SPECIALE SALONE EICMA 2021
Tutte le novità Casa per Casa

La Ninja facile e versartile (ma anche divertente su strada)

Prova Kawasaki Ninja 650 2017: pregi e difetti della sport-tourer media secondo Akashi. L'erede della ER-6f guadagna il nome Ninja grazie al nuovo look più aggressivo, ma soprattutto grazie a una ciclistica completamente rivista grazie alla quale dimagrisce considerevolmente. Più amichevole che sportiva, più confortevole che grintosa, è una moto adatta a tutti, con tutto quello che serve per divertirsi su strada

cambio di filosofia

Tra le novità 2017 presentate da Kawasaki ai saloni autunnali 2016 (Colonia e Milano), ci sono modelli che spaziano dalla piccola crossover Verzys-X 300 alla stratosferica Ninja H2R, passando per le nuove naked Z650 (qui il nostro test) e Z900, senza dimenticare le sportive stradali Z1000SX (l’abbiamo già provata) e Ninja 650. Proprio di quest’ultima ci occupiamo oggi. Del “cambio di filosofia” introdotto da Akashi con questo modello vi abbiamo già parlato: con lei la ER-6f diventa sportiva (non a caso cambia nome ed entra a far parte della famiglia “Ninja“), guadagna un look totalmente nuovo ma, soprattutto, un consistente alleggerimento e una nuova ciclistica: telaio a traliccio e inedita sospensione posteriore. Il motore rimane il collaudato bicilindrico in linea, in configurazione euro 4 da 68 CV. Per un ripasso generale sulla moto cliccate qui (in fondo alla pagina la scheda tecnica), per le foto c’è la gallery.
 
È però venuto il momento di sapere come va la Ninja 650 e ve lo diciamo dopo averla guidata nei dintorni di Almeria (Spagna: qui le foto del test).
Ecco un’anteprima delle impressioni di guida, tutti i dettagli e gli approfondimenti su Motociclismo di marzo.

PREZZI E VERSIONI

La Ninja 650 è già disponibile, nei seguenti allestimenti e prezzi
  • Ninja 650: 7.840 euro CIM*
  • Ninja 650 Tourer: 8.630 euro CIM*
    Borse semirigide laterali, parabrezza maggiorato, protezioni adesive serbatoio, slider paramotore
  • Nanja 650 Performance: 9.290 euro CIM*
    Scarico completo Akrapovic, parabrezza fumè, protezioni adesive serbatoio, coprisella posteriore
  • KRT Edition: 200 euro in più 
 
*: il prezzo CIM ("chiavi in mano") si ottiene aggiungendo al prezzo di listino "franco concessionario" le spese per la messa in strada, che Motociclismo quantifica in 250 euro.   

la Ninja adatta a tutti

Appena la vedi capisci subito a che famiglia appartiene. Dal cupolino, al codone, tutto è 100% Ninja. Poi noti il manubrio largo e alto, la sella bassa; guardi l'allestimento, la forcella tradizionale, le gomme stradali; verifichi che il motore sia davvero un bicilindrico parallelo di 650 cc da 68 CV. Allora capisci che a questa nuova verdona carenata nasce per avvicinare il mondo Ninja a quello delle turistiche, obiettivo dichiarato dalla Casa. E centrato.
Su strada ciò che si prova è esattamente quello che i progettisti hanno promesso: la Ninja 650 è facile, versatile, adatta a tutti. Una entry level da secondo step, per esempio per chi arriva dalla 300 (sempre una Ninja) o vuole comunque imboccare un serio percorso motociclistico. Qui c'è tutto. La potenza è giusta per andare forte su strada, l'erogazione è ottima ai medi ma comunque dolce, l'allungo è gustoso, la cattiveria non c'è, per scelta. 

Il più grande pregio è il comfort

Per trovare la sintonia non serve apprendistato; la Ninja 650 la è tua appena ci sali. In città è agile ma bilanciata, anche nelle rotonde da 3 km/h; sul misto tutto gira alla perfezione. Staccata, discesa in piega, accelerazione, il pacchetto - motore, freni, ciclistica - è impeccabile e adatto sia per la scuola guida sia per chi ha esperienza e vuole guidare sportivo, con prestazioni di tutto rispetto (sebbene non siano da race replica). 
Il più grande pregio è il comfort, inteso in senso generale. Del motore (morbidissimo) abbiamo già detto; a questo ci sono da aggiungere le sospensioni morbide capaci di assorbire le asperità più pronunciate ma non flaccide, garanzia di stabilità, la posizione di guida da turistica, con il busto eretto e le pedane avanzate, la buona protezione aerodinamica. La sella è bassa (790 mm) ma perfetta “solo” per chi è di è alto meno di 180 cm; per i più… lunghi è "d'obbligo" la sella rialzata optional.

SCHEDA TECNICA

MOTORE
  • Tipo - Bicilindrico parallelo 4 tempi rafffeddato a liquido
  • Cilindrata - 649 cm³
  • Alesaggio x corsa - 83 x 60 mm
  • Rapporto di compressione - 10,8:1
  • Distribuzione - DOHC, 8 valvole
  • Potenza massima - 68 CV / 8.000 rpm
  • Coppia massima – 65,7 Nm / 6.500 rpm
  • Emissioni CO2 - 107 g/km
  • Sistema di alimentazione - Iniezione elettronica: Ø 36 mm x 2 con doppie valvole a farfalla
  • Sistema di avviamento - Elettrico
  • Lubrificazione - Lubrificazione forzata, carter semi-secco
TRASMISSIONE
  • Cambio - 6 velocità
  • Trasmissione finale - Catena sigillata
  • Rapporto di riduzione primario - 2,095 (88/42)
  • Rapporti di trasmissione
  • 1° - 2,438 (39/16)
  • 2° - 1,714 (36/21)
  • 3° - 1,333 (32/24)
  • 4° - 1,111 (30/27)
  • 5° - 0,966 (28/29)
  • 6° - 0,852 (23/27)
  • Rapporto di riduzione finale - 3,067 (46/15)
  • Frizione - Multidisco in bagno d'olio, manuale
CICLISTICA
  • Telaio - Traliccio, acciaio ad alta resistenza
  • Sospensione anteriore - Forcella telescopica da 41 mm
  • Corsa della ruota anteriore - 125 mm
  • Sospensione posteriore - Back-link orizzontale con regolazione del precarico molla
  • Corsa della ruota posteriore - 130 mm
  • Avancorsa - 100 mm
  • Freni anteriori - Due dischi a margherita semi-flottanti da 300 mm. Pinze: doppi pistoncini
  • Freno posteriore - Disco singolo a margherita da 220 mm. Pinza: singolo pistoncino
  • Pneumatico anteriore - 120/70ZR17M/C (58W)
  • Pneumatico posteriore - 160/60ZR17M/C (69W)
DIMENSIONI E PESI
  • Lunghezza x Larghezza x Altezza – 2.055 x 740 x 1.135 mm
  • Interasse – 1.410 mm
  • Altezza dal suolo - 130 mm
  • Altezza sella - 790 mm
  • Capacità serbatoio carburante - 15 litri
  • Peso in ordine di marcia - 193 kg

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA