In arrivo il nuovo Piaggio MP3 my 2023

L'attesa è quasi finita, il nuovo Piaggio MP3 è ormai pronto per essere svelato. Una foto ne svela le nuove forme spigolose e qualche soluzione stilistica inedita, mentre per sapere cosa si cela sotto la scocca dovremo attendere ancora un pochino. Ma qualche ipotesi, anche azzardata, possiamo iniziare a farla: che monti il radar posteriore?

1/5

Piaggio MP3 my 2023

È ora di rinnovare uno dei best seller di casa Piaggio, l’MP3. Non c’è ancora nulla di ufficiale, foto e dettagli tecnici ufficiali non sono stati diramati, ma l’home page del sito ufficiale della casa di Pontedera parla da sola, con una immagine in grande dell’MP3 rinnovato e la scritta sottostante “resta aggiornato”.

Quindi, per scoprire come sarà la nuova versione del tre ruote italiano dovremo sì attendere, ma nemmeno molto. Intanto, però, possiamo dare il via al giochetto di "come potrebbe essere" basandosi su quel che si intravede dall’immagine “rubata”.

La vista posteriore ovviamente non permette di capire se il frontale è stato ridisegnato, ma in compenso è chiaro come l’azienda italiana abbia rimodellato tutta la carrozzeria puntando su linee spigolose alla ricerca di un maggiore senso di robustezza e fisicità.

L’abbinamento in contrasto di alcune parti (vedi il pannello del retroscudo in “bronzo”), poi, va nella direzione della ricercatezza e della qualità trasmessa sin dalla prima occhiata, andando anche a giustificare un prodotto non proprio economico: a oggi, l’MP3 parte dai 7.140 euro indicativi c.i.m. del 300 per arrivare agli 11.840 del 500, passando per i 9.440 euro del 400.

Tutta la zona posteriore è inedita, la coda è più lunga a favore di una maggiore abitabilità non solo del pilota ma anche del passeggero, il gruppo ottico si stringe e allunga per acquisire un look maggiormente affilato e la targa si trasferisce a livello ruota. Soluzioni stilistiche che avvicinano l’MP3 al cugino ruota alta Beverly.

L’occhio cade poi su un cubotto che spunta sotto il gruppo ottico, che tanto ricorda quello presente sulla Triumph Tiger 1200 in cui è celato il radar utilizzato per attivare l’avvisatore visivo sugli specchietti quando un veicolo si trova nell’angolo cieco degli stessi: solo ipotesi, ma questo dispositivo in città potrebbe essere un elemento utile. In fin dei conti, Piaggio è stata la prima a implementare il controllo di trazione nel mondo degli scooter (dal 2012 sul Beverly Sport Touring), quindi non stupirebbe un allargamento dell'uso della tecnologia in chiave sicurezza. E chissà, magari in futuro potremmo anche vedere l’implementazione di un radar frontale (sulla carta lo spazio per montarlo c’è) per aggiungere un cruise control attivo sulla versione di maggiore cubatura (come ricordato sopra, in gamma c’è ancora il 500 Sport Advanced).

Tornando sulla parte anteriore, si nota come la pulsantiera che oggi corre sotto il manubrio sul prossimo MP3, sul nuovo è stata razionalizzata e riposizionata sui due lati del retroscudo. Non manca il sistema keyless per l’avviamento dell’MP3, mentre di fronte al manubrio sembra intravedere un inedito schermo digitale (con tanto di aletta parasole) al posto degli elementi analogici che finora hanno caratterizzato la strumentazione del tre ruote italiano.

Per chiudere, si nota come sul passaruota anteriore ci sia un elemento sporgente che non è chiaro cosa possa essere. Sulle prime verrebbe da indicarlo come un inedito posizionamento degli indicatori di direzione, e se fosse così sarebbe di certo una soluzione stilistica di pregio ma poco pratico in caso di scivolata. Se invece si trattasse di una sorta di paracolpi laterali a protezione della carenatura non sarebbe male.

Insomma, al di là delle varie ipotesi, tutte valide, la curiosità sale.

Staremo a vedere.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA