Fantic Caballero 500: come va la nuova scrambler

Abbiamo provato in esclusiva la nuova Fantic Caballero 500: vi diciamo come va la scrambler che segna il ritorno di un nome mitico per gli appassionati. Divertente, leggera e con un'erogazione corposa, la nuova moto della Casa veneta arriverà a novembre 2017. Il nostro test

Attesissima!

Lo abbiamo già detto molte volte: una delle moto “outsider” che hanno destato più interesse allo scorso Eicma, escluse le… superstar, è stata la Fantic Caballero. Allo stand della Casa veneta c’erano due prototipi, uno di 500 cc e uno di 125. Molto apprezzate dal pubblico, le Caballero continuano da mesi a generare curiosità e ogni volta che ne parliamo i click s’impennano. È successo anche con l’intervista in cui Mariano Roman (AD Fantic) ci ha parlato di come si svilupperà in futuro la famiglia Caballero, anche con cilindrate più alte di 500 cc.
Nel frattempo, però, noi la Caballero 500 l’abbiamo provata in esclusiva mondiale e le abbiamo dato l’onore della copertina di Motociclismo di luglio. Per il servizio completo, con approfondimenti sulla tecnica e il design, potete richiedere l’arretrato scrivendo a assistenza.clienti@edisport.it, ma intanto ecco un estratto della parte inerente alle impressioni di guida su strada e in offroad.
Fantic Caballero 500

Una moto da… traverso

Il nostro tester si diverte in derapata con la Fantic Caballero 500
Iniziamo col dirvi che siamo alle prese con una moto che è ancora un prototipo, seppure già molto avanzato. La moto definitiva arriverà a novembre, ma l'estetica è questa, mentre deve essere ancora messa leggermente a punto l'erogazione del nuovo motore costruito dalla cinese Zongshen su specifiche Fantic. In sella i volumi della parte centrale vanno bene nella guida da seduti, ma quando ci si alza in piedi sulle pedane interferiscono con la gamba. La stessa zona scalda, ma i collettori non hanno ancora la coibentazione definitiva. Per il resto la posizione in sella è comoda ed efficace in ogni situazione, soprattutto in posizione centrale-avanzata. Il peso è contenuto e permette di guidare con disinvoltura anche in fuoristrada. Le sospensioni copiano molto bene le piccole asperità, ma è meglio evitare buche profonde o salti. E quando vuoi essere aggressivo nella guida, la Caballero 500 diventa una moto "da traverso", ben controllabile col corpo: basta scaricare il posteriore e puntare l’anteriore. Insomma, un gran divertimento.

Reattivo e sonoro

Caballero 500 in azione su strada durante il nostro test
Su strada si guida con facilità e senso di leggerezza, la sella non è ad altezza stratosferica e si tocca bene con i piedi. I freni sono molto efficaci, e in generale tutti i comandi sono ben accessibili. Il motore è dolce nella risposta al gas, reagisce alla prima apertura con un piacevole sound e sale di giri in maniera regolare e controllabile. Il generale, questo monocilindrico non impressiona per potenza, ma non è certo stato costruito per questo. Le vibrazioni sono difficili da valutare perché alcuni particolari non sono quelli definitivi (ad esempio la frizione), ma qualche pulsazione si nota. Le gomme tassellate, d’ordinanza per una Scrambler, sono efficaci in ogni situazione: su asfalto attaccano e nel fuoristrada dalla scarsa aderenza, condizione che abbiamo trovato in questo test, hanno mantenuto la loro efficacia.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA