SWM SM 125 R: gioco da ragazzi

La gamma SWM comprende la SM 125 R, una motardina da 125 cc a 4 tempi pensata soprattutto per i neopatentati. L’abbiamo provata, ecco come va
1/9 SWM SM 125 R 2017: cerchio, pinza e disco anteriore

La prima moto non si scorda mai

Quello delle 125 motard è un segmento interessante e rappresenta l'alternativa allo scooter per molti 16enni, il sogno della prima moto vera e propria che diventa realtà. Lo scooter è più comodo, offre un ricovero sotto la sella per oggetti e casco, può montare il parabrezza ed è complessivamente più confortevole. Ma vuoi mettere il fascino della moto? Sei grande da subito, puoi organizzare itinerari più ampi, la ruota alta offre maggiore divertimento in sicurezza. Ecco il nostro test della SWM SM 125 R!
SWM SM 125 R

Look da grande, prestazione da ragazzi

La proposta SWM dedicati ai più giovani comprende due 125 4T nelle versioni enduro e motard. La prima differenza che si nota rispetto alle concorrenti è il motore; mentre gli altri sfruttano tecnologie terze (come il propulsore Minarelli o il Piaggio), SWM presenta un propulsore dedicato, raffreddato ad aria, con distribuzione bialbero a 4 valvole e alimentazione a iniezione elettronica. Nella prova dinamica se ne apprezza la fruibilità e la dolcezza. Ovviamente non è un motore aggressivo e performante, ma perfettamente allineato alla filosofia di moto entry level. Cresce progressivo, pur non vantando una spinta ai bassi da riferimento e dimostra una buona schiena quando si va a riprendere in mano il gas una volta lanciati, anche con la marcia alta. Il cambio a sei marce ha una leva di azionamento dalla corsa molto lunga e non brilla per dolcezza e precisione nei passaggi da una marcia all'altra. Non sempre gli innesti sono naturali e anche trovare la folle da fermi al semaforo non è così intuitivo. Per contro la frizione è molto morbida e precisa nello stacco, nonostante il comando a cavo.
La nostra prova della della SWM SM 125 R

Reattiva e divertente fra le curve

Il telaio (monotrave a doppia culla in acciaio) riprende la struttura della sorella maggiore SM 500 R. L'ergonomia che ne deriva è buona, la moto è stretta tra le gambe e si sta piuttosto comodi, fatto salvo per la sella piuttosto dura. Il comparto sospensioni aannovera una forcella rovesciata con perno avanzato e steli da 41 mm di diametro con una taratura tendente al morbido e un monoammortizzatore dotato di leveraggio progressivo piuttosto duro. Questa impostazione favorisce l'aumento della maneggevolezza con il risultato di una moto reattiva e divertente tra le curve. Gli inserimenti sono naturali e la percorrenza buona, valorizzando il gusto nudo e crudo di guidare una motard. Ti aspetti che si esalti nel misto e così fa.

Per quanto riguarda i freni, l'anteriore è piuttosto modulabile, poco potente con una pressione leggera e più sostanzioso con una stretta (molto) più decisa. Il problema deriva dal posteriore. La SM 125 R è dotata (come da norma Euro 4) del sistema CBS (alternativo all'ABS), cioè della frenata ripartita sulle due ruote, attiva sul freno posteriore. La ripartizione non è progressiva, ma secca, e questo provoca un'invasività sull'anteriore in controtendenza rispetto ai principi di sicurezza da cui deriva la regola.
Dovessimo fare una sintesi di quanto detto sarebbe questa: la SM 125 R è facile e docile, con una ciclistica votata alle curve, non comodissima sulla lunga distanza.

La prova completa è stata pubblicata su Motociclismo di giugno 2017, dove trovate ogni dettaglio e i rilevamenti strumentali del nostro centro prove.

Scheda tecnica e dati strumentali

SWM SM 125 R 2017
Motore Monocilindrico 4T raffreddato a liquido. Distribuzione bialbero a 4 valvole, alesaggio x corsa 58 x 47,2 mm, cilindrata totale 124,7, rapporto di compressione 12,8:1, lubrificazione a carter secco con pompa a lobi e filtro a cartuccia.
Potenza e coppia massima 11,09 CV a 9.800 giri/min*; 9,09 Nm a 8.300 giri/min*
Velocità massima* 104,4 km/h a 6.670 giri/min
Accelerazione 0-400 m - velocità di uscita 20,516 sec* - 95,4 km/h*
Alimentazione Iniezione elettronica, corpo farfallato da 32 mm
Accensione/Avviamento Accensione elettronica con anticipo variabile a controllo digitale, avviamento elettrico
Cambio A sei marce, valori rapporti interni: 2,833 in prima, 2.066 in seconda, 1,555 in terza, 1,238 in quarta, 1,045 in quinta, 0,916 in sesta
Trasmissione Primaria ad ingranaggi, rapporto 3,35 (67/20), trasmissione finale a catena, rapporto 3,857 (54/14)
Telaio Monotrave in acciaio, telaietto posteriore in acciaio; inclinazione cannotto di sterzo n.d.; avancorsa 83 mm
Sospensioni Anteriore forcella USD con steli da 41 mm, corsa 250 mm; posteriore monoammortizzatore con leveraggio progressivo, corsa 250 mm
Ruote Cerchi in lega; pneumatici anteriore 110/70-17", posteriore 140/70-17"
Freni
Dimensioni e peso lunghezza 2.106 mm, larghezza 820 mm, interasse 1.500 mm, altezza sella 914 mm, altezza da terra 275 mm, peso a secco 120 kg
Colori Rosso, nero

*Dati rilevati dal nostro Centro Prove

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA