Le novità Yamaha 2022

Tutte le novità Yamaha 2022. Il TMAX cambia faccia e riceve tanti aggiornamenti estetico-funzionali, la MT-10 guadagna potenza, mentre tutte nuove sono la R7 e le heritage XSR900 e XSR700. Aggiornamento colori per gli scooter

1/32

Yamaha MT-10 SP 2022

1 di 8

L’evoluzione della MT-10 esalta il tema dell'individualità con un nuovo look aggressivo, ottenuto eliminando ogni elemento superfluo. La moto è equipaggiata con una versione perfezionata del motore crossplane CP4, derivato da quello della R1, incastonato nel telaio Deltabox in alluminio. Tra le novità del propulsore i pistoni forgiati in alluminio e un nuovo trattamento superficiale dei cilindri. Modificate anche le impostazioni dell'iniezione per migliorare la coppia tra i 4.000 e gli 8.000 giri/min, così come il design dei condotti di aspirazione e scarico. Yamaha ha lavorato anche sul sound di aspirazione, con un nuovo filtro dell'aria e tre condotti di aspirazione con diverse lunghezze e sezioni trasversali. Ci sono addirittura dei nuovi dispositivi di amplificazione acustica ai lati del serbatoio che convogliano il sound verso il pilota. Lo scarico è ora in titanio. L’impianto frenante, anch’esso di origine R1, utilizza una nuova pompa radiale Brembo. Tra le novità, anche un limitatore di velocità variabile, impostabile dal pilota. Il Quickshifter è ora di serie. La versione SP 2022 monta una nuova generazione di sospensioni a controllo elettronico Öhlins, oltre a tubi in treccia per l’impianto frenante e puntale aerodinamico. La versione standard sarà disponibile da febbraio 2022, per la "SP" occorrerà attendere invece il mese di maggio. Non si conoscono ancora i prezzi.

Il TMAX 2022 vede l’arrivo di una scocca più compatta, d’ispirazione motociclistica, che presenta un nuovo muso con prese d'aria e ali aerodinamiche sporgenti, oltre al doppio faro a LED, con frecce integrate. Nuovo anche il parabrezza, che migliora la silenziosità di marcia. La parte posteriore sfoggia una luce a LED dal design a T. Invariati il motore 560 da 35 kW (si guida con patente A2) e il telaio in alluminio. La ciclistica si avvale di nuovi cerchi più leggeri (10% all’anteriore e 6% al posteriore) realizzati con la tecnologia Spin Forged. Modificate anche le tarature delle sospensioni (steli rovesciati da 41 mm e ammortizzatore progressivo), che dovrebbero garantire maggior feeling all’anteriore. Gli pneumatici Bridgestone Battlax SC2 sono sviluppati specificamente per il TMAX. Nuova la strumentazione TFT a colori con schermo personalizzabile da 7” dotato di connettività e mappe Garmin 3D, con aggiornamenti sul traffico e meteo in tempo reale e previsioni. Confermata la presenza della Smart Key, mentre sono nuovi i blocchetti con gestione attraverso joystick. Modificati il manubrio, ora in alluminio, e sella, più lunga, per offrire maggior libertà di movimento al pilota. Anche la forma delle pedane è stata migliorata e allungata. Sarà disponibile da aprile 2022. Prezzi: 12.949 euro c.i.m.; 15.149 euro c.i.m. versione Tech MAX.

1/67

Tornano in auge le sportive fruibili di media cilindrata: la R7 (in foto nella grafica "Anniversario" per i 60 Anni di partecipazione alle corse) ha il motore bicilindrico CP2 da 689 cc con tecnologia crossplane di derivazione MT-07. Il motore DOHC a 2 cilindri e 4 valvole raffreddato a liquido eroga una potenza massima di 73,4 CV (54 kW) a 8.750 giri/min, la coppia massima di 67 Nm si raggiunge a 6.500 giri/min. È disponibile sia in versione potenza piena sia 35 kW per la patente A2. Le modifiche dedicate al motore CP2 includono una nuova ECU, condotti di aspirazione ottimizzati, design dello scarico rivisto ed un nuovo setting inezione del carburante. Il telaio backbone prevede una parte in alluminio e tubi d’acciaio. La carena ha design aerodinamico con dettagli in alluminio. Il reparto sospensioni vede una forcella USD da 41 mm regolabile e al posteriore una Monocross di nuova progettazione. Freni: doppio disco da 298 mm con pinze radiali e pompa Brembo e, al posteriore, disco da 245. Il faro anteriore (bellissimo) è a LED. Il cambio QSS, quickshifter, è un optional. Già in vendita al prezzo di 9.249 euro c.i.m. nella versione standard; occorrono 9. 649 euro c.i.m. per la versione World GP 60th Anniversary.

1/14

Yamaha R7 World GP 60th Anniversary 2022

La rinnovata “heritage” ispirata agli Anni 80 sfoggia un nuovo telaio in alluminio Deltabox, in posizione abbassata e con forcellone allungato. Il motore CP3 da 889 cc è cresciuto di cilindrata di 43 cc con tutti i componenti interni principali ridisegnati e alleggeriti. La potenza cresce di 4 CV e raggiunge ora i 119 CV a 10.000 giri/min, mentre la coppia raggiunge i 93 Nm (+6%) a 7.000 giri/min, 1.500 in meno rispetto al modello precedente. Per gestire i maggiori livelli di coppia, la frizione antisaltellamento è stata migliorata e sono stati ottimizzati i rapporti del cambio. Introdotta sulla XSR900 la piattaforma inerziale (IMU) a 6 assi, che utilizza due sensori per misurare la velocità e l'accelerazione su tre assi e dialoga con i sistemi di bordo come controllo di trazione sensibile alla piega, sistema di controllo dello slittamento (SCS) e sistema di controllo delle impennate (LIF). Il freno anteriore prevede doppi dischi da 298 mm con pompa radiale Brembo. Il serbatoio da 15 litri ha tappo in stile racing. Il display LCD circolare del modello precedente è stato sostituito da un TFT a colori da 3,5 pollici. Di serie anche cambio elettronico bidirezionale e Cruise Control. Sarà disponibile da aprile 2022 al prezzo di 10.749 euro c.i.m

1/34

Aggiornamenti anche per la minore delle sorelle sport heritage, rivista nella ciclistica e nell’estetica. Il motore bicilindrico CP di 689 cc da 75 CV a 9.000 giri/min e 68 Nm a 6.500 giri/min è ora conforme alla normativa Euro 5, mentre telaio e sospensioni non cambiano. Nuovi invece i dischi freno anteriori da 298 mm, mentre la forcella è stata rivisitata nel setting. I blocchetti elettrici sono ora più facili da usare e il radiatore ha nuove protezioni laterali. A livello estetico arriva un nuovo faro anteriore a LED circolare, mentre la luce posteriore, anch’essa a LED, presenta una forma tonda classica. Per i colori del 2022, Yamaha ha attinto a una delle moto più iconiche della sua storia: la famosa RD350LC a 2 tempi dei primi Anni 80. Nasce così la livrea della nuova XSR700 l'interpretazione moderna di quello schema cromatico, in bianco e blu che si mixa ad una combinazione di nero e oro. La versione estetica X-Tribute rende omaggio alla XT 500. Sarà disponibile da marzo 2022 al prezzo di 8.249 euro c.i.m.

1/24

Yamaha XSR700 XSR700 XTribute 2022

Progettato a partire dalla piattaforma di 125 cc Blue Core Euro 5 con start&stop, lo scooter è caratterizzato dal faro tondo ovale e da elementi cromatici verticali posti sullo scudo. Il vano sottosella ospita un casco integrale. La ruota anteriore è da 12”, la posteriore da 10”. I cerchi in lega sono a 6 razze e calzano pneumatici 90/90 all’anteriore, 100/90 al posteriore. La gamma colori 2022 prevede il bianco perla, il nero e il rosso. Disponibile da inizio 2022 al prezzo di 2.899 euro c.i.m.

1/20

Yamaha D'elight 125 2022

Il commuter NMax, disponibile nelle cilindrate 125 (12,2 CV e 11,2 Nm) e 155 (15 CV e 14 Nm) ha un look aggiornato, motore Euro 5 e telaio rivisto. Ricca la dotazione di serie. Il propulsore, a 4 tempi e 4 valvole, sfrutta la fasatura variabile delle valvole. Di serie ora troviamo il controllo di trazione, l'avviamento keyless e lo start&stop. Sotto la sella c’è posto per un casco jet e a bordo sono presenti la presa 12 V e un vano nel retroscudo. L’impianto frenante si avvale di freni a disco anteriori e posteriori da 230 mm. L'ABS è di serie. I cerchi sono da 13" e montano pneumatici 110/70-13 e 130/70-13. La sella si trova a 765 mm dal suolo. Per il 2022 c’è un nuovo colore: il bianco si aggiunge al blu e al grigio. Già in vendita al prezzo di 3.549 euro c.i.m. per il 125; 3.749 euro c.i.m. per la versione 155.

1/15

Yamaha NMax 155 2022

Lo scooter tre ruote sfrutta il sistema di sospensione/sterzo LMW-Ackerman con un parallelogramma e una sospensione anteriore cantilever con due steli montati all'interno delle ruote anteriori, dotato di Tilt Lock Assist, in grado di farlo stare in equilibrio da solo, da fermo. Per ridurre al minimo le vibrazioni, il motore viene montato sul nuovo telaio con un sistema a leveraggi. Il motore è il monocilindrico 300 cc, 4 valvole, raffreddato a liquido da 28 CV. Oltre alla sicurezza offerta dalle tre ruote, ci sono frenata integrale con ABS e controllo di trazione. La gamma colori 2022 si articola sui nuovi blu “petrolio”, e grigio “sabbia”, che si aggiungono al grigio canna di fucile. Disponibile da inizio 2022 al prezzo di 8.549 euro c.i.m.

1/21

Yamaha Tricity 300 2022

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA