a cura della redazione - 07 gennaio 2019

Rainey: "Di solito il pilota migliore non cade così spesso"

Il tre volte campione del mondo della 500 Wayne Rainey sostiene che Marc Marquez rischia troppo per andare a cercare il limite della moto. Il pericolo è quello di farsi male seriamente
  • Salva
  • Condividi
  • 1/7 Maverick Viñales (Movistar Yamaha MotoGP), 4 cadute nel corso del 2018 
     

    Marc Marquez, con 23 cadute nella stagione (esclusi i test), è diventato il pilota che è finito a terra più volte nel corso del Campionato del Mondo MotGP 2018 (nella gallery qui sopra potete vedere chi sono stati i tre piloti che sono caduti di meno e chi sono invece i tre "recordman" di questa curiosa classifica). Proprio in merito allo stile di guida di Marquez si è espresso il Wayne Rainey, in un'intervista rilasciata ai colleghi di Motorsport.com. Il tre volte campione del mondo della 500 sostiene che non ha senso rischiare di finire a terra se già sei il pilota più veloce e che non è molto salutare commettere così tanti errori nel corso di una stagione. Ecco le parole di Rainey.

    "Se Marquez cadrà più di 20 volte anche l'anno prossimo, forse batterà se stesso. Le probabilità sono contro di te quando commetti errori come questo. Quando sei giù dalla moto e scivoli a 200 km/h, forse sei ok per i primi due metri, ma poi quando lasci la pista può succedere di tutto. Spero che Marquez possa trovare un modo per stare di più sulla moto. Non è molto salutare fare errori del genere. Altrimenti ne pagherà il conto".

    "Di solito il pilota migliore non cade così spesso, perché c'è il rischio di farsi male, anche se per ora gli è andata bene. A volte non serve trovare l'ultimo decimo, se sei tre o quattro più veloce degli altri. E' meglio finire il giro con due decimi di vantaggio che non finirlo affatto".

    © RIPRODUZIONE RISERVATA