14 September 2016

Nuovo BMW C evolution: più potenza, più autonomia

Il maxi scooter elettrico BMW C evolution si rinnova e per il 2017 diventa una gamma composta da due modelli: l’11 kW, guidabile con patente A1, e il nuovo Long Range, con più CV e autonomia incrementata. Il tutto grazie ai miglioramenti alla batteria. Foto, video, numeri e tecnica

tempo di novità

Dopo aver svelato come saranno nel 2017 la gamma boxer e quella delle enduro “F”, dopo aver presentato e fatto provare alla stampa la R nineT Scrambler e la piccola G 310R, in BMW non fermano la ventata di novità e puntano l’attenzione sullo scooter elettrico.
Ormai il BMW C evolution è una realtà stabile nel mondo e nel mercato delle 2 ruote. Forse i 109 esemplari venduti nel 2015 e i 60 dei primi 8 mesi del 2016 potranno non far gridare al miracolo commerciale, ma l’elettrico BMW guarda soprattutto al futuro ed ha una storia relativamente breve, con il primo prototipo del C evolution apparso nell’estate del 2012, in occasione delle Olimpiadi di Londra (dove lo abbiamo guidato). Un anno dopo, l’entrata ufficiale nel mercato (qui il nostro test) ed ora l’arrivo della “seconda versione”. La presentazione al pubblico è prevista per il Mondial de l'Automobile 2016 (il Salone dell’auto di Parigi: 1-16 ottobre), ma la Casa di Monaco non ha aspettato a divulgare le informazioni, le foto, i dati tecnici e il video.

Cosa c’è di nuovo

Il C evolution “2017” è declinato in due versioni: Long Range e la versione europea “11 kW” che ne permette la guida con la patente A1. L’innovazione saliente per la versione 2017 è la nuova generazione di batterie, montata anche nell’attuale BMW i3 (package all’interno della cella ottimizzato, quantitativo di elettrolita aumentato, materiale attivo adattato), che ha la capacità delle celle salita a 94 A e offre un significativo aumento dell’autonomia e delle prestazioni. La dotazione di serie comprende adesso un nuovo cavo di carica dalla sezione ridotta. Ci sono poi optional nuovi, infine cambiano leggermente anche le livree: entrambi i modelli sono in colorazione ionic silver metallizzato/electricgreen, completata dal colore di contrasto blackstorm metallizzato. Inoltre, le carenature del tunnel centrale della variante Long Range vantano una grafica nuova.
Finora il C evolution era disponibile in Germania, Francia, Italia, Spagna, Regno Unito, Svizzera, Austria, nei Paesi Bassi, in Belgio, Lussemburgo, Portogallo, Irlanda e Cina; adesso verrà introdotto anche negli Stati Uniti, in Giappone, nella Corea del Sud e in Russia.
 
Sintesi delle novità (in neretto)e delle caratteristiche principali:
  • innovativo motore elettrico con braccio oscillante con gruppo propulsore a motore elettrico raffreddato a liquido, cinghia dentata e ingranaggi planetari
  • Netto aumento dell’autonomia grazie alla maggiore capacità delle celle della batteria, cresciuta da 60 Ah a 94 Ah
  • Variante Long Range: potenza continua di 19 kW (26 CV) e potenza di picco di 35 kW (48 CV). Velocità massima 129 km/h. Autonomia di circa 160 km
  • Versione conforme alla patente A1 (solo in Europa): potenza continua di 11 kW (15 CV) e potenza di picco di 35 kW (48 CV). Velocità massima 120 km/h. Autonomia circa 100 km
  • Recupero intelligente di energia nelle fasi di rilascio e di frenata
  • Cavo di carica di serie dalla sezione ridotta
  • Possibilità di realizzare tempi di carica brevi
  • Effetti di sinergia con le automobili BMW e sicurezza elettrotecnica secondo le norme automobilistiche
  • Ciclistica ibrida dall’handling particolarmente agile, risultante dal baricentro basso
  • Potente impianto frenante con ABS
  • Ampio equipaggiamento di serie, per esempio strumenti multifunzionali combinati con display TFT, luce diurna LED, indicatori di direzione LED, possibilità di selezionare diverse modalità di guida, assistente per la guida in retromarcia e Torque Control Assist (TCA).
  • Nuova vernice ionic silver metallizzato/electricgreen
  • Dettagli pregiati, per esempio parabrezza fumé e cuciture colorate della sella
 
Prima di entrare nel dettaglio delle novità, guardate la gallery e il video, dove a parlarci del nuovo C evolution è nientemeno che Eva Håkansson, la donna più veloce al mondo su una moto elettrica (387,320 km/h, record stabilito a Bonneville nel 2014: guardate il video in fondo alla pagina).

BMW C evolution 2017

+ 11 CV, autonomia fino a 160 km

Nel nuovo C evolution Long Range la potenza continua è di 19 kW (26 CV), dunque è cresciuta di 8 kW (11 CV) rispetto al modello precedente (invariata potenza di picco di 35 kW/48 CV); l’autonomia è stata estesa a circa 160 chilometri. La velocità massima è di 129 km/h (limitata elettronicamente).
Nella versione omologata per la guida con la patente A1 (disponibile solo in Europa) il nuovo C evolution ha una potenza di 11 kW (15 CV). Sempre potenza continua, s’intende. Quella di picco è identica a quella del Long Range (cliccate qui per una spiegazione su questo paradosso giuridico, che consente ad un patentato A1 di guidare mezzi elettrici che di fatto vanno come “endotermici” che la legge in realtà gli vieterebbe…). L’autonomia è di circa 100 chilometri mentre la velocità massima raggiunge i 120 km/h.BMW dichiara che “nell’accelerazione da 0 a 50 km/h il C evolution genera dei valori identici o addirittura superiori a quelli degli attuali maxi-scooter da 600 cc”. 

Tecnica sofisticata

È confermato il sistema di raffreddamento ad aria della batteria, ottenuto tramite alette sul fondo della batteria stessa e canalizzazioni nell’involucro di alluminio, che contiene anche tutta l’elettronica e continua al tempo stesso a fungere anche da elemento portante della ciclistica. L’elettronica gestisce l’erogazione del motore tramite un sistema ride-by-wire ed elabora le informazioni provenienti dall’impianto frenante, decidendo se recuperare energia e l’entità della coppia di recupero della ruota posteriore (quindi anche la sensazione di freno motore), estendendo l’autonomia dal 10 al 20%.
Il motore è invece raffreddato a liquido e trasmette la potenza alla ruota tramite cinghia dentata, ingranaggi planetari e sistema di retromarcia, col gruppo propulsore che è parte del braccio oscillante.
Le prestazioni non sono per nulla male (e chi ha provato il C evolution lo sa…), al punto che la casa ha previsto un sistema di sicurezza chiamato Torque Control Assist (TCA). Il TCA controlla lo slittamento nello stesso modo in cui l’ASC lo fa sulle BMW endotermiche, cioè limita la coppia in dipendenza dello slittamento della ruota posteriore, situazione rilevata da sensori che confrontano il numero di giri della ruota con un valore standard di limite di plausibilità. Superfluo sottolineare come questo sistema sia utile soprattutto su fondi viscidi e tenendo conto del fatto che la notevole coppia dell’elettrico bavarese è erogata (come in tutti gli elettrici) “tutta subito”.

Quattro le modalità di guida

Road: mette a disposizione un’accelerazione illimitata e nella fase di rilascio del gas viene recuperato circa il 50% della coppia massima di trascinamento del motore. Il recupero avviene inoltre nelle fasi di frenata. In questa modalità viene raggiunta l’autonomia standard.
 
Eco Pro: la coppia di trascinamento in rilascio è nettamente superiore. Massimo grado di recupero e accelerazione limitata, con prelievo di energia limitato che consentono di estendere l’autonomia dal 10 al 2%. Il guidatore percepisce la coppia di trascinamento superiore come una maggiore coppia frenante al momento di rilascio del gas. In questa modalità di guida si raggiunge la massima autonomia.
 
Sail: in questa modalità il motore elettrico non forma nessuna coppia di trascinamento e il recupero avviene esclusivamente durante le frenate. Per il guidatore ciò si manifesta nel “veleggio” (sail, appunto), dato che al momento di rilascio dell’acceleratore non si forma praticamente coppia frenante e il veicolo avanza quasi libero. Questa esperienza di guida era finora sconosciuta nei veicoli a due ruote con motore endotermico.
 
Dynamic:  assicura una guida particolarmente dinamica, la completa accelerazione viene combinata con un forte recupero, dunque con un forte “freno motore”.

RICARICA

La carica della batteria avviene attraverso il dispositivo integrato, collegando il veicolo a una normale presa di corrente oppure a una colonnina di carica. Quando la batteria è completamente scarica, il tempo di carica varia, a seconda del tipo di approvvigionamento di corrente disponibile, da circa tre ore per la versione a 11 kW fino a quattro/cinque ore per la variante Long Range. Per la carica, c’è un nuovo cavo dalla sezione ridotta. La presa di carica eseguita secondo la norma automobilistica è inserita dietro un coperchio nella zona gambe anteriore sinistra. All’altro lato, dunque nella zona gambe destra, in un vano è stato sistemato il cavo di carica. La spina è conforme alle specifiche nazionali dei vari paesi (negli USA il C evolution può essere già caricato a colonnine di carica con cavo di carica integrato e spina standardizzata. Per le colonnine di carica degli altri paesi vengono offerti come optional dei cavi di carica che soddisfano le rispettive specifiche).

Ciclistica ibrida

Come dicevamo all’inizio, il C evolution non ha un telaio tradizionale. Per combinare la migliore guida in rettilineo a velocità autostradale con un handling agile nella guida in città, si è sfruttato al massimo il vantaggio offerto dal baricentro estremamente basso dato dalla posizione bassa della batteria: la ciclistica è così formata da una struttura ibrida resistente alle torsioni, che si basa sull’involucro in alluminio della batteria usato come elemento portante, con supporto del monobraccio e gruppo propulsore integrato. Inoltre vi sono avvitati il supporto del cannotto sterzo e il telaio posteriore in tubo di acciaio. Il peso del veicolo è al livello di comparabili maxi-scooter con motore a combustione interna. Per le sospensioni, ci sono una forcella upside-down dal diametro dello stelo di 40 millimetri, mentre al retrotreno un monobraccio che integra il gruppo propulsivo lavora il monoammortizzatore ad articolazione diretta e precarico molla regolabile, montato a sinistra. Le escursioni delle molle sono di entrambe 115 millimetri. 
Completano la ciclistica le ruote pressofuse a cinque raggi in lega leggera (3,5 x 15” davanti, 4,5 x 15” dietro), che calzano pneumatici da 120/70 R 15 e 160/60 R 15 e ospitano un impianto frenante con tre dischi da 270 mm di diametro e ABS (Bosch 9M bicanale, compatto e dal peso di soli 700 grammi). L’attivazione del freno di parcheggio avviene automaticamente quando si aziona il cavalletto laterale.

Strumentazione TFT e luci a led

La combinazione di strumenti del C evolution è dotata di un grande display TFT. Lo strumento dispone del tachimetro e offre una serie d’informazioni supplementari, per esempio l’indicazione dello stato di carica della batteria (SOC = State of Charge) e il bilancio energetico attraverso un’indicazione a barre. Viene inoltre visualizzato al guidatore se momentaneamente l’energia viene trasformata in spinta o se viene recuperata. Questo al fine di guidare in modo possibilmente efficiente. Lo strumento combinato del C evolution comprende infine anche le previste dal legislatore per le vetture elettriche. Per esempio, la spia di avvertimento in presenza di un difetto dell’isolamento, ma anche una spia che indica la limitazione della potenza in caso di sovraccarico.
L’unità d’illuminazione anteriore include i proiettori della luce abbagliante e anabbagliante. Inoltre, il C evolution offre la luce diurna, montata centralmente. Il faro posteriore e gli indicatori di direzione sono a LED.

OPTIONAL e accessori

Optional BMW
• Sella comfort (altezza della sella: 785 mm/lunghezza dell’arco del cavallo: 1.770 mm)
• Manopole riscaldate
• Impianto antifurto (DWA)
 
Accessori originali BMW Motorrad
 
Programma di trasporto
• Topcase 35 l (coperchio verniciato in ionic silver metallizzato)
• Imbottitura per la schiena per topcase 35 l
• Borsa interna per topcase
• Portapacchi
 
Ergonomia e comfort
• Parabrezza da turismo
 
Navigazione e comunicazione
• BMW Motorrad Navigator
• Supporto per smartphone
 
Sicurezza
• Specchietti asferici
 
Carica
• Cavo AC carica veloce CEE
• Cavo AC carica veloce tipo 2
• Cavo AC carica veloce tipo 3

Il record di Eva Håkansson

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli