di Beppe Cucco
- 19 October 2018

Nuova MV Agusta F4 Claudio, omaggio alla storia

Sviluppata sulla base della supersportiva F4, la nuova versione "Claudio" sfrutta componenti derivati dal mondo delle corse ed è ricca di materiali pregiati. Grazie al kit racing la potenza supera i 210 CV. Verrà realizzata in soli 100 esemplari
1/42

1 di 3
La MV Agusta F4 è stata presentata al pubblico nel 1997 ed è nata dell’estro di Massimo Tamburini e dell’intuizione di Claudio Castiglioni, che ha voluto definirne personalmente ogni dettaglio. La F4 è diventata fin da subito una della moto più belle del Mondo e questa nuova versione "Claudio" è il tributo a un uomo che ha dedicato la sua vita alle due ruote.

La base tecnica è costituita dalla F4 RC: il motore è un quattro cilindri in linea di 998 cc a 6 valvole con distribuzione a doppio albero a camme in testa e raffreddamento a liquido/olio. Rispetto al motore della F4 "base" sono numerosi gli interventi specificamente studiati dal Reparto Corse per la F4 Claudio: i condotti di aspirazione e di scarico della testa sono stati rivisti per migliorare l’efficienza fluidodinamica, i bicchierini delle valvole e le forchette del cambio hanno trattamento DLC (Diamond Like Carbon) e il contenimento degli attriti è stato esteso anche ad altri organi in movimento, ad esempio il pistone. La F4 Claudio monta poi una frizione STM multidisco in bagno d’olio, con dispositivo antisaltellamento meccanico, azionata da una pompa radiale Brembo. Il cambio, estraibile, dispone di sei rapporti con ingranaggi sempre in presa.

In configurazione standard, omologata per l’utilizzo stradale, la potenza massima raggiunge i 205 CV; nella configurazione "pista", con scarico racing completo a doppia uscita in titanio con centralina dedicata, la potenza sale a 212 CV all’albero a 13.450 giri/min, con la coppia che si attesta a 115 Nm a 9.300 giri/min.
La dotazione elettronica prevede 4 mappe, selezionabili attraverso la pulsantiera racing: alle tradizionali Normal, Sport e Rain si affianca la Custom, che permette di personalizzare i parametri di intervento. Il controllo di trazione, che si avvale della piattaforma inerziale, ha otto livelli d’azione. Di serie è montato il cambio elettronico MV EAS 2.0, con assistenza elettronica Up&Down. La MV Agusta F4 Claudio, oltre alle pulsantiere racing a destra e a sinistra, è equipaggiata con il cruscotto AIM con acquisizione dati, GPS integrato e software specifico, che permette di monitorare il comportamento dinamico della moto.

La F4 Claudio fa largo uso di materiali pregiati: titanio, fibra di carbonio e leghe leggere, che contribuiscono a contenere il peso. L’intera carenatura è realizzata in fibra di carbonio, con trama che alterna aree con finitura lucida ad altre con finitura opaca. Il look è caratterizzato dal carbonio a vista e da un filo dorato, costituito da rame rivestito tramite trattamento anodico. Anche il cupolino, le fiancatine, il puntale e il copricodino monoposto sono in fibra di carbonio, così come i cerchi BST Rapid Teck. Il titanio è utilizzato per i terminali dell’impianto di scarico, forniti a corredo con il kit racing, che riporta sui silenziatori il logo "Claudio" applicato tramite laser. In titanio anche la viteria, mentre le leghe di alluminio sono state utilizzate per la piastra superiore di sterzo alleggerita, le pedane pilota regolabili in altezza, il dado della ruota posteriore, le leve di freno e frizione, le pulsantiere racing, i tappi dei serbatoi del fluido idraulico di freni e frizione e il tappo del carburante. La sella del pilota è caratterizzata da un lavorazione trapuntata, con il logo Claudio ricamato.
Lo schema del telaio è a struttura mista, prevede cioè un elemento a traliccio in tubi di acciaio CrMo saldato a mano al TIG e due piastre in lega di alluminio. Sulle piastre trova alloggio il perno di fissaggio del monobraccio: quest’ultimo è realizzato in lega di alluminio e consente un’escursione della ruota di 120 mm. Le sospensioni sono Öhlins: forcella a steli rovesciati NIX 30 con trattamento superficiale TiN e steli di 43 mm e mono TTX36 con serbatoio piggyback somo completamente regolabili. I cerchi sono da 17" e montano di primo equipaggiamento pneumatici Pirelli Diablo Supercorsa, nelle misure 120/70 ZR17 anteriore e 200/55 ZR17 posteriore. La spalla della gomma è caratterizzata dalla colorazione dorata, soluzione estetica riservata alla F4 Claudio. L’impianto frenante sfrutta componenti Brembo all'anteriore: pinze radiali mono-blocco Brembo Stylema a 4 pistoncini (diametro 30 mm) con pompa radiale e due dischi da 320 mm con tecnologia Brembo Racing con sistema T-Drive, che permette al disco di flottare sia in senso radiale sia in senso assiale. Il disco posteriore, da 210 mm, è morso da una pinza Nissin a 4 pistoncini.

Le quote della ciclistica riportano: interasse di 1.430 mm, avancorsa di 100,4 mm e altezza sella di 830 mm dal suolo. La capacità del serbatoio carburante è di 17 litri e il peso a secco di 183 kg in configurazione standard e 175 in configurazione pista.

La nuova MV Agusta F4 Claudio verrà realizzata in serie limitata di soli 100 esemplari; ancora non è stato diffuso il prezzo della moto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli