La strada va condivisa

Prova navigatore satellitare Garmin Zumo 595 LM: pregi e difetti. In occasione del viaggio a Gran Canaria abbiamo testato il top di gamma GPS Garmin dedicato alle due ruote. L'evoluzione del navigatore va nella direzione di una maggiore connettività mobile

La nuova tendenza della navigazione satellitare

Ormai un navigatore satellitare non deve semplicemente suggerire il percorso più breve o più veloce, bensì il più panoramico e tortuoso. L'isola di Gran Canaria si è prestata benissimo a questo gioco, offrendo una serie infinita di strade che costantemente s'intrecciano, che passano dal mare alla montagna in una manciata di chilometri (qui le foto del nostro viaggio). La splendida luce oceanica (a volte molto forte) ha messo a dura prova il nuovo Garmin Zumo 595 LM, equipaggiato con Lifetime Maps - Europe 45, ma vediamo come è andata (qui caratteristiche e prezzi di tutta la gamma Garmin Zumo 2016).

CONFEZIONE

All’interno della confezione troverete a corredo cavi e staffe, sia per uso motociclistico sia automobilistico. Lo riteniamo un pregio, oltre che un invito a non separarsi mai dal proprio Zumo. Infatti, trattandosi di un Garmin l’utilizzo del medesimo strumento su ogni mezzo che accompagni i nostri spostamenti è consigliato: lasciando attiva la registrazione delle tracce non perderete nessuna curva meritevole di essere percorsa in moto, anche se la state affrontando in auto. A questo (caratteristica ormai consolidata nei prodotti Garmin) lo ZUMO 595 aggiunge una nuova e interessante funzione: il LiveTrack, che grazie all’applicazione Smart Link vi permetterà di comunicare a chi desiderate e in tempo reale la vostra posizione. Volendo sottolineare un difetto (considerando che la durata della batteria è dichiarata fino a 3 ore) il caricabatterie da rete elettrica è stato eliminato del tutto (anche dagli accessori), una scelta a nostro avviso discutibile. Quando si è in viaggio è difficile che nel bauletto ci sia un portatile, unica alternativa alle staffe (moto e auto) per alimentare lo Zumo, inoltre il trasformatore dei modelli precedenti (nel caso uno lo possieda) non è utilizzabile in quanto la porta USB è cambiata. Per non trovarsi mai “scarichi” l’unica alternativa è quindi avere con se una batteria supplementare da smartphone.

VISIBILITÀ E RISPOSTA "TOUCH"

Il nuovo design è accattivante. Il pulsante di avvio ben posizionato. Il display passa da 4,3” a 5” (diagonale da 12,6 cm con una risoluzione a 16:9 da 800x480 pixel). Gli accessi, al vano batterie come alla porta USB, sono semplici e immediati. Ereditata dai modelli Outdoor arriva la lettura verticale dello schermo. Quest'ultimo rappresenta l’upgrade più interessante, soprattutto per le sue dimensioni che ritagliano spazio alla navigazione per nuove informazioni di viaggio. Il display TFT WVGA a matrice attiva viene dichiarato antiriflesso, ma non ci ha convinto. Complice la forte luminosità presente a Gran Canaria? Forse. Ma non per questo giustificabile. Con luminosità al 100% non sono mancati momenti di scarsa visibilità. Ottima invece la risposta touch, anche con i guanti da moto. All’accensione la ricezione GPS impiega qualche istante di troppo, ma una volta agganciato, il segnale arriva forte e chiaro e la qualità Garmin si fa sentire. 

NOVITÀ SOFTWARE

Veniamo adesso alle numerose novità software, che spaziano dalla navigazione alla connettività mobile sempre più richiesta dall’utente. Primo passo fondamentale: scaricate Smart Link (app gratuita iOS/Android) e createvi un account Garmin (se non lo avete già). Attivando il bluetooth su entrambi i device e collegate ora smartphone e navigatore con alcuni semplici passaggi. Per poter usufruire al meglio di tutte le funzionalità è necessario abbinarsi anche all’interfono di un casco. Oltre alla navigazione sta prendendo sempre più campo l’intrattenimento in viaggio: entrando nel menu Applicazioni potrete collegare il vostro 595 a Spotify (oppure utilizzare il Lettore multimediale), rispondere alle chiamate e ricevere tutte le notifiche provenienti dal vostro smartphone (Smart Notifications), comandare a distanza le dash-cam Garmin VIRB, e condividere in tempo reale la vostra posizione grazie a LiveTrack.  E questa è la funzione che più ci ha incuriosito: attivando una nuova sessione LiveTrack direttamente dallo smartphone, potrete invitare un link tramite e-mail a chiunque desideriate vi segua da casa. La persona invitata potrà così accedere al portale Garmin e monitorare ogni vostro spostamento. Divertente per la condivisione e in parte utile per la sicurezza. Condivisione che può comunque avvenire on the road (via bluetooth o scheda SD) con altri navigatori compatibili. Grazie alla connessione internet ricevuta dal telefonino potrete conoscere anche il meteo della vostra destinazione e il Traffico presente per raggiungerla (servizio su abbonamento). Il collegamento con Foursquare apre invece un ulteriore canale informativo sulla costante ricerca di punti di interesse durante il viaggio. 

IN VIAGGIO

Invariata la qualità della navigazione Garmin, con alcune migliorie: Dove si va? resta il percorso primario per definire una destinazione, con la possibilità di personalizzare il posizionamento dei collegamenti di ricerca (Vai a CASA, indirizzo, città, Salvate, Recenti, Categorie, Carburante, Coordinate, Pianifica percorsi, ecc.). L’alternativa è la ricerca sulla Mappa: in basso a destra arriva l’icona strumenti di mappa. Tali strumenti (su richiesta) offrono un ventaglio interessante di nuove informazioni di viaggio, tra cui: Luoghi sul percorso (punti di interesse personalizabili), Meteo (grazie a Smart Link), Svolte (indicazioni visive di rotta). Spendiamo due parole in favore di quest’ultima schermata, che durante la navigazione aiuta a prevenire errori di lettura del percorso con l’ausilio di un simbolo della volta, un breve testo, e la distanza in metri dalla indicazione successiva. Migliorata anche la programmazione/ modifica dei percorsi on the road, anche se il cavallo di battaglia di Garmin resta il supporto offline offerto dal software Base Camp.  Alle Modalità di calcolo si aggiunge Percorso avventuroso, con la possibilità di scegliere il livello di curve, salite e tipologia di strade. L’ultima segnalazione la spediamo per Round Trip (menu Applicazioni): impostata una Posizione di partenza si devono definire alcuni Attributi di viaggio, tra cui: Scegli una distanza (da percorrere), Scegli una durata (del viaggio), Scegli una destinazione (intermedia). Fatto questo il GPS calcolerà la sua proposta offrendovi più opzioni. A voi la scelta. 

PERCHÉ COMPRARLO?

Garmin ZUMO 595LM esce sul mercato con un prezzo di listino importante per un navigatore, supportato comunque da molte nuove caratteristiche e un aggiornamento mappe a vita del prodotto. Se oltre a decidere la vostra strada vi diverte l’idea di inseguire suggerimenti matematici (Round Trip / Calcolo percorso avventuroso), programmare il viaggio da casa (grazie a BaseCamp), restare sempre connessi al vostro smartphone (Smart Link) e ascoltare buona musica (Spotify), ecco, se cercate tutto ciò allora sarà un ottimo compagno di viaggio!

Pregi
  • Display ampio
  • touch buono
  • connessione con cellulare e App SmartLink
  • nuovi strumenti di mappa con possibilità di personalizzare i dati che si vogliono vedere
Difetti
  • Schermo antiriflesso non efficacissimo
  • Mancanza di alimentatore 220 v

gamma e prezzi garmin zumo 2016

La nuova gamma di navigatori Garmin Zumo, distribuiti da Motorquality: mqmotoaccessori.it prevede:
  • Zumo 345 LM: 400 euro
  • Zumo 395 LM: 500 euro
  • Zumo 595 LM: 700 euro

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA