Norton Commando 750

Norton commando 750


La Norton Commando 750 venne presentata al Salone di Londra del 1967 e venne prodotta dall'aprile del 1968 fino al 1973. Questa diva delle due ruote si è vestita in forme diverse: Fastback, R type, S type, SS type, Roadster, Interstate, Hi-Rider e Production Racer. Diverse le motorizzazioni, i telai, i freni e tanti dettagli tra una versione e l'altra: ogni Commando, se perfettamente originale, è una moto quasi unica e tutte si presentano oggi come le meno "datate" fra le britanniche dello stesso periodo. I puristi sanno che la filosofia di aggiornabilità dei modelli, fortemente voluta dalla Casa inglese, combinata con un'ottima reperibilità dei ricambi di base ha inevitabilmente creato confusione tra i vari modelli.

La versione più e quilibrata delle 750 risulta senza dubbio la Roadster del 1971 (siglata MK II) con il freno anteriore a tamburo cui succede, dal gennaio 1972, la versione con motore Combat dotato di qualche CV in più, ma ben meno affidabile. Se non avete particolari problemi affettivi che vi legano a quest'ultimo modello lasciate perdere, la fragilità del Combat non ripaga la differenza delle prestazioni, anche perchè le motorizzazioni 1969-'70-'71 sono molto equilibrate: poderosa coppia ai bassi regimi, scatto bruciante, allungo notevole. Quando si parla di bicilindrici inglesi si fa inevitabilmente riferimento ad una lunga serie di inconvenienti. In effetti la Norton, già pressata dalla terribile concorrenza giapponese e coinvolta nel salvataggio del BSA Group nel '72, assemblava in quegli anni le moto alla meglio.

Commando Fastback Mk I/MkII:  modernissima per l'epoca, di taglio sportivo e molto europeo. Nella foto, la prima versione 20M3 che ha ancora il magnete dietro i cilindri. Difficile oggi trovarne in condizioni impeccabili, ancor più difficile da riportare alle originali condizioni per la difficile reperibilità di molte componenti. Le successive versioni Mk III e Mk IV conservano la "coda veloce", ma si adeguano nella componentistica generale alle evoluzioni della gamma Commando, sono belle ma non esprimono il fascino delle precedenti. Nell'aprile del 1971 compare anche una versione Long Range con serbatoio della benzina da 18 litri anzichè da 15 e con la sella priva dei caratteristici prolungamenti anteriori che abbracciano il serbatoio.
S type (Scrambler)/Roadster: a dire il vero, questo modello, destinato soprattutto al mercato USA, di fuoristrada aveva ben poco. Si tratta comunque di una macchina bellissima, ma anch'essa è costruita con particolari di difficile reperibilità. Nel marzo del 1970 entra in produzione ufficialmente il modello Roadster: si tratta infatti di una S con gli scarichi bassi e rialzati solo nella parte finale. Appare la scritta Roadster sulle fiancatine, ma il resto della componentistica è identico al modello S.
SS type (Street Scrambler): un modello prodotto per soli 7 mesi dal marzo all'ottobre del 1971. E' una versione molto particolare, molto snella. Si distingue per: serbatoio a goccia da meno di 7 litri (anche se la Casa ne indicava 9); parafango anteriore alto con attacchi alla piastra inferiore della forcella; fanale Lucas più piccolo; parasassi alla base della culla del telaio; fiancatine laterali nere; manubrio con barra di rinforzo; sella a punta.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA