di Alberto Motti - 06 October 2017

Suzuki Burgman 400: confortevole e brillante

Le prime impressioni di guida dopo il test a Torino e dintorni, dove il Burgman 400 ha mostrato una grinta tutta nuova ma anche un comfort di tipo... motociclistico
  • Salva
  • Condividi
  • 1/10 Il nuovo Suzuki Burgman 400 in azione (foto ufficiale della Casa)

    Prezzo "lancio" fino a fine ottobre per il nuovo Burgman 400

    Suzuki Burgman 400: confortevole e brillante
    Il nuovo Suzuki Burgman 400 sarà disponibile in tre colorazioni: nero, grigio o bianco. Più snello, sportivo e filante che in passato, mantiene però lo stile "di famiglia"

    Ad Eicma 2016 Suzuki ha presentato la nuova versione del Burgman 400, che si rinnova nel look, nella sostanza e nel comfort. Il motore resta il monocilindrico da 399 cc, 4 tempi, raffreddato a liquido con distribuzione a doppio albero a camme in testa, che già equipaggiava il modello precedente; ma ora è ora omologato Euro 4. Nonostante ciò il propulsore non perde praticamente nulla in potenza massima (31 CV dichiarati contro i precedenti 33) e, a detta della Casa, è migliorato nell’erogazione ai bassi e medi regimi. Tra gli interventi necessari per renderlo Euro 4, troviamo l'aggiunta di un sensore per l’ossigeno sull’iniezione, l’utilizzo di un catalizzatore di nuova concezione, la candela all’iridio e una nuova scatola filtro. Rivisti anche il telaio, più rigido, e la sella, più imbottita e più alta di 40 mm. Le nuove sovrastrutture, dal look più moderno, sono più sottili, leggere e compatte di quelle del modello precedente. Invariato il reparto freni e quello sospensioni, cambia invece la ruota anteriore, che passa da 14" a 15”. Troviamo poi fari full LED, pedane più strette per toccare terra con maggior facilità, parabrezza rivisto… Ma dei dettagli del nuovo scooter di Hamatsu vi abbiamo già parlato lo scorso autunno in occasione della sua presentazione a Milano: cliccate qui per rileggere l’articolo con i dettagli e la scheda tecnica e per vederlo in azione nel video ufficiale della Casa; qui invece per la gallery con le foto.

    Ora dunque non ci resta che dirvi come va: qui sotto trovate le impressioni di guida del nostro Alberto Motti dopo la prima presa di contatto con il nuovo Suzuki Burgman 400; cliccate qui per le foto della prova a Torino e dintorni. Anzi, un’ultima cosa prima di salire in sella, il prezzo: il nuovo Burgman 400 è disponibile in tre colorazioni (nero, grigio o bianco) al un prezzo di 8.149 euro c.i.m.* (ma fino a fine ottobre c'è il prezzo "lancio" di 7.540 euro c..i.m..)

    *: il prezzo “chiavi in mano” si ottiene aggiungendo al prezzo “franco concessionario” le spese per la messa in strada, che Motociclismo quantifica forfettariamente in 250 euro.

    Comodo, brillante. elettronica basica

    Suzuki Burgman 400: confortevole e brillante
    Il nuovo Suzuki Burgman 400 in azione (foto ufficiale della Casa)

    Suzuki ha deciso di cambiare la fortunata famiglia Burgman dandole un carattere più sportivo. Questo però non ha impedito di dotare il 400 di una eccellente sospensione posteriore: un singolo ammortizzatore progressivo posizionato orizzontalmente. Il risultato è un comfort di tipo motociclistico. In più la sella è bassa e gli svasi sulle pedane permettono anche a chi non è altissimo ti toccare bene terra con entrambi i piedi. Questo è stato ottenuto riducendo il vano sottosella (può contenere un casco integrale + un jet). La sella è bassa, dicevamo, ma la posizione comunque è confortevole e non costretta. Lo schienale regolabile aiuta poi a cucirsi addosso lo scooter.

    Il motore è sufficientemente brillante e a fidarsi del computer di bordo anche molto parco. Valuterà meglio il centro prove. La coppia è concentrata ai medi, i regimi più utilizzati. Buono lo spunto e l'attacco della frizione. Sia in città che sul misto l'agilità è buona. Non avendo fatto autostrada, valuteremo la stabilità alle alte velocità quando faremo la prova. Quel che si è visto nei brevi rettilinei delle statali sui colli dell'astigiano e del torinese non fa presagire sorprese. Bene i freni. Vibrazioni minime. L'elettronica è basica: c'è l'ABS ma non il traction control né la chiave elettronica.

    Abbigliamento

    Suzuki Burgman 400: confortevole e brillante
    Il nostro tester in attesa di provare il nuovo Suzuki Burgman 400 2017

    Per questa prova abbiamo utilizzato:
    Casco: Nolan
    Giacca: Tucano Urbano
    Guanti: Spidi
    Pantaloni: Spidi
    Scarpe: Stylmartin


    © RIPRODUZIONE RISERVATA