a cura della redazione - 05 novembre 2019

MV Agusta a Eicma con il Concept Rush 1000

Ideata sulla base della Brutale 1000 RR, la nuova Rush 1000 è un mix di elementi di design e funzionali. Faro tondo, doppio terminale di scarico a lato, dotazione di primo livello e ruota posteriore lenticolare

1/17

1 di 3

Oltre alla nuova gamma 2020, in occasione di Eicma 2019 MV Agusta toglie i veli al nuovo concept Rush 1000, una moto nata come un esercizio di stile per valorizzare l'evoluzione tecnica e stilistica che ha dato vita alla nuova Brutale 1000 RR.

Realizzata proprio sulla base tecnica della Brutale 1000 RR, da 208 CV, si differenzia per alcuni dettagli esclusivi. Il gruppo ottico anteriore è ispirato a quello della RVS #1 (qui foto e dettagli), è un’unità full LED con funzione cornering. Il supporto del faro e la cornice circolare sono in leghe leggere lavorate CNC. La cover posteriore del gruppo ottico è in fibra di carbonio, materiale scelto anche per la cover della sella passeggero, nonché per le paratie laterali del codino. Il tappo del serbatoio è in alluminio e anch’esso è lavorato CNC.

La ruota posteriore è di tipo lenticolare: il cerchio posteriore in alluminio forgiato è celato da un coperchio in fibra di carbonio. Il dado di fissaggio della ruota posteriore sul monobraccio è in lega di alluminio lavorata CNC. Il cerchio anteriore, invece, è a raggi.


Il telaietto posteriore, la sella del passeggero e il gruppo ottico posteriore sono stati disegnati appositamente. L’impianto di scarico sfoggia terminali in titanio con paratia di protezione in fibra di carbonio. La mappatura della centralina è specifica per l’impianto di scarico.

1/12

MV Agusta Rush 1000 Concept 2020

La Rush 1000 condivide la base tecnica con la Brutale 1000 RR. Il motore quattro cilindri in linea con sistema integrato di accensione-iniezione MVICS (Motor & Vehicle Integrated Control System) dispone di 8 iniettori, 4 inferiori Mikuni e 4 superiori Magneti Marelli con portata maggiorata. La centralina di controllo motore Eldor EM2.0 interviene sul corpo farfallato full ride by wire Mikuni; le bobine pencil-coil sono dotate di tecnologia “ion-sensing”, controllo della detonazione e misfire. Sono quattro le mappe di gestione del motore (Sport, Race, Rain, Custom), mentre il controllo di trazione disinseribile dispone di 8 livelli di intervento e wheelie control con piattaforma inerziale. Troviamo poi il sistema MV EAS 2.1 (Electronically Assisted Shift Up & Down) di cambio senza frizione.

Le sospensioni (forcella, ammortizzatore e ammortizzatore di sterzo) si avvalgono delle unità Öhlins EC con gestione elettronica dell’idraulica in compressione ed estensione; il sistema permette di scegliere tra configurazioni predefinite e impostazioni manuali. Abbinato alla moto viene fornito uno speciale kit racing.

1/12
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli