di Nicolas Patrini - 26 novembre 2019

Xaus risponde ad Abraham: “Nulla di scorretto. Lo sapeva”

Ruben Xaus fa il punto della situazione sulla rottura con Abraham e sul futuro del team

1/5

“Non ho molto da dire. Abbiamo rispettato il contratto e siamo stati corretti nei confronti dei pilota. Abbiamo dato numerose avvisaglie ad Abraham e siamo arrivati a questo punto passo dopo passo, senza nessuna decisione improvvisa. Abbiamo dovuto prendere una decisione e ciò è stato fatto nel bene della squadra e del suo futuro. Posso capire che Karel abbia il morale a terra, ma prima di arrivare alla conclusione sono stati fatti numerosi meeting in cui si è parlato della situazione. Ora abbiamo un nuovo accordo con Ducati, migliore per noi, e ciò che devo fare è spingere al massimo per far conciliare quanto offerto dalla Casa con la prestazione dell’intero team. Tito ha lavorato bene con noi e ora attendiamo l’arrivo di un pilota che possa seguire il nostro processo di crescita e fare bene. Entrambi i piloti nel nostro box avranno l’occasione di guidare una full-spec GP19 e questo è positivo, perché Ducati ci darà tutto il pacchetto sviluppato nella scorsa stagione. Tutti chiedono di Zarco, ma non sono io a gestire la situazione con il pilota. Attualmente sul tavolo ci sono più opzioni e Ducati sta parlando direttamente con i piloti per definire un accordo vantaggioso. L’arrivo di un pilota veloce può dare molto alla nostra squadra sia in termini di qualità che di stimoli”.

Questo quanto dichiarato da Ruben Xaus, Boss del Team Ducati Avintia, in risposta alle critiche di Karel Abraham. Xaus parla anche del futuro e del nuovo accordo con Ducati, più vantaggioso per la squadra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli