Prorogato nuovamente il taglio dei prezzi sul carburante. Ecco quanto si risparmia

Il Ministro dell'Economia e delle Finanze assieme al Ministro della Transizione Ecologica hanno firmato un nuovo decreto che proroga il taglio delle accise su benzina, diesel, gpl e metano per autotrazione. Vediamo fino a quando sarà attivo e quanto ci permette di risparmiare al litro

1/4

Per combattere il “caro benzina” i Ministri Daniele Franco (Economia e Finanze) e Roberto Cingolani (Transizione Ecologica) hanno siglato un nuovo decreto che proroga il taglio delle accise sui carburanti fino al 30 novembre, estendendo così il taglio di circa 30 centesimi al litro per benzina, diesel, gpl e metano per autotrazione.

Prorogato già al 17 ottobre, la nuova data della scadenza sarà ora il 30 novembre. Per Assoutenti (Associazione Nazionale Utenti Servizi Pubblici), però, il taglio delle accise "non basta", ed è una misura "non più adeguata" Servono "interventi strutturali e di lunga durata" per risolvere il problema in maniera concreta e continuativa.

In attesa di questo nuovo decreto, vediamo quanto i tagli estesi al 30 novembre ci permettono di risparmiare al distributore:

  • Benzina: 0,4784 euro/litro, contro i 0,7284 (-25 centesimi)
  • Gasolio: 0,3674 euro/litro, contro i 0,6174 (- 24 centesimi)
  • GPL: 0,18261 euro/kg, contro i 0,26777 (- 8 cenetsimi)

Vi ricordiamo che, per restare sempre aggiornati sul costo reale dei diversi carburanti, si può fare riferimento al servizio "Osservaprezzi carburanti" presente sul sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico: selezionando la zona geografica di proprio interesse, vengono evidenziati i prezzi praticati presso gli impianti di distribuzione presenti in loco. Oppure, esistono anche delle app che vi consentono di scegliere il distributore di carburante più conveniente nella vostra zona.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA