Novembre negativo per il mercato a due ruote: calo del 20% rispetto al 2007

I dati dell’Ancma rivelano che le vendite di moto e scooter nel mese di novembre sono state di 13.526 veicoli, 3.300 in meno rispetto al periodo di riferimento del 2007. Il calo delle vendite rappresenta la perdita di una quota del 20% di mercato e, pur trattandosi di dati riferiti ad una stagione poco favorevole all’acquisto di due ruote, si registrerà un ribasso anche nei dati annuali.

Novembre negativo per il mercato a due ruote: calo del 20% rispetto al 2007




Milano 3 dicembre 2008
CRISI Nel mese di novembre per il mercato di moto e scooter si è registrato un calo del 20%, con 13.526 veicoli venduti: oltre 3.300 in meno rispetto allo stesso mese del 2007. La crisi del settore, probabilmente andata di pari passo con la crisi finanziaria globale, ha avuto la maggiore influenza nel segmento moto, che con 3.837 immatricolazioni è risultato negativo di un terzo (-33,5%) rispetto al numero totale di vendite registrato a novembre 2007. In ribasso anche i volumi degli scooter: 9.689 quelli venduti, il 13% in meno rispetto all’anno passato. Storicamente il mese di novembre è poco favorevole, per il clima molto freddo, al mercato delle due ruote motorizzate e nel bilancio annuale ha un’influenza solo del 4%. Tuttavia il passivo così consistente, se confrontato con i dati dell’anno precedente, lascia intendere che si rileverà una perdita anche sui dati delle vendite annuali del 2008.


SCOOTER DOMINANTI
Quel ch’è certo è che per il momento gli scooter continuano a trascinare il mercato delle due ruote motorizzate. Le statistiche dei primi undici mesi dell’anno mostrano 396.883 unità immatricolate (-6,5%) rispetto allo stesso periodo del 2007. Gli scooter venduti sono stati 261.700 (-4,1%), mentre le motociclette 135.183 (-10,7%).

MOMENTO SFAVOREVOLE
Il presidente di Confindustria ANCMA, Guidalberto Guidi, ha così commentato la situazione: “La congiuntura sfavorevole non poteva non toccare le 2 ruote e il trend di novembre rappresenta un calo sensibile. Tutti i mercati che dipendono da una forte componente di credito segnalano una crisi significativa che penalizza questa fine del 2008 in tutta Europa. Come per il mercato auto, è necessario sostenere la domanda mettendo in condizione i cittadini di cambiare i propri veicoli obsoleti ed assicurare il ricambio fisiologico del parco circolante. Gli incentivi in essere non possono terminare con la fine dell’anno e auspichiamo che ci sia la necessaria sensibilità per poter continuare ad investire nel 2009 sui veicoli a vocazione urbana, che aiutano a decongestionare il traffico e a ridurre consumi e inquinamento atmosferico”.

GUSTI ITALIANI
Gli scooter occupano le prime nove posizioni nella classifica dei modelli più venduti e rappresentano come segmento i due terzi del totale mercato. Continuano a crescere gli scooter 125cc (+7,3%), che rappresentano l’entry level della categoria (per guidarli è sufficiente la patente B) e diventano la classe produttrice dei maggiori volumi di vendita con 78.324 unità. Seguono le cilindrate medio-alte da 300 fino a 500 cc con 75.764 veicoli (+1,6%). In forte crisi le vendite delle cilindrate tra i 150 e 250cc (-15,4%), mentre raggiunge 4.462 unità la nicchia degli hyper scooter oltre 500cc (+31,9%).

Fra le moto il quadro è critico per le cilindrate intermedie. Le 600 cc si fermano a 21.593 immatricolazioni (-32,6%). Diminuiscono anche le moto da 650-750cc, con 39.305 pezzi (-2,4%), fortemente negative le 750-1000 cc per cui si misurano 26.477 veicoli (-7,8%).

Continuano ad entusiasmare il pubblico le maxi oltre 1000 cc, di cui ne sono state vendute 27.569 (+1,5%).

Leggendo i dati in base alle tipologie di moto, si riscontra che, dopo le naked  con 48.981 unità (-21,2%), ottiene il maggior consenso il segmento delle enduro stradali, con 30.785 pezzi (+19,6%). Subito dietro le sportive 23.569 (-11,7%), le  custom 10.818 (-9,4%) e ancora, in crescita, le supermotard  9.040 (+4,7%).

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA