di Beppe Cucco - 07 aprile 2020

Richiamo per le KTM 790 Adventure

KTM richiama entrambe le versioni della propria enduro stradale 790 Adventure (la “standard” e la “R”) per un possibile problema al freno posteriore. L’intervento di riparazione in officina, se necessario, richiederà poco più di un’ora

1/22 KTM 790 Adventure e 790 Adventure R

KTM ha avviato una campagna di richiamo che riguarda la 790 Adventure e la sorella “R” m.y. 2019 3 2020. Alcuni modelli della enduro stradale di Mattighofen devono fare un passaggio in officina per verificare che sia tutto ok al freno posteriore.

In particolare, i possessori di una delle moto interessate dal richiamo dovranno recarsi presso un Concessionario ufficiale KTM per il controllo e l’eventuale sostituzione della tubazione del freno che dal modulatore ABS conduce alla pinza del freno posteriore.

1/22 KTM 790 Adventure e 790 Adventure R

I clienti saranno informati individualmente per iscritto attraverso raccomandata e invitati a contattare quanto prima un dealer KTM per concordare un appuntamento per la sostituzione delle parti, compatibilmente con le tempistiche e le limitazioni imposte dalle attuali normative Covid-19. Tutti i Clienti potranno comunque verificare online se la loro moto è interessata o meno dal richiamo tramite il numero di telaio, visitando la sezione service sul sito dell’azienda.

I controlli e la sostituzione delle parti richiedono circa 85 minuti di lavoro e devono essere obbligatoriamente eseguiti presso un concessionario ufficiale KTM. Tutti gli interventi sono gratuiti in quanto coperti dalla garanzia.

1/16 KTM 790 Adventure e 790 Adventure R
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli