Novità in casa Benelli: in cantiere la nuova 802S

Molto simile nel look alla 752S, nel telaio a traliccio in tubi d’acciaio si nasconde un propulsore di maggior cilindrata: 799 cc. Cresce anche la potenza, che ora supera i 90 CV. Cala, invece, il peso: ben 20 kg in meno. Ecco la prima foto della nuova Benelli 802S

1/17

Dopo la TRK 702, ecco un’altra novità che nei prossimi mesi potremmo vedere nella gamma moto di Benelli, la nuova 802S. Anche se dalla foto che vedete qui sopra potrebbe sembrare la 752S (che vedete in gallery, per un confronto), in realtà si tratta di un modello di "seconda generazione", che promette un grande aumento delle prestazioni. A svelarci la moto e i primi dati sono, ancora una volta, i documenti di omologazione Cinesi. Ma dove sono, quindi, le novità?

La prima è il propulsore. A spingere la nuova 802S non troviamo più il bicilindrico parallelo di 754 cc (da 76 CV a 8.500 giri/min. e 67 Nm a 6.500 giri/min.), ma una nuova versione di quel propulsore, di 799 cc. 45 centimetri cubi di cilindrata in più, che, stando ai documenti di omologazione, doneranno alla moto 20 CV in più, arrivando così a quota 95 CV di potenza.

La foto depositata per l’omologazione ci mostra poi che la nuova 802S manterrà lo stesso stile della 752S, così come rimarranno invariate gran parte delle dimensioni. Le differenze estetiche sono davvero minime: nuovi i cerchi a cinque razze, ci sono ritocchi al paracatena e al supporto targa e il piccolo guscio sopra alla strumentazione è sparito. Anche la forcella Marzocchi da 50 mm e i freni Brembo sono visivamente invariati, così come il telaio in tubi d'acciaio e il forcellone. Ma in qualche modo Benelli è riuscita a tagliare ben 18 kg dal peso della moto. Per l'attuale 752S Benelli dichiara infatti 226 kg in ordine di marcia, i documenti di approvazione della 802S ci dicono, invece, che questa peserà 208 kg. Non è specificato come sia stato possibile ottenere un calo di peso così importante: i nuovi cerchi e le modifiche al motore potrebbero contribuire a ridurre alcuni kg, ma senza dubbio ci devono essere ulteriori modifiche “invisibili” per una dieta così significativa (magari spessori rivisti, sovrastrutture più leggere…)

Rumors che arrivano dall’oriente ci dicono poi che questo nuovo motore di 799 cc (ma in versione da 87 CV) potrebbe presto venir utilizzato anche su una più muscolosa e aggiornata Leoncino 800, e probabilmente anche sulla TRK 800. In linea teorica questo perché Benelli presto potrebbe debuttare con un nuovo bicilindrico di 693 cc da 76 CV che potrebbe andare ad equipaggiare una nuova gamma di modelli, a partire dalla TRK 702 (che vedete qui sotto). Una cilindrata maggiore, e maggiori prestazioni, porrebbero il bicilindrico di 799 cc in una nuova fascia di prodotto, uno step sopra. Staremo a vedere nei prossimi mesi come si muoverà Benelli.

1/11

Benelli TRK 702 2023

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA