di Nicolas Patrini - 11 febbraio 2019

Un pignone antisaltellamento sulla Desmosedici GP?

Stando a quanto postato sui social network da Marco Melandri, pare che la Casa di Borgo Panigale abbia introdotto in MotoGP, già alla fine dello scorso anno, un pignone capace di rendere ancor più efficace la cambiata…
  • Salva
  • Condividi
  • 1/18 Test MotoGP 2019, Sepang: Ducati

    Che Ducati sia tra le case più prolifiche dal punto di vista delle innovazioni in MotoGP non è un segreto. Durante gli ultimi test abbiamo visto l’ultima delle “invenzioni” di Gigi Dall’Igna, una carenatura con tre ali a differenti altezze per migliorare l’aerodinamica della Desmosedici GP19, e un nuovo serbatoio, con prese d’aria utili a raffreddare maggiormente i circuiti elettronici. Se ve li siete persi, qui sotto trovate le immagini.

    Ora, a far notizia è un’indiscrezione postata da Marco Melandri sui social network e sul sito www.motowide.com. Riportiamo, in parte, quanto ha pubblicato il numero 33:

    “L’invenzione di cui stiamo parlando si presenta come la più grande svolta tecnologica, proprio come lo è stato il primo cambio seamless introdotto da Honda. Il concetto di pignone antisaltellamento si rifà a quello della famosa frizione antisaltellamento. Abbiamo prestato molta attenzione al “suono” della Ducati, ed è evidente che in staccata e in scalata sia diverso dal solito. Il pignone antisaltellamento riuscirebbe a favorire il pilota nel momento di massimo angolo di piega, quando salendo di marcia non sempre si ha una gestione della coppia perfettamente raccordata tra una marcia e l’altra. Per via del seamless, il cambio marcia viene caricato completamente sulla trasmissione pignone-catena-corona. Questo inedito pignone farebbe da “filtro”, mantenendo la catena in tiro costante e rendendo la moto più stabile, per consentire al pilota di alleggerire il carico di lavoro in questa fase, affidandosi proprio al lavoro del pignone antisaltellamento”.

    Cliccate qui per leggere l’articolo completo pubblicato sul sito MotoWide.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA