 4T, raffreddato ad aria con alimentazione a carburatore e distribuzione monoalbero. Il cambio è a cinque marce. Questo propulsore dona alla Himalayan una potenza di 24,50 CV a 6.500 giri/min, con una coppia massima di 32 Nm a 4.000 giri/min. Per quanto riguarda la ciclistica troviamo un telaio monoculla sdoppiato in tubi d’acciaio, forcella di tipo tradizionale con steli da 41 mm e un monoammortizzatore al posteriore. Cerchi a raggi, l’anteriore da 21” e il posteriore da 17”. La frenata è affidata ad un disco singolo anteriore da 300 mm, con pinza a due pistoncini, e ad un disco singolo posteriore da 240 mm, con pinza a un pistoncino. La sella si trova a 800 mm da terra.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultime news