di Beppe Cucco
- 29 January 2020

Rossi sul futuro: “ho bisogno di risposte che solo le gare possono darmi”

Con la firma del contratto tra Quartararo e il team ufficiale Yamaha Factory Racing Valentino Rossi si trova davanti ad un bivio: abbandonare le gare o restare in MotoGP, nel team satellite ma con il pieno supporto della Casa di Iwata. Ecco le parole del Dottore

1/39

Con la firma del contratto tra Fabio Quartararo e il team Yamaha Factory Racing a partire dal 2021 non ci saranno più moto disponibili nella squadra ufficiale per Valentino Rossi. Il Dottore si trova così davanti ad una scelta: abbandonare le gare, oppure restare in MotoGP passando al team Petronas, ma con il pieno supporto della Casa. In questo caso, un po' come hanno fatto i due fratelli Marquez, Valentino potrebbe far coppia con il fratello Luca Marini. A seguito di discussioni tra Yamaha e Rossi, è stato deciso che Valentino avrà tempo fino alla metà della stagione 2020 per decidere se continuare a correre o meno. Questo periodo di sette-otto gare è stato richiesto da Rossi per valutare la sua competitiva rispetto agli altri piloti in griglia. Se Rossi dovesse decidere di continuare a guidare la MotoGP nel 2021, Yamaha garantirà a Valentino una M1 factory e il pieno supporto tecnico.

Ecco il commento di Rossi sulla vicenda: “per motivi dettati dal mercato dei piloti, Yamaha mi ha chiesto all'inizio dell'anno di prendere una decisione in merito al mio futuro. Coerentemente con quello che ho detto durante l'ultima stagione, ho confermato che non volevo affrettare alcuna decisione e avevo bisogno di più tempo. Yamaha ha agito di conseguenza e ha concluso i negoziati in corso. È chiaro che dopo gli ultimi cambiamenti tecnici e con l'arrivo del mio nuovo capo equipaggio, il mio primo obiettivo è essere competitivo quest'anno e continuare la mia carriera come pilota MotoGP anche nel 2021. Prima di farlo, devo avere risposte che solo la pista e le prime gare possono darmi. Sono contento che, se dovessi decidere di continuare, Yamaha è pronta a supportarmi sotto tutti gli aspetti, dandomi una moto factory e un contratto direttamente con la Casa. Nei primi test farò del mio meglio per fare un buon lavoro insieme al mio team ed essere pronto per l'inizio della stagione”.

Abbiamo fiducia in Valentino, ma Yamaha deve pianificare il futuro

Queste le parole di Lin Jarvis, managing director Yamaha: “la scelta comprensibile di Valentino di valutare la sua competitività nel 2020 prima di prendere qualsiasi decisione circa il 2021 è stata qualcosa che Yamaha rispetta e accetta anche con tutto il cuore. Mentre abbiamo totale rispetto e fiducia nelle capacità e nella velocità di Valentino per il campionato 2020, allo stesso tempo la Yamaha deve anche pianificare il futuro. In questi giorni, con sei produttori di motociclette della classe MotoGP, i giovani talenti veloci sono molto richiesti, e di conseguenza il mercato inizia sempre prima. Quindi, è una strana sensazione iniziare una stagione sapendo che Vale non sarà nel Factory Team nel 2021, ma la Yamaha sarà ancora lì per Valentino, qualunque cosa possa decidere per il futuro. Se si sente sicuro e continuerà a correre, forniremo una YZR-M1 factory e il supporto tecnico completo. Se decide di ritirarsi, continueremo ad espandere le nostre collaborazioni fuori pista con i programmi di allenamento dei giovani piloti della Riders Academy e del Yamaha VR46 Master Camp, e con lui come ambasciatore del marchio Yamaha. Ad ogni modo, questa è tutta una speculazione, in questo momento abbiamo una stagione piena davanti a noi e posso assicurare ai fan che Valentino avrà il nostro supporto al 100% ogni giorno fino a quando alla fine un giorno deciderà di appendere il casco al chiodo!”

1/21 MotoGP 2019, Valentino Rossi - Yamaha Factory Racing
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli