Perché non importano la Honda CB1300?

Un lettore ci scrive per sapere come mai Honda non importi in Europa la CB1300. La risposta della Casa e il nostro commento

1/76

1 di 3

Caro Direttore, mi piace moltissimo la Honda CB1300, appena presentata rinnovata sia in versione naked che con mezza carena. Purtroppo però questa moto non viene commercializzata in Italia e non capisco perché! Sarebbe possibile in qualche modo riuscire ad acquistare tale modello all’estero e poi immatricolarlo in Italia?

Simone Cappelletti - Firenze

Honda CB1300 è stata commercializzata anche in Italia fino al 2012. Nel 2013 è stata lanciata la CB1100 che, pur con una declinazione decisamente più classica, ne ha in parte sostituito il ruolo. Considerati i volumi di vendita, per un modello che si rivolge a un mercato di nicchia fatto di appassionati del segmento ‘heritage’, si è preferito non sovrapporre i due modelli e ampliare l’offerta della CB1100 proponendola nelle due versioni EX e RS.

Caro Simone, purtroppo la moto non è importata in nessun paese dell’Unione europea, rendendo problematica e costosa un’eventuale importazione dall’estero. Bisogna considerare, oltre l’acquisto e i tempi di attesa, le spese di imballaggio e trasporto, le tasse doganali, l’Iva e – cosa forse più importante – l’immatricolazione che, se si tratta di un modello non importato in Europa come questo, richiede la verifica presso la Motorizzazione e l’omologazione. La spesa totale è variabile, ma può costare diverse migliaia di euro: non ne vale la pena. Peccato, perché questa moto, in effetti, ha un grande fascino. Nella foto qui sopra, in primo piano la naked Super Four, dietro la sport tourer Bol d’Or.

1/10 Honda mostra la CB1300S, versione semicarenata della maxinaked CB1300. Il motore ha una potenza massima di 114,2 CV a 7.750 giri e una coppia di 11,8 kgm a 6.000 giri.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli