Dovizioso: “questo podio è quasi come una vittoria”

Scattato dall’ottava posizione della griglia di partenza del GP di Jerez Andrea Dovizioso ha saputo recuperare fino al terzo gradino del podio. Un risultato ricco di significati sia per lui che per Ducati

1/10

Andrea Dovizioso 

Per Andrea Dovizioso il primo GP della stagione MotoGP 2020, quello di Jerez de la Frontera, si è chiuso con il podio. Scattato dall’ottava posizione in griglia, Dovi ha sferranto l’attacco decisivo al pilota australiano del Pramac Racing team Jack Miller a due giri dalla bandiera scacchi, conquistando così la terza posizione. Il terzo posto conquistato ieri a Jerez rappresenta per Dovizioso il suo miglior risultato nella classe regina sul tracciato andaluso, mentre per Ducati si tratta del quinto terzo posto conquistato sul circuito di Jerez. Un risultato ricco di significato visto che è stato ottenuto su una pista dove la Ducati non vince dal 2006, quando a trionfare fu Loris Capirossi. Inoltre, quella di Jerez non è nemmeno una delle piste preferite di Dovi (che qui era salito sul podio solo nel 2007 con la 250 cc) e questo risultato arriva solo tre settimane dopo la frattura della spalla. Ecco il commento a caldo di Andrea Dovizioso:

Questo podio per me è quasi come una vittoria. È stata una gara davvero difficile e non pensavo di poter ottenere questo risultato, ma fortunatamente non ho mai mollato fino alla fine e sono riuscito a non commettere errori. Nel warm up di questa mattina il team ha fatto davvero un grande lavoro, riuscendo a migliorare il mio feeling con la Desmosedici GP e dandomi la possibilità di essere costante oggi in gara. Purtroppo non mi sentivo però ancora completamente a mio agio e, soprattutto, mi mancava velocità. Sicuramente, grazie al feedback di questa gara, riusciremo ad essere più competitivi nel prossimo GP, che si correrà nuovamente qui a Jerez domenica prossima”.

1/10

Andrea Dovizioso 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Ultimi articoli