“Perché la Tracer sui forum si rompe e la vostra no?”

La Yamaha Tracer è stata la prima protagonista del Long Test di 50.000 km, prova di durata e affidabilità che ha poi visto impegnata anche la Honda Africa Twin e ora la BMW R 1200 RT. La Tracer ne è uscita benissimo, ma l’esito della prova non ha convinto tutti

Secondo internet la Tracer ha molte “magagne”, ma secondo voi no

Caro direttore, sono motociclista e vostro lettore da ormai 25 anni. Mi è piaciuta l'iniziativa di mettere in prova di durata le moto di maggior interesse almeno dal punto di vista del mercato. In particolare ho seguito quella della Tracer (qui il risultato finale, ndr), anche perché ne ho acquistata una da ormai sei mesi. Seguo con molto interesse anche l'attività del forum relativo a questo modello, e devo dire che mi stupisce che l'esemplare della vostra prova non soffra o non abbia dimostrato nessuno dei difetti che a leggere sul forum sono presenti in molti esemplari se non su tutti. Mi riferisco alle forti turbolenze provocate dal cupolino, alla sella instabile, alle frequenti rotture del cavo frizione, alla qualità delle sospensioni decisamente sotto tono rispetto all'esuberanza del motore, alle vibrazioni fastidiose a mani e piedi, alle tante fiancate di plastica rotte, alla instabilità alle alte velocità, ai pericolosi spegnimenti improvvisi del motore che hanno già provocato la caduta di due utenti, agli ammortizzatori arrugginiti precocemente, alle molle ritorno braccetto frizione rotto e così via. Insomma la moto usata da voi probabilmente è una delle poche che sembra immune da tutte le "magagne" che affliggono i tanti utenti del forum. Come ve lo spiegate?
Moreno Strappazzon (BL)
1/73 Parte con la Yamaha Tracer il nostro primo Long Test. Il protocollo prevede 8 rilevamenti strumentali e un uso stradale ben distribuito tra autostrada, città e montagna

Noi abbiamo fatto una manutenzione rigorosa. E gli utenti dei forum?

La Yamaha Tracer protagonista del nostro Long Test sottoposta a manutenzione rigorosa
Caro Moreno, la moto passata per il nostro Centro Prove è stata rodata e manutenuta seguendo rigorosamente le indicazioni della Casa. E ti assicuriamo che una manutenzione approssimativa nell'arco di 50.000 km fa la differenza. Questo potrebbe essere il motivo per cui alcuni possessori dichiarano di aver avuto noie meccaniche inesistenti sul nostro modello. Ci sembra tuttavia eccessivo definire la nostra Tracer stranamente "immune da magagne". Ecco quelle che abbiamo rilevato nel corso della prova e riportato sul fascicolo di gennaio 2017: perdita rivetto fianchetto, perdita bullone parafango, difficoltà di avviamento, paratacchi strisciati, ossidazione collettori di scarico, condensa frecce, frizione rumorosa, ruggine supporto valigie e bulloni avantreno. Ci stupiscono eccome le informazioni che ci passi: "frequenti rotture cavo frizione... fiancate che si rompono... ammortizzatori arrugginiti, motore che si spegne e fa cadere la gente": siamo sicuri che questi frequentatori dei forum usino la moto in modo "normale" o riportino i fatti per quelli che realmente sono? E poi non ci dici se la tua ha avuto qualche problema o meno. In ultimo, concordiamo su alcune annotazioni di carattere dinamico. In particolare la protezione aerodinamica e la stabilità migliorabile. Ne abbiamo ampiamente scritto nelle nostre prove e comparative, che sono la sede unica dove si valuta come va una moto. Il Long Test serve invece a stabilire quanto è affidabile, quanto si usura e quant'è il suo reale costo chilometrico (qui un aggiornamento sulla prova dell’Africa Twin).

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA