Mondiale MXGP 2015, Argentina: vince Nagl, Cairoli batte ancora Villopoto

Secondo trionfo stagionale in 3 GP per il rider Husqvarna, che stravince Gara2. Desalle al top in Gara1, ma l’attenzione è tutta su Tony e Ryan, con l’italiano che si difende dagli attacchi dell’americano e scappa (rischiando e anche cadendo…). In MX2 vince Ferrandis (Kawasaki)

Mondiale mxgp 2015, argentina: vince nagl, cairoli batte ancora villopoto

Una Gara con la G maiuscola. Emozioni a non finire sul tracciato argentino di Neuquen, sede del 3° round del Mondiale Motocross 2015. Dopo l’exploit di Max Nagl (Husqvarna IceOne) nella gara di apertura in Qatar e la vittoria di misura di Ryan Villopoto (Monster Energy Kawasaki) in Thailandia, il GP d’Argentina mette in chiaro il livello in campo e ci permette di schiarirci le idee sui vari piloti.

 

L’analisi della gara: a desalle e nagl le vittorie, cairoli comunque meglio di villopoto

La vittoria va al ritrovato Nagl, velocissimo in Gara2, dove è protagonista di una rimonta esaltante, e più conservativo (se così si può definire…) in Gara1 (3° alle spalle di Desalle e Cairoli). Il tedesco è il migliore ad interpretare il fantastico tracciato di Neuquen (nella nostra gallery ci sono alcune foto della pista), girando addirittura 2” più veloce dei suoi rivali quando la pista è pesantemente scavata. Forse lo stile di guida di Nagl non è il massimo da vedere, ma nessuno può obiettare sull’efficienza. A pari punti con Nagl troviamo il leader del Campionato Clement Desalle (Rokstar Energy Suzuki), che riesce a sbloccarsi vincendo la prima manche. La pressione messagli da Tony Cairoli (Red Bull KTM) lo affatica e la pausa tra Gara1 e Gara2 non gli è sufficiente per riprende a pieno le forze. Nella seconda manche infatti Desalle cala gradualmente, fino a cedere la posizione a Nagl e Cairoli dopo una partenza con le stelle. Quando nel finale sente arrivare da dietro addirittura Villopoto tira fuori gli artigli e combatte, avendo la meglio e mostrando di essere un osso duro, uno che non si lascia sopravanzare facilmente da nessuno, neanche da un 8 volte Campione del Mondo. Cairoli, appunto, chiude 3° a un punto dai primi due. In Gara1 conduce una buona corsa all’insegna della regolarità, ma l’attacco definitivo su Desalle arriva troppo tardi, addirittura all’ultimo giro. Nella foga Cairoli sbaglia uno scrub e si ritrova gambe all’aria. La fortuna vuole che Nagl si trovi ad una decina di secondi dietro i due, senza dare al tedesco la possibilità di conquistare il 2° posto. In Gara2 Tony parte bene, ancora dietro a Desalle, ma da dietro arriva Nagl, scatenato, che lo supera. Cairoli non oppone resistenza al ritmo esagerato del pilota Husky, ma anzi si deve difendere dagli attacchi di Villopoto. Nel finale viene fuori la preparazione fisica e qui Cairoli si prende una mezza rivincita sull’americano dopo che questi lo ha battuto in Thailandia. Ryan si deve accontentare di due quarti posti e deve ancora abituarsi al 100% ai ritmi del Mondiale (prove libere, prove cronometrate e manche di qualifica il sabato, warm up e due manche di gara la domenica). Chiude la top 5 Gautier Paulin (Honda HRC), ancora in difficoltà con la sua CRF 450 anche sotto gli occhi di un osservatore d’eccezione: Casey Stoner, giunto al circuito argentino per sostenere moralmente il Team Honda dato che si trovava a pescare nelle vicinanze. Merita una citazione anche la situazione in Casa Yamaha Factory, con Febvre più veloce di Van Horebeek, ma entrambi troppo poco concentrati e continuamente a terra. Ma se Febvre ci sta stupendo positivamente, lo stesso non si può dire di Van Horebeek: non sono questi i risultati che un vice Campione del Mondo deve ottenere.

 

Mx2: ferrandis dice “stop” ai sogni della “perfect season” di herlings

Anomala gara in MX2, dove vince e convince Dylan Ferrandis (Monster Energy Kawasaki), che domina Gara1 e chiude 2° in Gara2 dopo una caduta con conseguente rimonta. Il francese danza sulle wave argentine e vola sui lunghi salti artificiali di Neuquen, a proprio agio con il terreno sopra leggermente sabbioso, quasi cenere, sotto duro e scivoloso. Ferrandis approfitta di un errore di Jeffrey Herlings (Red Bull KTM) in Gara1 per conquistare la sua prima vittoria in un GP di MX2. L’olandese volante viene toccato mentre è in salto e la sua moto percorre una parabola strana mentre è in volo. L’atterraggio avviene con la sola ruota anteriore e il 2 volte iridato si cappotta in avanti, danneggiando alcune parti della sua KTM 250 SX-F. Riprendere la corsa è impossibile. Jeffrey scende in Gara2 estremamente determinato a riprendersi quella tabella rossa soffiatagli momentaneamente da Ferrandis, e ci riesce, grazie ad una manche condotta in puro stile Herlings: gas a martello dall’inizio alla fine e fuga sugli inseguitori. Forte di due piazzamenti, Jeremy Seewer (Rockstar Energy Suzuki) sale sul 3° gradino del podio, mentre continua a sorprende positivamente Thomas Covington (Monster Energy Kawasaki), l’americano con la moto numero 64. Delusione Tim Gajser (Honda Gariboldi), mai in gara e 5° assoluto solamente grazie alle cadute di Julien Lieber e Valentin Guillod del Team Yamaha Standing Construct.

 

Mxgp 2015, gp dell’argentina: classifica di giornata mxgp

  1. Max Nagl (Husqvarna) 45 punti
  2. Clement Desalle (Suzuki) 45
  3. Tony Cairoli (KTM) 44
  4. Ryan Villopoto (Kawasaki) 36
  5. Gautier Paulin (Honda) 29
  6. Jeremy Van Horebeek (Yamaha) 28
  7. Romain Febvre (Yamaha) 28
  8. Evgeny Bobryshev (Honda) 27
  9. Todd Waters (Husqvarna) 22
  10. Glenn Coldenhoff (Suzuki) 20

 

Mxgp 2015, classifica di campionato mxgp

  1. Clement Desalle 133 punti
  2. Max Nagl 123
  3. Tony Cairoli 123
  4. Ryan Villopoto 106
  5. Gautier Paulin 96
  6. Romain Febvre 95
  7. Evgeny Bobryshev 72
  8. Todd Waters 62
  9. Jeremy Van Horebeek 60
  10. Kevin Strijbos 55

 

Mxgp 2015, gp dell’argentina: classifica di giornata mx2

  1. Dylan Ferrandis (Kawasaki) 47 punti
  2. Pauls Jonass (KTM) 42
  3. Jeremy Seewer (Suzuki) 32
  4. Thomas Covington (Kawasaki) 28
  5. Tim Gajser (Honda) 27
  6. Aleksandr Tonkov (Husqvarna) 26
  7. Jeffrey Herlings (KTM) 25
  8. Adam Sterry (KTM) 20
  9. Max Anstie (Kawasaki) 20
  10. Brian Bogers (KTM) 19

 

Mxgp 2015, classifica di campionato mx2

  1. Jeffrey Herlings 125 punti
  2. Dyaln Ferrandis 125
  3. Pauls Jonass 112
  4. Aleksandr Tonkov 82
  5. Thomas Covington 81
  6. Julien Lieber 80
  7. Tim Gajser 79
  8. Valentin Guillod 73
  9. Jeremy Seewer 70
  10. Petar Petrov 57

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA