30 March 2016

A Milano i proventi delle multe saranno destinati alla Polizia Locale

L’Amministrazione comunale del capoluogo lombardo ha deciso che il 50% degli incassi provenienti dalle sanzioni amministrative verranno destinati alla sistemazione della segnaletica, alla manutenzione stradale e all’incremento dei controlli. Si parla di oltre 90 milioni di euro

OLTRE 90 MILIONI DI EURO A DISPOSIZIONE DEL COMUNE

Solo pochi giorni fa vi avevamo comunicato che Milano, nel 2015, è risultata la città più congestionata d’Italia (secondo i dati Inrix); ora torniamo a parlare del Capoluogo lombardo, ma questa volta per quanto riguarda le sanzioni amministrative, anzi, i loro proventi. L’Amministrazione comunale ha deciso infatti di destinare il 50% degli incassi delle multe al potenziamento delle attività della Polizia Locale, in particolare all’ammodernamento e incremento della segnaletica stradale, alla manutenzione delle strade (spesso in condizioni critiche in tutto il nostro Paese) e al potenziamento delle attività di controllo. E non stiamo parlando di bruscolini, ma di una somma pari a ben 94.201.670 euro a disposizione del Comune, che quindi potrebbe fare molto per migliorare le condizioni delle proprie strade. 

ECCO COME VERRANNO UTILIZZATE LE RISORSE

La somma verrà così suddivisa: il 25% sarà destinato ad interventi di ammodernamento, potenziamento e messa a norma della segnaletica stradale urbana orizzontale (strisce pedonali) e verticali (cartelli) e degli impianti semaforici; un altro 25% per il potenziamento delle attività di controllo e accertamento delle violazioni del codice della strada, per i mezzi e le attrezzature per la Polizia Locale. Il restante 50% per la manutenzione delle strade, l’installazione di barriere protettive, l’illuminazione pubblica, gli interventi per la sicurezza stradale a tutela soprattutto degli utenti deboli: bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti. In particolare è previsto un potenziamento dell’attività della Polizia Locale per il controllo delle strade sulle infrazioni pericolose soprattutto per pedoni e ciclisti come la sosta sulle strisce pedonali, sulle piste ciclabili, la guida senza cinture o con il cellulare. Inoltre continueranno gli investimenti nella prevenzione, con i corsi di educazione stradale nelle scuole, negli ospedali e nei centri anziani e, sempre nelle scuole, i volontari “Nonni amici” per la sicurezza degli studenti all’entrata e uscita da scuola.

INVESTIAMO SULLA SICUREZZA DEI CITTADINI

Marco Granelli, assessore alla Sicurezza e Coesione sociale, Polizia locale e Protezione Civile, ha dichiarato: "Potenziamento e sostituzione della segnaletica stradale, interventi a tutela di pedoni e ciclisti e educazione stradale nelle scuole. Investiamo per la sicurezza di tutti i cittadini che ogni giorno frequentano le nostre strade”.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA