di Nicolas Patrini - 18 agosto 2019

Zarco out. A KTM serve un pilota e Dani Pedrosa…

Con l’addio di Johann Zarco al box KTM si aprono molti scenari. Un possibile impiego di Dani Pedrosa in sella alla RC16? Probabilmente a Mattighofen ci hanno pensato. Ecco le parole del pilota di Sabadell

1/7

La griglia di partenza della MotoGP 2020 non lascia ormai molte possibilità di inserimento, ma l’addio anticipato di Johann Zarco (qui le ultime dichiarazioni) apre uno scenario. A KTM occorre un altro pilota di esperienza, capace di migliorare l’efficacia del prototipo e proseguire il lavoro svolto. Scommettiamo che un pensiero su Dani Pedrosa i vertici di Mattighofen lo abbiano fatto e al pilota di Sabadell potrebbe esser stato chiesto un solo anno di lavoro “extra”, in vista dello sblocco dei contratti a fine 2020. Si tratta solo di ipotesi, ma tra lo spararla grossa e la realtà, in questi casi, la differenza è sottile. Ecco cosa ne pensa il diretto interessato.

“Tornare in gara? Ora, come collaudatore, sono molto più rilassato di prima e non ho in mente un impiego a tempo pieno in MotoGP. Non sento la pressione delle corse, ho più tempo libero e posso concentrarmi solo sullo sviluppo della moto. Per tutti questi motivi non mi sento di voler rientrare. Riguardo al prossimo anno è importante mettere al primo posto la moto e la volontà di migliorarla. Per me le esigenze del team vengono sempre al primo posto. Sono triste per l’addio di Johann, ma è talmente disperato da scegliere che sia meglio abbandonare il box. Ho grande rispetto per lui perché è un grande pilota. Non voglio prendere il suo posto perché, ora, il mio compito è quello di concentrarmi sui test”.

Pit Beirer, team leader di KTM, ha confermato il buon lavoro di Pedrosa: "Siamo estremamente contenti del lavoro di test che Dani sta facendo per noi. Ha fatto più di quello che ci aspettavamo”.

Per completare il quadro, un'ipotesi ben più concreta riguarda il rookie Oliveira, che verrebbe promosso alla squadra ufficiale e affiancato all'esperienza di Pol Espargarò. Infine, nel mare estivo delle possibilità ce n'è anche una davvero remota e riguarda Alvaro Bautista. Lo spagnolo sembra ormai a un passo dall'ufficializzazione con Honda in WSBK, ma finchè non si mette tutto nero su bianco restano aperte altre porte. Il numero 19 non ha mai nascosto di voler tornare in MotoGP e in questo senso ha due opzioni: rischiare subito o lavorare sodo con la nuova CBR1000RR per guadagnarsi un posto in HRC o LCR a fine 2020, quando si sbloccheranno quasi tutte le selle della classe regina. Il manager di Bautista ha fatto sapere che ora, sul piatto, ci sono offerte davvero allettanti. Che una di queste sia proprio di KTM?

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli