Per Ezpeleta, il sorpasso Rossi-Lorenzo a Misano è "il bello del motociclismo”

MotoGP: Carmelo Ezpeleta intervistato da Guido Meda, per Sky, ci parla del futuro di Valentino nel Motomondiale, di come potrebbe cambiare la Moto2, delle “ali” aerodinamiche e ci dice la sua riguardo al famoso sorpasso di Rossi nei confronti di Lorenzo a Misano

PRESENTE E FUTURO DEL MOTOMONDIALE secondo CARMELO EZPELETA

Il Mondiale MotoGP 2016 arriva questo fine settimana al suo 15° appuntamento, con il GP del Giappone (qui gli orari TV). Motegi sarà dunque la prima delle tre gare consecutive della trasferta asiatico-australiana che, insieme al round finale di Valencia,  eleggeranno il nuovo Campione del Mondo. Secondo voi chi vincerà la gara domenica? Valentino riuscirà a recuperare qualche punto a Marquez? Andate a leggervi le dichiarazioni dei piloti rilasciate prima dell’inizio del week end di gara e poi fate il vostro pronostico per partecipare al FantaMOTOCICLISMO, il nostro gioco che consente al miglior pronosticatore di diventare tester di Motociclismo per un giorno.
  Prima dell’inizio del week end di gara a Motegi, Carmelo Ezpeleta, il CEO di Dorna, ha parlato ai microfoni di Sky, intervistato da Guido Meda, riguardo al presente e al futuro del Motomondiale. Le sue parole spaziano dal futuro di Valentino nel Motomondiale a come potrebbe cambiare la Moto2, senza tralasciare la questione delle “ali” aerodinamiche e il famoso sorpasso di Rossi nei confronti di Lorenzo a Misano, che Carmelo definisce: “il bello del motociclismo”. Qui sotto vi riportiamo un estratto dell’intervista.

"se Valentino resterà qui, rimarrà la passione"

A cosa sono dovuti gli 8 vincitori diversi di questa stagione?
È grazie alla centralina unica, penso che abbia aiutato molto questa gestione. Sicuramente senza di quella Suzuki non avrebbe vinto con Viñales. Fino ad ora era una dominazione a volte di Yamaha, a volte di Honda. Adesso, con l’elettronica fissa, sono tutti un po’ più uguali”.
 
C’è stata questa querelle Ducati, Honda sulle ali, che poi alla fine sono state vietate. Qual è la sua personale visione su questa vicenda?
“L’idea sarebbe che le case possano proporre un certo tipo di carenatura e, una volta iniziata la stagione, siano autorizzate a cambiarla una volta nell’anno”. 
 
Tra le grandi novità del 2017 ci sarà la KTM. Com’è l’accesso alla MotoGP per una casa di questo tipo?
“Io me lo aspetto competitivo, penso che loro abbiano lavorato bene. Hanno cominciato molto tempo prima, non sono venuti a provare con noi prima che la moto fosse ultimata. I piloti, che sono piloti di MotoGP, andranno più avanti. Penso che dimostreranno che sono competitivi e molto veloci”.
 
La Moto2 non convince tutti, cambierà?
“Forse non convince i puristi, ma a Jerez una Moto2 attuale gira più forte del record che fece Valentino con l’ultima Honda classe 500. Vorrei mantenere il motore unico anche dopo che scadrà il contratto con la Honda. Se sarà un motore prototipo o derivato di serie non lo so. Non escludo niente. Stiamo esplorando tutte le possibilità. Io ho parlato con i piloti e loro mi dicono tutti che passare dalla Moto2 è buonissimo per la MotoGP”.  
 
Qual è la sua opinione sul Mondiale dopo Valentino Rossi?
“Per me Valentino, il giorno in cui si ritirerà come pilota, continuerà qua. Se Valentino resterà qui, rimarrà la passione, perché la passione può essere verso di lui o verso il suo riflesso sui suoi piloti”.
 
In un Mondiale bello come questo c’è stato spazio anche per qualche polemica, ad esempio il soprasso di Rossi su Lorenzo a Misano.
“Non ci ho visto nulla di irregolare o di particolare. È il bello del motociclismo e li controlliamo a sufficienza. E’ stata una questione tra loro due”.
 
Perché piste come Monza o Imola o altre piste all’estero non possono ospitare il Motomondiale?
“Ci sono molti posti veramente pericolosi, dove i problemi non si possono risolvere. I piloti sanno molto bene ciò di cui hanno bisogno”.
 
È alle spalle il momento della crisi?
“La crisi per noi è alle spalle. Abbiamo avuto la fortuna di conoscerla prima degli altri, quando gli sponsor del tabacco ci abbandonarono. Abbiamo così iniziato un cammino che attraverso le classi CRT e Open ci ha portato alla MotoGP attuale, che contiene i costi e garantisce spettacolo”.
   
Perché è cambiato il fornitore di gomme?
“Questo è importante. Il governo giapponese ha chiesto alle sue maggiori industrie di contribuire alle Olimpiadi di Tokyo del 2020. E Bridgestone si è dovuta allineare. Per cui abbiamo optato per Michelin, ma senza gara d’appalto. Per noi era vitale che il gommista volesse non fare un business, ma realizzare delle gomme buone. Loro avevano questa intenzione. Se si potesse arrivare a un sistema dove, con lo stesso numero di gomme, il pilota ha la possibilità di scegliere gomme diverse, mi sembra la strada giusta. Dobbiamo vedere se lo possiamo fare, stiamo lavorando in questa direzione”.

I video di MOTOCICLISMO

Guarda tutti i video di MOTOCICLISMO >>
© RIPRODUZIONE RISERVATA